Compagno! Butta quella merda! L’unica canna che ti serve è la canna del fucile

“I vincoli morali del capitalismo si allentano e una serie di attività che prima erano proibite perché ritenute immorali oggi non lo sono più proprio come previsto e teorizzato da Karl Marx: “Il capitale aborre la mancanza di profitto o il profitto molto esiguo,come la natura aborre il vuoto. Se il tumulto e le liti portano profitto, esso incoraggerà l’uno e le altre”(Il Capitale libro 1, capitolo 24)

La droga è il prodotto ultimo della logica capitalistica dell’alienazione e dell’individualismo, in questo senso è nemica stessa di ogni possibilità di presa di coscienza, di volontà di cambiamento reale. È l’ultimo rifugio che viene imposto a chi non ha la capacità non solo di sognare ma di voler costruire un’alternativa allo stato di cose presente.
L’uso delle droghe “leggere” nella massa dei giovani proletari deve essere combattuto e lo si può combattare solo se il bisogno d’emancipazione che s’esprime in esso trova sul mercato politico l’unico bene che può “appagarlo”: la lotta del proletariato contro l’offensiva borghese e il capitalismo, la lotta del proletariato per il socialismo. In questo momento un tale movimento di classe non è in campo. Ma non potrà mai tornarvi, se un’avanguardia fornita dell’adeguata prospettiva non gli spiana il terreno sin da ora.

Cominciando a rimettere in piedi un programma e un’organizzazione di classe. Questo è il compito cui è oggi chiamato il proletariato militante. Non potrà svolgerlo senza organizzare e disciplinare tutte le sue forze in funzione di esso. Su questa via, l’uso di droghe “leggere” tra le sue fila è un ostacolo. Esse infatti dissipano le energie dei compagni, contribuiscono a forgiare in essi un animo debole, incapace di costanza e abnegazione; un animo esposto a ogni richiamo che proviene dalla “foresta” borghese. E se l’avanguardia del proletariato manca di fermezza e di spirito di sacrificio, come può svolgere quel lavoro metodico necessario per impostare la lotta in difesa del salario o dell’occupazione? La lotta di classe ha bisogno di essere organizzata e guidata da un’avanguardia dotata di una adeguata prospettiva di classe.

Per capire di cosa stiamo parlando forse è bene citare un brano di Engels riferito alla condizione degli operai inglesi alla fine dell’800. “Tutte le lusinghe, tutte le possibili tentazioni si uniscono per spingere gli operai all’ubriachezza. L’acquavite è per essi quasi la sola fonte di piacere, e tutto congiura per mettergliela a portata di mano. L’operaio ritorna a casa stanco ed esaurito dal suo lavoro; trova un’abitazione priva di ogni comodità, umida, sgradevole e sudicia; ha un acuto bisogno di una distrazione, deve avere qualcosa per cui valga la pena di lavorare, che gli renda sopportabile la prospettiva delle fatiche del giorno successivo… in simili circostanze esiste una necessità fisica e morale, per cui una grande parte degli operai deve soggiacere all’alcool… Ma come è inevitabile che un gran numero di operai cada vittima dell’ubriachezza, così è anche inevitabile che l’alcool eserciti i suoi effetti distruttivi sullo spirito e sul corpo delle sue vittime”
L’assunzione di droghe, l’alcolismo diventano fattori incompatibili per una reale militanza rivoluzionaria. Come possono i comunisti agire come avanguardia se prima di tutto non diventano esempio per i propri compagni di scuola, di università, di lavoro, per i giovani che guardano a loro? La droga e la dipendenza da sostanze in generale, sono fattori apertamente controrivoluzionari e come tali vanno considerati e trattati da chi aspira a costruire nel nostro paese le premesse per un cambiamento reale dello stato di cose presente. L’analisi sulla libertà individuale, deve cedere il passo a quella sulla dimensione sociale, sulle finalità ultime. Combattere la droga vuol dire combattere il sistema. Farla sparire dai nostri quartieri ridando speranza di cambiamento reale ad una generazione un nostro dovere rivoluzionario.

Fonte:

http://www.senzatregua.it/perche-la-gioventu-comunista-deve-combattere-la-droga/

http://www.senzatregua.it/droga-e-dipendenza-liberta-individuale-o-questione-sociale/

Il programma politico della Repubblica Comunista Italiana

Politica internazionale

Uscita dell’Italia dalla NATO con disimpegno del nostro Paese da tutte le missioni di guerra all’estero e la conseguente chiusura di tutte le basi militari straniere.

Adozione di una politica estera orientata in senso antimperialista e limitazione delle spese di bilancio militare alle sole esigenze di difesa del popolo e del territorio italiano, in ottemperanza all’art. 11 della Costituzione.

Uscita dell’Italia dall’Unione Europea e dalla Unione Monetaria Europea (sistema dell’euro) e ripristino della sua sovranità politica ed economica al fine di sviluppare tutte le potenzialità di sviluppo del nostro Paese, per non sprofondare ulteriormente nell’indebitamento e nella recessione.

Azzeramento unilaterale della parte del debito detenuto da banche ed istituzioni finanziarie, monopoli e fondi speculativi italiani ed esteri, difendendo i fondi dei piccoli risparmiatori. Divieto di qualsiasi attività e pubblicità delle agenzie di rating sul territorio italiano e sottoposizione delle agenzie stesse e dei loro dirigenti a procedimento penale per associazione a delinquere con finalità eversive, in base alle leggi italiane.

Politica del lavoro

Abrogazione di tutte le leggi che legittimano la precarietà del lavoro e che discriminano i lavoratori per genere ed età e messa fuori legge e perseguibilità penale del caporalato sotto qualsiasi forma. Ripristino della piena validità e preminenza del Contratto Nazionale Collettivo di Lavoro e di chiari e rigidi limiti di legge per il licenziamento dei lavoratori e la possibilità di riassunzione del lavoratore su indicazione del giudice. Superamento di tutte le forme di false cooperative. Istituzione del salario minimo garantito per legge dallo Stato, per un’esistenza dignitosa alle lavoratrici ed ai lavoratori, di un’indennità di disoccupazione a tempo indeterminato fino alla proposta di nuova assunzione non inferiore all’90% dell’ultimo salario percepito, di un’indennità a tempo indeterminato fino alla proposta di assunzione pari al 60% del salario medio per i giovani in cerca di prima occupazione al termine dell’istruzione obbligatoria.Riduzione dell’orario lavorativo a parità di salario e contributi e ripristino dell’indicizzazione dei salari al costo della vita (scala mobile), accompagnato da una politica di controllo popolare alla fonte dei prezzi dei generi di prima necessità e di largo consumo con l’abolizione delle imposte indirette (IVA) sugli stessi. Controllo dei lavoratori sulle condizioni di sicurezza e salute sul lavoro e politiche di prevenzione degli incidenti e delle malattie professionali con inasprimento delle pene per chi le disattende. Politiche di sostegno alla ricerca applicata ed all’innovazione, di prodotto e di processo, per le piccole imprese, favorendone la concentrazione e l’integrazione in forme associate consortili o cooperative, in modo di consentire loro di acquisire economie di scala.

La questione fiscale

Oggi, nel nostro Paese, fra le tante e gravi questioni che determinano il malessere sociale dei lavoratori e del popolo italiano, vi è la questione fiscale. La pressione fiscale ha raggiunto, ormai, in Italia, il 55% ( rapporto fra entrate fiscali e Pil ), colpendo sia i lavoratori dipendenti ed i pensionati ( che pagano il 93% dell’Irpef totale), ma anche i lavoratori autonomi e le piccole imprese. Da dove nasce, negli Stati ad economia capitalistica, l’esigenza di un prelievo fiscale così intenso? Nel capitalismo monopolistico, lo Stato è impegnato ad erogare una forte spesa pubblica, per riprodurre i propri apparati burocratico-militari, per garantire un minimo di servizi sociali, ma, soprattutto, per sostenere in varie forme ( contributi a fondo perduto, incentivi ed agevolazioni fiscali ecc. ) la produzione e l’attività finanziaria dei grandi gruppi industriali e bancari.Tanto più lo Stato, non è proprietario di attività produttive di beni e servizi e di banche, che garantiscano introiti economici, tanto più il fisco è l’unica fonte di sostegno alla spesa pubblica.

In Italia, lo abbiamo constatato chiaramente: quando il sistema economico era a carattere misto, con la proprietà privata ma anche pubblica delle attività produttive fondamentali del Paese, la pressione fiscale era più bassa, dopo le privatizzazioni degli anni ’90 e successivi, essa è svettata a livelli insopportabili.Qui sta il nodo della questione fiscale: lo Stato preleva le risorse di cui ha bisogno, principalmente per sostenere l’attività dei grandi gruppi industriali e finanziari, dal reddito dei lavoratori, dei pensionati e delle piccole imprese. Non esiste paese ad economia capitalistica che non sia strutturato in tal modo, pur con qualche differenza fra di loro.

I comunisti propongono come obbiettivo programmatico principale ed iniziale del loro progetto politico l’esproprio, la nazionalizzazione ed il controllo operaio e popolare dei principali gruppi produttivi e bancari come base per un livello inizialmente significativo di socializzazione dell’economia nazionale. Ciò ha come conseguenza, sul piano fiscale, che lo Stato, nel nuovo ordinamento socialista, è in grado, in quanto detentore e pianificatore dell’utilizzo della ricchezza prodotta dai lavoratori nelle imprese socializzate, di allentare, fin da subito, consistentemente la pressione fiscale, fino alla sua riduzione ai minimi termini e alla sua eliminazione nelle fasi più avanzate della transizione socialista-comunista, come testimoniato dalla storia dell’Urss e degli altri Stati socialisti. Per questo, il socialismo, con la socializzazione dei mezzi di produzione e di scambio, è il sistema che è in grado di liberare i lavoratori dal giogo dell’oppressione fiscale lasciando il reddito da essi guadagnato a loro disposizione.

Questa è la nostra proposta di ” riforma fiscale “, dopo decenni di prelievo statale sui redditi di lavoratori e pensionati e di menzogne delle forze politiche e sociali dominanti sulla possibilità di ridurre il carico fiscale in un ordinamento socio- economico capitalistico.

Politica di tutela ambientale

Dato lo stato del sistema industriale italiano, è urgente una politica di riconversione produttiva delle aziende inquinanti, in grado di rilanciare l’occupazione lavorativa attraverso la riqualificazione ambientale degli impianti stessi, procedendo in un processo di collettivizzazione delle grandi proprietà. L’applicazione e la diffusione di tecnologie non inquinanti che consentano il risparmio energetico assieme all’introduzione di un serio sistema sanzionatorio per le aziende che ancora inquinano sono i primi fondamentali elementi in grado di imporre una svolta nella direzione della necessaria modernizzazione e riqualificazione del nostro apparato produttivo per garantire nello stesso tempo nuova occupazione qualificata e tutela dell’ambiente e della salute dei lavoratori e dei cittadini.

A questi fini è urgente lo studio e l’applicazione sempre più diffusa delle tecnologie fondate sull’utilizzo delle fonti rinnovabili ed alternative di energia, in contrasto con le politiche degli inceneritori, un’educazione di massa ai consumi fondati sul risparmio energetico e dei materiali e la sottrazione della raccolta, smaltimento e riciclo dei rifiuti al business criminale attraverso la completa nazionalizzazione del ciclo.

Politica dei servizi sociali

Il diritto alla salute, alla casa, all’istruzione, alla cultura ed allo sport sono oggi duramente messi in discussione dalle politiche dei vari governi borghesi.

I comunisti pensano che la salute possa essere difesa e seriamente tutelata solo rilanciando il carattere universalistico della prestazione sanitaria, abolendo qualsiasi tipo di ticket sanitari, nella prospettiva di garantire l’assistenza sanitaria gratuita, a partire dai farmaci salvavita. Per raggiungere tale obbiettivo è necessario il blocco delle privatizzazioni in corso e dei tagli di bilancio nel sistema della sanità, in particolare per i servizi di assistenza ai disabili ed agli anziani, garantendone anzi il loro miglioramento, potenziamento ed espansione. A tali fini è necessario un crescente intervento statale nel settore farmaceutico e nella sanità, nella prospettiva di una sua totale pubblicizzazione. Volevano far credere che la salute andava gestita in termini manageriali: il sistema sarebbe migliorato e si sarebbero annullate le perdite economiche, abbiamo visto come è andata a finire: i servizi sono notevolmente peggiorati ed i conti sono sempre più in rosso. Gli ospedali devono tornare in mano pubblica, sotto la gestione del popolo e di chi ci lavora. La stessa cosa vale per l’industria farmaceutica, così come la rete delle farmacie deve diventare al servizio del cittadino per garantirne la salute.

L’istruzione deve effettivamente essere gratuita ed obbligatoria fino al compimento dei 18 anni, cessando di finanziare, col denaro pubblico, scuole ed università private e destinando le ingenti risorse così liberate al potenziamento del sistema formativo statale a tutti i livelli, allo sviluppo della libera ricerca scientifica ed alla creazione di condizioni di accesso all’istruzione ed alla cultura per tutti, in tutti i suoi aspetti, senza barriere di classe, per uno sviluppo armonico della personalità umana.

L’abitazione è un diritto fondamentale della persona e dovrà essere garantito a tutti attraverso grandi politiche di riqualificazione dell’edilizia popolare pubblica, affitti commisurati al salario percepito e la requisizione dei grandi patrimoni immobiliari sfitti.

Una profonda riforma istituzionale

Innanzitutto, è necessario applicare un capillare controllo popolare sul sistema dell’informazione che deve restare preminentemente pubblico, vietando qualunque ingerenza del capitale in questo campo per impedire la manipolazione dell’informazione e delle coscienze.

Devono ugualmente essere profondamente riformate le istituzioni che garantiscono la difesa, la sicurezza e la giustizia, ricordando che l’arma della ‘legalità’ viene usata dalla borghesia per combattere la lotta di classe. Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Forze Armate e Magistratura debbono essere riportate sotto il controllo popolare, integrandone gli organici, a partire dai massimi gradi, con quadri di provenienza proletaria, eliminando qualunque rischio di casta separata, favorendone lo stretto rapporto col popolo, estendendo in questi settori le garanzie ed i diritti sindacali per tutti a partire dalla ricostruzione di un esercito fondato principalmente sulla leva popolare.

Nell’ambito delle istituzioni, transitoriamente all’istituzione del potere popolare, servono una legge elettorale proporzionale, senza sbarramenti, secondo il principio “una testa un voto” ; un Parlamento monocamerale per semplificare e velocizzare l’iter legislativo e consentire anche un notevole risparmio di spesa, nella prospettiva di un parlamento dei lavoratori; l’equiparazione delle indennità parlamentari alla retribuzione media di un lavoratore in trasferta; l’istituzione del vincolo di mandato, per evitare che il deputato tradisca i propri elettori; la revocabilità del mandato parlamentare da parte degli elettori.

Infine, deve essere sancita una netta separazione della Chiesa dallo Stato e l’affermazione della laicità di quest’ultimo, nel rispetto paritario di tutte le confessioni religiose e dell’ateismo.

Le risorse per le riforme

Le risorse per attuare queste riforme devono essere trovate attraverso le seguenti misure di politica economica:
La nazionalizzazione, senza indennizzo, delle banche, delle società finanziarie, dei fondi speculativi, delle assicurazioni, delle grandi aziende e dei settori strategici di rilevanza nazionale, delle aziende che hanno de localizzato produzioni all’estero.
La competenza statale sul commercio estero, al fine di salvaguardare gli interessi nazionali sulla base di reciproci vantaggi, cooperazione, equità e parità di rapporti nei confronti dei nostri partner internazionali.
La lotta alla rendita parassitaria, attraverso la tassazione dei grandi patrimoni e delle transazioni finanziarie.
La lotta all’evasione fiscale, prevedendo il carcere e la confisca dell’intero patrimonio per i casi più gravi.
La lotta alla corruzione nell’apparato statale e nella pubblica amministrazione, con la confisca del patrimonio tanto per il corrotto che per il corruttore, nonché nei casi di concussione.
L’abolizione di tutti i privilegi fiscali della Chiesa cattolica e delle altre confessioni religiose, dai valdesi ai musulmani, delle politiche di agevolazione e dei trasferimenti statali in loro favore.

Fonte

I comunisti che sconfissero l’angelo della morte

Nella storia della medicina, i russi occupano un ruolo importante. Soprattutto per quanto riguarda la lotta alle malattie infettive

Dalla mistica alla scienza. Il genere umano ha sempre avuto a che fare con le infezioni, e non è mai stato in grado di curarle in maniera appropriata. Virus e batteri ancora per buona parte del XIX secolo erano tra le principali cause di morte. Poi la ricerca, l’impegno dei medici, il progresso della medicina. E attualmente la maggior parte delle patologie infettive potenzialmente mortali possono essere curate o prevenute. Un importante contributo a questa difficile lotta è stato dato dagli scienziati e dai medici sovietici. Vediamo quali terribili malattie essi riuscirono a sconfiggere, e come.

Il vaiolo

Il vaiolo è l’unica malattia infettiva ad essere stata completamente sradicata dall’uomo. Gli indiani già nell’VIII secolo avevano compreso che una persona può ammalarsi di vaiolo una sola volta nella vita, dopo di che nel soggetto colpito si produce una resistenza alla malattia. Essi inventarono la variolazione, infettando soggetti sani con soggetti affetti da una forma lieve della malattia. Questa sorta di vaccino, però, risultava pericoloso: un paziente su cinquanta ne moriva. Nel 1796 il medico inglese Edward Jenner infettò un bambino di otto anni, James Phipps, con il vaiolo bovino, una malattia non grave trasmessa dalla mucca all’uomo. In seguito, il medico inoculò al bambino il vaiolo, che non attecchì. Da quel momento ebbe inizio la storia dell’eradicazione della malattia nell’intero pianeta.

Il piano d’azione per estirpare definitivamente il vaiolo in tutto il mondo fu elaborato dai medici sovietici e approvato dall’assemblea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1967. Fu una vittoria che può essere attribuita senza ombra di dubbio all’URSS. La prima fase fu quella più costosa, ma anche più semplice: si doveva vaccinare il maggior numero possibile di persone. Nella seconda fase occorreva individuare e spegnere i focolai isolati della malattia, e assicurarsi che nemmeno una sola persona tra i miliardi di abitanti della Terra fosse più affetta dal vaiolo.   In ogni angolo del pianeta furono condotte operazioni per la “cattura” dei malati: praticamente, si trattava di cercare un ago in un pagliaio.

Il 22 ottobre 1977 nella città di Marka, nel Sud della Somalia, fu registrato l’ultimo caso di infezione di vaiolo da un focolaio naturale della malattia. L’8 maggio 1980, invece, nella trentatreesima seduta dell’OMS fu dato l’annuncio ufficiale che il vaiolo era stato debellato in tutto il pianeta. Attualmente i virus della malattia sono custoditi solo in due laboratori, in Russia e negli Stati Uniti. La decisione in merito alla loro distruzione è stata rinviata al 2014.

La peste

Il nostro pianeta ha visto tre grandi epidemie di peste: quella cosiddetta “di Giustiniano”, negli anni 551-580; la “morte nera” che imperversò dal 1346 al 1353, e la pandemia verificatasi tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Si cercò di contrastare la malattia con la procedura della quarantena, e più tardi, in un’epoca ormai prossima alla scoperta dei batteri, disinfettando gli ambienti con il fenolo. Il primo vaccino fu realizzato alla fine del XIX secolo dallo scienziato di Odessa Vladimir Kharkin. Milioni di dosi del vaccino di Kharkin furono usate in tutto il mondo, fino agli anni ’40 del XX secolo. Esso, però, a differenza del vaccino contro il vaiolo, non fu in grado di debellare la malattia, e ne ridusse la mortalità solo di 10 volte; venne comunque impiegato, perché non si disponeva di alcun altro rimedio.  La cura definitiva fu scoperta solo dopo la Seconda guerra mondiale, quando i medici sovietici impiegarono la streptomicina, di recente invenzione, per sradicare la peste in Manciuria negli anni tra 1945 e il 1947. Ormai da alcuni decenni non si registrano più epidemie o grossi focolai di questa malattia, benché si riscontrino ancora oggi alcuni casi isolati di infezione.

La poliomielite

Di gravi epidemie di poliomielite non si era mai sentito parlare fino al XX secolo. Questo perché nei paesi ancora poco sviluppati i lattanti, a causa delle carenti condizioni igienico-sanitarie, entravano in contatto con l’infezione, ma al tempo stesso, con il latte materno, ricevevano gli anticorpi per contrastarla. Nei paesi sviluppati, invece, la malattia cominciò a colpire bambini di età più avanzata, ormai privi delle difese provenienti dal latte materno: tutto ciò a causa di un’eccessiva igiene. Durante l’epidemia del 1921 negli stati Uniti si ammalò di poliomielite il futuro presidente Roosevelt, che in seguito alla malattia rimase storpio per tutta la vita. La malattia di Roosevelt diede impulso alla lotta alla poliomielite. Il presidente investì il proprio denaro nella ricerca e nelle cliniche, e negli anni ’30 l’affetto che la popolazione americana nutriva per lui permise di raccogliere milioni di dollari per lo studio del virus.  Il primo vaccino fu realizzato nel 1950 da Jonas Salk. Esso era molto costoso, perché veniva ricavato dai reni delle scimmie. Ciò nonostante, entro il 1956 era stato inoculato a 60 milioni di bambini. Più o meno nello stesso periodo lo scienziato Albert Sabin realizzò un vaccino vivo che non richiedeva più l’uccisione di un gran numero di animali. Gli Stati Uniti a lungo non si risolsero a impiegarlo, e allora Sabin consegnò i ceppi del virus all’URSS, dove gli scienziati Smorodintsev e Chumakov organizzarono in tempi brevi la sperimentazione e l’immissione sul mercato del vaccino.  Gli scienziati sovietici sperimentarono il vaccino su di sé, sui propri figli, sui propri nipoti e sui nipoti degli amici. Tra il 1959 e il 1961 in Unione Sovietica furono vaccinati 90 milioni di bambini e adolescenti, e il fenomeno della poliomielite in URSS scomparve. Da allora i vaccini sono impiegati per eliminare la malattia in tutto il mondo.

Nel 1988 l’OMS approvò un programma di lotta alla malattia e nel 2001 si riuscì a ridurre il numero dei nuovi casi da 350 mila fino a millecinquecento all’anno. Di recente è stato approvato un programma per debellare definitivamente questa malattia, come fu fatto con il vaiolo.

Fonte

Primo Levi ci spiega la differenza tra Gulag e lager nazista

1-XPUvAi4PeBfjmdf7-xUVkw.jpg

La polemica in corso in Germania fra chi tende a banalizzare la strage nazista (Nolte, Hillgruber) e chi ne sostiene l’unicità (Habermas e molti altri) non può lasciare indifferenti. La tesi dei primi non è nuova: stragi ci sono state in tutti i secoli, in specie agli inizi del nostro, e soprattutto contro gli «avversari di classe» in Unione Sovietica, quindi presso i confini germanici. Noi tedeschi, nel corso della Seconda guerra mondiale, non abbiamo fatto che adeguarci a una prassi orrenda, ma ormai invalsa: una prassi «asiatica» fatta di stragi, di deportazioni in massa, di relegazioni spietate in regioni ostili, di torture, di separazioni delle famiglie. La nostra unica innovazione è stata tecnologica: abbiamo inventato le camere a gas.

Ora, i sovietici non possono essere assolti. La strage dei kulaki prima, e poi gli immondi processi e le innumerevoli e crudeli azioni contro veri o presunti nemici del popolo sono fatti gravissimi, che hanno portato a quell’isolamento politico dell’Unione Sovietica che con varie sfumature (e con la forzata parentesi della guerra) dura tuttora. Ma nessun sistema giuridico assolve un assassino perché esistono altri assassini nella casa di fronte. Inoltre, è fuori discussione che si trattava di fatti interni all’Unione Sovietica, a cui nessuno, dal di fuori, avrebbe potuto opporre difese se non per mezzo di una guerra generalizzata.

Che «il Gulag fu prima di Auschwitz» è vero; ma non si può dimenticare che gli scopi dei due inferni non erano gli stessi. Il primo era un massacro fra uguali; non si basava su un primato razziale, non divideva l’umanità in superuomini e sottouomini: il secondo si fondava su un’ideologia impregnata di razzismo. Se avesse prevalso, ci troveremmo oggi in un mondo spaccato in due, «noi» i signori da una parte, tutti gli altri al loro servizio o sterminati perché razzialmente inferiori. Questo disprezzo della fondamentale uguaglianza di diritti fra tutti gli esseri umani trapelava da una folla di particolari simbolici, a partire dal tatuaggio di Auschwitz fino all’uso, appunto nelle camere a gas, del veleno originariamente prodotto per disinfestare le stive invase dai topi. L’empio sfruttamento dei cadaveri, e delle loro ceneri, resta appannaggio unico della Germania hitleriana, e a tutt’oggi, a dispetto di chi vuole sfumarne i contorni, ne costituisce l’emblema.

È bensì vero che nei Gulag la mortalità era paurosamente alta, ma era per cosi dire un sottoprodotto, tollerato con cinica indifferenza: lo scopo primario, barbarico quanto si vuole, aveva una sua razionalità, consisteva nella reinvenzione di un’economia schiavistica destinata alla «edificazione socialista». Neppure dalle pagine di Solzenicyn, frementi di ben giustificato furore, trapela niente di simile a Treblinka e a Chelmno, che non fornivano lavoro, non erano campi di concentramento, ma «buchi neri» destinati a uomini, donne e bambini colpevoli solo di essere ebrei, in cui si scendeva dai treni solo per entrare nelle camere a gas, e da cui nessuno è uscito vivo. I sovietici invasori in Germania dopo il martirio del loro Paese (ricordate, fra i cento dettagli, l’assedio spietato di Leningrado?) erano assetati di vendetta, e si macchiarono di colpe gravi, ma non c’erano fra loro gli Einsatzkommandos incaricati di mitragliare la popolazione civile e di seppellirla in sterminate fosse comuni scavate spesso dalle stesse vittime; né del resto avevano mai progettato l’annientamento del popolo tedesco, contro cui pure nutrivano allora un giustificato desiderio di rappresaglia.

Nessuno ha mai attestato che nei Gulag si svolgessero «selezioni» come quelle, più volte descritte, dei Lager tedeschi, in cui con un’occhiata di fronte e di schiena i medici (medici!) SS decidevano chi potesse ancora lavorare e chi dovesse andare alla camera a gas. E non vedo come questa «innovazione» possa essere considerata marginale e attenuata da un «soltanto». Non erano una imitazione «asiatica», erano bene europee, il gas veniva prodotto da illustri fabbriche chimiche tedesche; e a fabbriche tedesche andavano i capelli delle donne massacrate; e alle banche tedesche l’oro dei denti estratti dai cadaveri. Tutto questo è specificamente tedesco, e nessun tedesco lo dovrebbe dimenticare; né dovrebbe dimenticare che nella Germania, nazista, e solo in quella, sono stati condotti a una morte atroce anche i bambini e i moribondi, in nome di un radicalismo astratto e feroce che non ha uguali nei tempi moderni.

Fonte

BERLINGUER. UNA BRAVA PERSONA MA NON ERA COMUNISTA

C’è sempre un inizio. Ci chiediamo: cosa ha portato la grande esperienza storica e politica dei comunisti in Italia alla consunzione? Cosa ha portato il Partito di Antonio Gramsci a diventare oggi quello di Matteo Renzi?

Tutto inizia nel periodo 1943-1947. Certo la temperie in cui Palmiro Togliatti dirige il PCI post-resistenziale era innegabilmente avversa ad una reale possibilità di ‘fare la rivoluzione’ in Italia, ma come diceva Pietro Secchia, ed anche altri tra cui Eugenio Curiel: “tra fare la Rivoluzione e non fare nulla c’è una bella differenza!” ed il richiamo critico alla Via Italiana al Socialismo (i cui risultati oggi sono sotto agli occhi di tutti) di Togliatti ci stà tutto.
Gramsci è forse l’antesignano delle “vie nazionali al socialismo”?
La sua concezione della conquista dell’”egemonia” e della “guerra di posizione” è l’antesignana politica della “lunga marcia nelle istituzioni” che il PCI iniziò al momento della famosa “svolta di Salerno”?
Basta leggere le pagine di Gramsci nell’originale per rendersi conto di quanto la concezione di Gramsci del Partito e dello Stato è sempre stata protesa alla conquista del potere politico.
Ma Gramsci non è Togliatti e nemmeno Berlinguer.
Nel pensiero di Berlinguer, persona onesta ma fuori dal comunismo (inteso nelle sue accezioni teorico-pratiche) spiccano, tra tutti, alcuni punti cardinali: il compromesso storico, la democrazia come valore universale, l’eurocomunismo, l’accettazione dell’ombrello della Nato, l’adesione alla UE ed infine le considerazioni sull’esaurimento della spinta propulsiva della Rivoluzione Sovietica.
Le riflessioni di Berlinguer sull’austerità e sulla questione morale non hanno la stessa forza, né possono in qualche modo controbilanciarne l’effetto devastante. Obiettivamente non si può negare che Berlinguer si sia anche trovato ‘schiacciato’ da un corpo politico del partito in cui i cosidetti ‘miglioristi’ (da Amendola a Napolitano) avevano in mano i gangli vitali, anche economici (il mondo della cooperazione ad es.) del Partito, da qui la stessa ‘solitaria’ presenza di Berlinguer ai cancelli della Fiat nel 1980 e nella giusta lotta in difesa della “scala mobile”. Episodi significativi che risultano però essere ininfluenti su un quadro dirigente ed un corpo largo di partito in cui la “mutazione genetica” era già avvenuta e che Berlinguer non aveva voluto contrastare.
Partiamo dal compromesso storico sull’onda della eroica morte del Presidente del Cile Salvador Allende per mano dei golpisti di Pinochet prezzolati dagli Usa. Invece di constatare semplicemente che la democrazia borghese esiste solo se la borghesia è saldamente al potere, ma se questo vacilla, come nel Cile di Allende, allora la borghesia rinnega le sue stesse regole formali, passando a metodi violenti e terroristici, Berlinguer scrive: “noi abbiamo sempre pensato che l’unità dei partiti dei lavoratori e delle forze di sinistra non è condizione sufficiente per garantire la difesa ed il progresso della democrazia…” A parte il leitmotiv della “difesa della democrazia”, il compromesso storico di Berlinguer, invece, non è un’alleanza sociale della classe operaia, antagonista al blocco sociale della borghesia, ma un’alleanza politica tra i maggiori partiti in quel momento, il PCI, il PSI e la DC, quest’ultima, per altro, espressione politica della grande borghesia, privata e di stato.
Da un punto di vista leninista, l’errore di Allende è consistito proprio nel non avere neppure cercato di “spezzare la macchina dello stato borghese”, ma di averla accettata, confidando in una maggioranza parlamentare e nella lealtà dei vertici dell’apparato statale. Sarebbe stato necessario sviluppare forti movimenti di massa a sostegno del nuovo governo, creare una milizia operaia armata, cambiare i meccanismi istituzionali, decapitare i vertici e modificare le strutture dell’esercito, della polizia, dei servizi di sicurezza, dei ministeri economici, con la massiccia introduzione di fidati elementi proletari. Sarebbe stato necessario, insomma, instaurare la dittatura proletaria. Allende non lo fece e il popolo cileno pagò a caro prezzo questo errore. Berlinguer, come sappiamo, ignorò queste considerazioni.
L’eurocomunismo, come teoria e prassi compiutamente revisioniste e opportuniste, origina dall’incontro di Bruxelles del 26 gennaio 1974 tra Berlinguer e i revisionisti spagnolo e francese, Carrillo e Marchais, segretari dei rispettivi Partiti Comunisti che sposarono le tesi sul valore della democrazia, da Berlinguer così formulate: …”questa larga convergenza…comprende il riconoscimento del valore delle libertà personali e della loro garanzia, i principi di laicità dello Stato e della sua articolazione democratica, della pluralità dei partiti, dell’autonomia del sindacato, delle libertà religiose e di culto, della libertà di ricerca e delle attività culturali, artistiche e scientifiche…” Il passo citato evidenzia con chiarezza come Berlinguer avesse fatto proprie categorie tipiche del pensiero borghese, assolutizzandole al di fuori e al di là di qualsiasi contesto storico e sostanza di classe
L’intervista a Giampaolo Pansa (proprio lui!) sul Corriere della Sera del 15 giugno 1976 sentenziò l’accettazione definitiva dell’Occidente capitalistico e della sua micidiale alleanza militare, la NATO, portando a compimento la rottura con il campo socialista che, anche se infettato dal germe del revisionismo khruscioviano, rimaneva pur sempre il più formidabile baluardo di contenimento dell’imperialismo. « …il Patto Atlantico può esser anche uno scudo utile per costruire il socialismo nella libertà… voglio che l’Italia non esca dal Patto Atlantico. Mi sento più sicuro stando di qua….”».

Ed infine, sempre su questo filone, c’è la famosa frase con cui, nel 1981, viene definitivamente reciso il “cordone ombelicale” anche ideale, con la storia del movimento operaio e comunista:“…si è esaurita la spinta propulsiva della Rivoluzione d’Ottobre…”.

Assolutamente rilevante è poi la scelta strategica con cui Berlinguer “sposa” il processo di unità europea e capitalistica mentre esistono ancora l’URSS ed il campo socialista. Nella famosa intervista con Eugenio Scalfari, uno dei distruttori del PCI, del 2 agosto 1978: «”…Scalfari: “il PCI ha fatto una scelta europea definitiva. Lo conferma?”. Berlinguer: “Lo confermo. Sappiamo che il processo d’integrazione europea viene condotto da forze e da interessi ancora profondamente legati a strutture capitalistiche. … Ma noi riteniamo che comunque bisogna spingere verso l’Europa e la sua unità”.
Ripeto, con tutta la modestia possibile: Berlinguer era una persona onesta, ma questo non basta per esser comunisti.

Fonte

Bielorussia: L’ultimo bastione sovietico

Minsk è oggi l’unica città dell’ex Unione Sovietica dove sventola ancora, in pieno centro, la bandiera dell’Unione Sovietica. Una sola, è vero. Ma grande e ben visibile. Il Presidente Lukashenko lo ha voluto, personalmente. E ora quella bandiera di uno Stato che non esiste più garrisce al vento, su un altissimo pennone che sovrasta il monumento dedicato alla vittoria della Grande Guerra Patriottica: così, in quello spazio che era l’Unione Sovietica, quasi tutti chiamano quella che noi ricordiamo come la seconda guerra mondiale.

A pensar bene, mi pare una giusta decisione. Lukashenko — che fu l’unico deputato del Soviet Supremo della Russia che votò contro il colpo di stato dei tre capi di Russia (Eltsin), Bielorussia (Shushkevic) e Ucraina (Kravciuk), deciso nel bosco della Belovezhskaja Pushcha nella notte tra il 7 e l’8 dicembre del 1991— ha voluto ricordare al mondo che fu l’Unione Sovietia a vincere quella guerra. Un riconoscimento postumo e pieno di significati. Per lui personalmente e per la maggioranza dei suoi cittadini.

Per il resto questo unico Paese europeo che ancora si muove sulla linea del mercato con orientamento sociale, ha tutta l’aria di stare bene. Sembra la Svizzera. Lindo e pulito, dove tutto funziona bene. Il parco auto che si vede nelle amplissime strade bene asfaltate è più moderno di quello italiano. I negozi sono belli e pieni di roba. In gran parte di produzione bielorussa. Le esportazioni di prodotti industriali tirano. Ma meno di quelle della produzione agricola, che vola. Lo stacco tra la campagna di Belarus e quella delle confinanti Lituania e Polonia (europee) è netto e a tutto vantaggio della prima.

La campagna è uno splendore di campi pettinati come prati inglesi. Eppure c’è ancora la Prospettiva Lenin. E, del resto, Minsk non ha commesso l’errore di ribattezzare vie e piazze, come per qualche anno a Mosca dettò l’euforia pro-occidentale. I monumenti della storia sovietica, così come la politica sociale, sono tutti al loro posto. Salvo quello di Stalin. Ma il centro della capitale è una esaustiva e impressionante esposizione dell’architettura staliniana, ben restaurata.

A quanto pare nulla di quello che era buono del socialismo reale è stato buttato via insieme all’acqua sporca. Lo Stato è decisivo in quasi tutti i settori chiave dell’economia. Le banche occidentali non si vedono. Ci sono — ma tutt’altro che dominanti — le banche russe o russo-bielorusse. E Lukashenko ha appena fatto sapere al Fondo Monetario Internazionale che non intende sostituire le regole —con cui la sua Belarus è diventata fiorente — con quelle della finanza occidentale, che invece stanno facendo acqua da tutte le parti.

L’occidente, complice l’Europa e la sua aggressiva politica verso l’est, ha cercato, senza successo, di organizzare una qualche “rivoluzione colorata” anche a Minsk. Ma qui tutti sono orgogliosi del ruolo di Lukashenko nel tentativo di scongurare il disastro ucraino con la “trattativa di Minsk”. Un euro vale qui 2,3 rubli. A Mosca ci vogliono 70 rubli per comprare un euro. Da qui, e da qualche dispetto reciproco in materia di gas e petrolio, nascono un po’ di ruggini con Mosca. Ma per andare da Mosca a Minsk e viceversa non c’è bisogno di alcun visto. È un volo interno. Restano paesi fratelli. E, tra i due presidenti, anche se talvolta scoppiano scintille, c’è il feeling che lega due capi veri dei loro popoli. Non è questione di amicizia ma di interessi comuni.

Fonte

Il sogno sovietico: Immigrazione americana in Unione Sovietica

Nel 1920, durante un’incontro della seconda Internazione, venne approvata la mozione
dell’americano comunista John Reed che chiedeva all’Urss di Lenin la possibilità di una collaborazione tra gli afro-americani e le università sovietche, Lenin approvò sostenendo che l’incotro tra le due realtà era assolutamente necessario.

Tra il 1925 e il 1938,  90  afro-americani vennero invitati a studiare  presso l’ Università Comunista dell’Est o KUTV.  La maggior parte completarono un programma di 14 mesi, che s’incentrò sui principi fondamentali della teoria marxista-leninista, venne inoltre approfondita una formazione su temi alternativi come spionaggio, guerriglia, codici segreti, e le tecniche di lavoro politico sotterraneo.

Gli studenti neri, come tutti gli studenti stranieri, vennero trattati come ospiti d’onore, ricevendo vitto e alloggio gratuito, indennità di abbigliamento e di viaggio, tutori speciali, vacanze pagate in Unione Sovietica e una casa.  A quel tempo, nessun altro paese avrebbe offerto a un nero tale opportunità.

Nel 1929 gli USA erano preda di una crisi economica – Grande Depressione o Crisi del ‘29 – che aveva prodotto oltre tredici milioni di disoccupati e una generale sfiducia  nei confronti di quel sistema capitalista che si trovava alla base del sogno americano. Chi aveva pregato con tutte le sue forze  di  essere  accettato  nei  grandi saloni di smistamento di Ellis Island cominciò  a  domandarsi  se  quella peripezia  via  mare  affrontata  tempo prima avesse ancora senso; altri, più  intraprendenti  (o  più  disperati),fantasticavano  sulla  nuova  frontiera, quel Far East dipinto come terra di  opportunità  nei  reportage  che  il  giornalista britannico Walter Duranty  (1884-1957) inviava da Mosca.

Stando ai resoconti del corrispondente del «New  York  Times»  l’Unione  Sovietica pareva essere aliena al tracollo finanziario che, da un giorno all’altro,  aveva  lasciato  ai  margini  delle strade  operai  e  dirigenti  d’azienda, liberi professionisti e broker.
I piani quinquennali e lo sviluppo dell’industria pesante potevano apparire agli occhi  dei  lettori  come  una  risposta alla fame di lavoro, di cibo e di speranza che animava intere famiglie ridotte alla miseria. Una nazione nata sull’immigrazione come gli USA non poté  pertanto  stupirsi  se  cittadini americani di origine italiana, tedesca, francese, irlandese avessero deciso di vendere i loro pochi averi per accaparrarsi un posto sui piroscafi che da New York facevano rotta verso Odessa e Leningrado.

Nel 1930 circa 18.000 americani, nella maggior parte di origine africana, fuggirno dagli Stati Uniti d’America per iniziare una nuova vita in Unione Sovietica, lontano da razzismo e povertà, dove li aspettavano lavoro, casa, vacanze e dignità.

L’URSS divenne la patria di migliaia di afro-americani oppressi dal capitalismo americano.

L’URSS mostrò agli afro-americani una nazione lontana dal razzismo e spiegò che secondo la dottrina del marxismo-leninismo il razzismo era una distrazione artificiale creata dalle classi dominanti al fine di dividere i lavoratori e distrarli dalla rivoluzione.

L’URSS riconobbe a tutti gli afro.americani lo status di popolo oppresso cosi come era abitudine fare per gli immigrati provenienti dalle colonie degli stati europei, inoltre si iniziò a parlare di un progetto, purtroppo abbandonato alla morte di Stalin,  che prevedeva la creazione di una repubblica popolare sovietica  dove gli afro-americani e i gli immigrati africani potessero vivere in pace e in libertà.

Gli afro-americani che vissero in URSS avevano un detto: Quando siamo in America, ci sentiamo afroamericani perché amiamo andare in chiesa con i fratelli neri, ci piace il cibo africano, amiamo la musica nera, amiamo un sacco di cose che ci uniscono alle persone di colore. Quando siamo in Russia, ci sentiamo russi.

Fonti:
Blacks in the Soviet Union
In Russia, early African American migrants found the good life
GLI AMERICANI IN URSS

Khrushchev Lied: Il nuovo capolavoro di Grover Furr

81xYwNWLV9L.jpg

Perchè Kruscev ha attaccato Stalin?

Da “Khrushchev Lied”, capitolo XII, pp. 192-217

Perchè l’ha fatto? Quali erano le sue vere motivazioni? Quelle da lui addotte non possono essere prese per buone. Le “rivelazioni” di Kruscev erano false ed egli, o lo sapeva (nella maggior parte dei casi), o non se ne curava affatto.

Kruscev doveva certo avere motivazioni reali, ma sono proprio quelle su cui nel discorso al XX Congresso e poi anche per tutto il resto della sua vita ha mantenuto il silenzio. In altre parole dietro il “rapporto segreto” universalmente conosciuto ce n’è un altro, reale, che è rimasto segreto, mai divulgato. In queste pagine mi propongo soprattutto di sollevare questa questione, non tanto di fornire una risposta. Mi limiterò a menzionare alcune possibilità e alcuni ambiti su cui approfondire la ricerca, alcuni ovvii, altri meno.

E’ certo che Kruscev, gettando la colpa su Stalin e iniziando le “riabilitazioni”, voleva prevenire la possibilità che qualcuno sollevasse la questione della sua responsabilità nelle ingiustificate repressioni di massa degli anni ’30. Probabilmente pensò che le “riabilitazioni” – che i “riabilitati” fossero stati colpevoli o meno – lo avrebbero reso popolare tra le alte sfere del partito. E poi forse a Mosca e in Ucraina, dove la reputazione che s’era fatto come architetto delle repressioni di massa era ben meritata e ben conosciuta, attribuire la responsabilità a Stalin defunto e al tempo stesso prendere le difese delle vittime e, quel che più importa, delle famiglie sopravvissute, avrebbe attenuato l’ostilità che molti devono aver nutrito nei suoi confronti.

Finora il rapporto di Kruscev è stato preso per oro colato, ma la ricerca che abbiamo condotto dimostra che prenderlo a quel modo era sbagliato. Questo ci lascia con un certo numero di questioni aperte. Perchè Kruscev presentò il rapporto? Perchè arrivare a tali estremi – false ricerche, occultamento di documenti autentici – e spendersi politicamente in quel modo per pronunciare un discorso che in pratica non conteneva nient’altro che falsità?

Una risposta è venuta dal Partito Comunista Cinese: Kruscev e i suoi alleati volevano portare l’URSS su una traiettoria politica radicalmente diversa da quella che aveva preso, secondo loro, sotto Stalin. Abbiamo brevemente accennato a certe misure economiche e politiche prese sotto Kruscev che la direzione del PCC considerò come abbandono di fondamentali principî marxisti-leninsiti.

C’è sicuramente una parte di verità in questa teoria. Tuttavia una base per idee di quel tipo già esisteva nell’URSS. Quelle politiche, che vengono adesso identificate con Kruscev e i suoi epigoni, Breznev e gli altri, affondano le loro origini nel periodo immediatamente successivo alla scomparsa di Stalin, ben prima che Kruscev riuscisse a dominare la direzione sovietica. Anzi, molte di quelle politiche possono essere ricondotte agli ultimi anni ’40 e ai primi ’50, il periodo “tardo staliniano”.

E’ difficile capire in che misura Stalin stesso abbia appoggiato o si sia invece opposto a queste politiche. Negli ultimi anni della sua vita Stalin fu sempre meno attivo politicamente. A più riprese sembra che abbia cercato di far imboccare un percorso diverso verso il comunismo, così per esempio nel suo ultimo libro Problemi economici del socialismo nell’URSS (1952) e al XIX Congresso del Partito, nell’ottobre 1952. Mikoian in seguito scrisse che le ultime idee di Stalin rappresentavano “un’incredibile deviazione di sinistra”.[1] E immediatamente dopo la sua morte la “direzione collettiva” fu unanime nel cancellare ogni menzione del libro di Stalin e nell’abbandonare il nuovo sistema di direzione del partito.

Kruscev utilizzò l’attacco a Stalin e Beria come un’arma contro gli altri membri della “direzione collettiva”, in particolare Malenkov, Molotov e Kaganovic. La cosa però non era priva di rischi. Come poteva escludere che non avrebbero mosso le stesse accuse o anche peggiori contro di lui? In parte ciò può essere dovuto al fatto che Kruscev poteva contare su alleati come Pospelov, che lo aiutarono a “purgare” gli archivi dai documenti sul suo coinvolgimento nelle repressioni di massa.

Kruscev può anche aver capito che, con Beria fuori gioco, l’unico ad avere un “programma”, un piano e l’iniziativa per realizzarlo era lui. Possiamo vedere retrospettivamente che gli altri membri del Presidium in quel periodo furono stranamente passivi. Forse avevano sempre contato su Stalin per assumere l’iniziativa e prendere decisioni importanti. O forse quella che sembrava passività nascondeva uno scontro di idee politiche confinato all’interno dell’organismo dirigente.

Lo storico Iuri Zhukov ha avanzato una terza teoria. La sua tesi è che lo scopo di Kruscev fosse sbarrare definitivamente la porta alle riforme democratiche con cui Stalin era associato e che i vecchi alleati di Stalin nel Presidium (chiamato Politburo fino all’ottobre 1952), e in particolare Malenkov, stavano ancora cercando di promuovere. Quelle riforme puntavano a togliere al partito il controllo della politica, dell’economia e della cultura per trasferirlo ai soviet elettivi. Sarebbe stata in effetti una “perestroika” o “ristrutturazione”, ma nei limiti del socialismo, all’opposto della piena restaurazione del più rapace capitalismo prodotta dalla successiva “perestroika” di Gorbacev.

Zhukov riporta in dettaglio numerosi momenti nello scontro tra Stalin e i suoi alleati, che volevano rimuovere il partito dalle leve del potere, e il resto del Politburo che si opponeva fermamente. Nel maggio 1953 , poco dopo la morte di Stalin, il corpo esecutivo del governo sovietico, il Consiglio (Soviet) dei Ministri, approvò alcuni decreti che toglievano a figure di spicco del partito le “buste” o paghe supplementari, portando così il loro reddito a uno o due livelli al di sotto delle corrispondenti figure governative. Secondo Zhukov la riforma fu promossa da Malenkov ed è coerente col progetto di restituire maggior potere al governo sovietico e ridimensionare il ruolo del partito, sottraendogli l’amministrazione del paese, dell’economia e della cultura. Significativamente ciò fu fatto prima della soppressione illegale di Lavrentii Beria che, come adesso sappiamo, sosteneva lo stesso progetto.

A fine giugno 1953 Beria fu eliminato, arrestato e detenuto o assassinato per le spicce. In agosto Kruscev riuscì – come non sappiamo – a reintrodurre le “buste” di emolumenti speciali per funzionari di alto rango del partito e anche a far pagare i tre mesi arretrati che non avevano percepito. Tre settimane dopo, proprio al termine di un Plenum del Comitato Centrale, fu ristabilito il posto di Primo Segretario del Partito, che fino al 1934 era chiamato Segretario Generale, e Kruscev fu eletto ad occuparlo. E’ difficile non vedervi la ricompensa della nomenklatura del Partito per il “suo uomo”.

Zhukov così conclude:
E’ mia ferma convinzione che il vero significato del XX Congresso stia precisamente in questo ritorno al potere dell’apparato di Partito. Fu la necessità di occultare questo fatto… che creò il bisogno di distrarre l’attenzione dagli eventi contemporanei e concentrarla sul passato coll’aiuto del “rapporto segreto”.[2]
Le prime due spiegazioni, quella anti-revisionista o “cinese” e quella della “lotta di potere” certamente contengono elementi di verità. A mio parere tuttavia la teoria di Zhukov rende meglio conto dei fatti che conosciamo ed è insieme coerente con i contenuti del rapporto segreto che, come abbiamo scoperto, è falso praticamente da cima a fondo.

Stalin e i suoi sostenitori si erano battuti per un piano di democratizzazione dell’URSS tramite il confronto elettorale. Il piano comportava a quanto pare la dislocazione dei centri di potere nell’URSS trasferendola dai dirigenti di partito come Kruscev a esponenti di governo eletti. Quella riforma avrebbe posto anche le premesse per ristabilire il partito come organizzazione di persone votate alla lotta per il comunismo e non interessate a carriere e guadagni personali.[3] A quanto pare Kruscev sarebbe stato sostenuto dai Primi Segretari del Partito che erano determinati a sabotare quel progetto per perpetuare le loro posizioni di privilegio.

Tanto sul piano interno che internazionale, Kruscev perseguì politiche in cui molti osservatori contemporanei ravvisarono una rottura netta rispetto a quelle identificate con la direzione di Stalin. Di fatto cambiamenti politici di questo tipo, non identici a quelli iniziati o propugnati in seguito da Kruscev, ma con essi assai coerenti, furono introdotti subito dopo la morte di Stalin, quando Kruscev era un semplice membro, e non il più importante, del Presidium del Comitato Centrale.[4] Tra le “riforme” più spesso citate, che andavano in senso opposto alle politiche di lungo corso di Stalin troviamo: L’apertura a riforme orientate al “mercato”.Il concomitante ridimensionamento del ruolo dell’industria pesante e della costruzione dei mezzi di produzione in favore della produzione di beni di consumo.
In politica internazionale l’abbandono della tradizionale concezione marxista-leninista dell’inevitabilità della guerra con l’imperialismo finchè questo esisteva, sostituendola con la necessità di evitare qualsiasi scontro diretto con l’imperialismo, a qualsiasi costo.

La messa tra parentesi della classe operaia come avanguardia della rivoluzione sociale per accentuare la costruzione di alleanze con altre classi.
L’idea nuova che il capitalismo possa essere superato senza rivoluzione, con “mezzi pacifici” e per via parlamentare. L’abbandono dei piani di Stalin per procedere verso una fase ulteriore del socialismo e verso il vero comunismo. Kruscev non avrebbe potuto prendere il potere e il suo “rapporto segreto” non lo avrebbe potuto concepire, preparare e presentare ed esso non avrebbe potuto avere il successo che ebbe senza cambiamenti profondi nella società sovietica e nel Partito Comunista dellURSS. [5]
Kruscev partecipava a una congiura?

In altro contesto Zhukov afferma che furono i Primi Segretari, guidati da Robert Eikhe, a dare inizio alle repressioni di massa del 1937-38.[6] Kruscev, che era uno di quei potenti Primi Segretari, ebbe un ruolo di primo piano nella repressione su vasta scala, compresa l’esecuzione di migliaia di persone.

Molti di quei Primi Segretari in seguito furono a loro volta processati e condannati a morte. Alcuni, come Kabakov, furono accusati di far parte di un complotto. Altri, come Postyshev, furono accusati, almeno inizialmente, di aver represso in massa, senza motivo, molti membri del Partito. Anche Eikhe sembra appartenere a questo gruppo. In seguito molti di loro furono accusati anche di aver partecipato a vari complotti. Kruscev fu uno dei pochi Primi Segretari degli anni 1937-38 che non solo evitò ogni accusa ma fu promosso.

Non potrebbe essere che Kruscev fosse effettivamente implicato in un complotto, ma fosse uno dei più alti esponenti a non essere identificato? Non possiamo nè provare nè smentire questa ipotesi. Eppure spiegherebbe tutti i fatti di cui siamo a conoscenza.

Il rapporto di Kruscev è stato interpretato come finalizzato alla riabilitazione di Bukharin. Alcuni degli imputati nel processo “Bukharin” di Mosca nel 1938 furono effettivamente riabilitati e sarebbe dunque stato logico includervi anche Bukharin. Ciò tuttavia non avvenne e Kruscev stesso scrisse che avrebbe voluto riabilitare Bukharin, ma non lo aveva fatto per l’opposizione di alcuni dirigenti comunisti stranieri. Mikoian scrisse che i documenti erano già stati firmati, ma poi fu proprio Kruscev che tornò indietro.[7]

Perchè Kruscev tra tutti gli imputati nei tre grandi processi di Mosca avrebbe voluto riabilitare proprio Bukharin? Sembrerebbe che si sia sentito molto più vicino a Bukharin che non agli altri. Può essere che questa vicinanza si riferisse solo alle idee di Bukharin, ma questa non è la sola spiegazione possibile.

Fin dagli anni di Kruscev, ma ancor più dopo la riabilitazione formale con Gorbacev nel 1988, l'”innocenza” di Bukharin è stata considerata un fatto assodato. Vladimir I. Bobrov e io, in un articolo pubblicato recentemente, abbiamo mostrato però che non c’è in realtà alcun motivo per pensare che le cose stiano così.[8] Le prove che conosciamo – che sono solo una piccola frazione di quelle di cui il governo sovietico disponeva negli anni ’30 – fanno decisamente pensare che Bukharin fosse effettivamente coinvolto in un vasto complotto. Quanto al decreto di riabilitazione di Bukharin del periodo di Gorbacev, promulgato il 4 febbraio 1988 dal Plenum della Corte Suprema dell’URSS, in un altro studio recentemente pubblicato in russo[9,] abbiamo dimostrato che contiene deliberate falsificazioni. Secondo questa teoria, nella confessione resa al processo di Mosca nel marzo 1938 Bukharin aveva detto la verità. Noi però sappiamo che non aveva detto tutta la verità. Getty avanza l’ipotesi che Bukharin avesse incominciato a confessare solo dopo che lo aveva fatto Tukhacevsky, cosa di cui è ragionevole pensare che il detenuto Bukharin fosse stato informato, e a quel punto fece il nome di Tukhacevsky.

Ci sono prove che Bukharin sapeva di altre persone coinvolte nel complotto, ma non ne fece il nome. Frinovskii sostenne che tra costoro ci fosse lo stesso Ezhov[10] e la cosa è credibile alla luce degli elementi di cui ora disponiamo su Ezhov. Non potrebbe esserci stato nel numero anche Kruscev, che Bukharin lo sapesse o meno? Se così fosse, per gli incarichi elevati che ricopriva, sarebbe stato coperto dal massimo segreto.

Quel che possiamo dire per ora è che Kruscev “represse” un numero enorme di persone, forse più di chiunque altro salvo Ezhov e i suoi uomini e forse Robert Eikhe. Ciò potrebbe dipendere dal fatto che fu Primo Segretario a Mosca (città e provincia) fino al gennaio 1938 e dopo in Ucraina, due zone molto vaste. Data l’esistenza, o il sospetto, di un complotto radicato nel partito, questo sarebbe stato logicamente forte a Mosca; quanto all’Ucraina aveva sempre avuto la sua quota di opposizione nazionalista. Frinovskii dichiarò decisamente che egli stesso ed Ezhov avevano “represso” – torturato, costruito false confessioni e assassinato giudizialmente – un gran numero di persone per apparire più zelanti di tutti e coprire in questo modo le loro attività di cospirazione. Questa ammissione di Frinovskii non solo è credibile, ma è anche la sola che abbia un senso. Ezhov stesso aggiunse la motivazione supplementare di diffondere l’avversione per il sistema sovietico in modo da facilitare le ribellioni in caso di invasione straniera.[11]

A quanto pare Postyshev ed Eikhe, due Primi Segretari che repressero molti innocenti, agirono per motivi analoghi e sappiamo che Eikhe, perlomeno, collaborò strettamente con Ezhov nell’impresa. Non potrebbero aver agito allo stesso modo anche altri Primi Segretari? E Kruscev, in particolare, non potrebbe aver organizzato massicce montature, processi farsa ed esecuzioni per coprire la sua stessa partecipazione?

Le altre spiegazioni possibili sono 1) che alcune centinaia di migliaia di persone fossero effettivamente colpevoli di cospirazione, oppure 2) che questa gente fu massacrata solo per la “paranoia di Stalin”, che voleva eliminare chiunque potesse rappresentare un potenziale pericolo in un qualche futuro. Ma noi sappiamo che fu Kruscev, non Stalin o il Politburo, a prendere l’iniziativa di chiedere quote più alte per le persone da reprimere, e nessuno ha mai sostenuto che Kruscev fosse “paranoico”.

Gli anticomunisti, i trotskisti e i sostenitori del paradigma del “totalitarismo” hanno generalmente accettato la spiegazione della “paranoia”, benchè questa in effetti non “spieghi” nulla, ma serva in realtà di copertura alla mancanza di una spiegazione. Ma adesso sappiamo che la paranoia non c’entra. Non fu Stalin, ma furono i membri del CC, e in particolare i Primi Segretari, a dare il via alle repressioni di massa e alle esecuzioni. Frinovskii dice esplicitamente che Bukharin sapeva che Ezhov faceva parte del complotto “di destra e trotskista” ma rifiutò di fare il nome di Ezhov nelle confessioni o al processo. Secondo Frinovskii non l’avrebbe nominato perchè Ezhov gli aveva promesso che in cambio del suo silenzio sarebbe stato risparmiato. La cosa è possibile, anche se è una spiegazione che non fa molto onore a Bukharin che, dopotutto, era un bolscevico, veterano dei sanguinosissimi giorni della rivoluzione dell’ottobre 1917 a Mosca.

I rivoluzionari clandestini a volte affrontavano l’esecuzione piuttosto di parlare di tutti i loro compagni. Perchè non concedere che Bukharin possa aver rifiutato di fare il nome di Ezhov per questa sola ragione? In effetti sappiamo che Bukharin non aveva detto “tutta la verità” in nessuna delle sue dichiarazioni antecedenti al processo. E perchè mai, se non perchè non era ancora “disarmato”, ma stava ancora lottando contro Stalin? Le servili professioni di “sapiente amore”[12] per Stalin da parte di Bukharin sono una lettura imbarazzante. Possiamo escludere che fossero sincere e Stalin di certo non può averle prese per tali più di quanto possiamo fare noi oggi.

Abbiamo visto che Bukharin aveva fatto il nome di Tukhacevski solo dopo che aveva potuto sapere che questi era stato arrestato e aveva confessato. Quali che ne fossero i motivi, egli andò all’esecuzione senza aver menzionato la partecipazione di Ezhov al complotto, ma allora non potrebbe aver protetto anche altri cospiratori?

Non possiamo sapere con certezza se Kruscev fosse uno di questi cospiratori nascosti o se Bukharin ne fosse a conoscenza. Sappiamo però che anche dopo il 1937-38 elementi che cospiravano contro il governo continuarono ad esserci nell’URSS[13] e che alcuni di loro occupavano posizioni elevate. Sappiamo anche che Kruscev rimase fedele a Bukharin anche a distanza di molti anni dalla sua morte.

L’ipotesi che Kruscev fosse membro segreto di una diramazione della cospirazione assai ramificata “di destra e trotskista” è avvalorata dal fatto che egli fu sicuramente coinvolto in vari altri complotti di cui abbiamo notizia.

Il 5 marzo 1953, con Stalin non ancora morto, i vecchi membri del Politburo si riunirono per abolire il Presidium allargato approvato al XIX Congresso nel precedente mese di ottobre. In pratica si trattò di un colpo di stato nel Partito, su cui non ci fu nè un voto nè discussione nel Presidium o nel Comitato Centrale.

Kruscev fu l’ispiratore e animatore del complotto per “reprimere”, cioè arrestare e forse assassinare, Lavrentii Beria. Sappiamo che il suo arresto non venne pianificato con molto anticipo, perchè la bozza del discorso di Malenkov per la riunione del Presidium in cui Beria fu arrestato (o assassinato) è stata pubblicata e in essa si chiede la rimozione di Beria dalla direzione congiunta del Ministero degli Interni (MVD) e del Ministero per la Sicurezza dello Stato (MGB) e dalla vicepresidenza del Consiglio dei Ministri e la sua nomina a Ministro dell’Industria Petrolifera.

Dato che Kruscev era in grado di negare agli altri membri del Presidium l’accesso ai documenti studiati dalla Relazione Pospelov e dalle commisioni per le riabilitazioni, si deve concludere che fosse la mente di un altro complotto, quello delle persone che fornivano le informazioni a lui ma non ad altri.

A questo complotto doveva sicuramente partecipare Pospelov, autore della Relazione. Doveva esserci anche Rudenko, che firmò le relazioni per quasi tutte le riabilitazione più importanti. Lo studio di come vennero preparate le relazioni per le riabilitazioni e quella della Commissine Pospelov non è ancora stato fatto. Probabilmente gli altri membri delle commissioni di riabilitazione, nonchè i ricercatori e gli archivisti che individuarono i documenti per quelle relazioni e per Pospelov, dovettero giurare di mantenere il silenzio oppure facevano anche loro parte del complotto.

Noi conosciamo i nomi e qualche notizia sui funzionari che si pensa abbiano controllato i documenti delle inchieste. Per esempio sappiamo che un certo Boris Viktorov fu uno dei giuristi che ebbero le mani in pasta nelle riabilitazioni. Viktorov pubblicò perlomeno un articolo sul suo lavoro, sulla Pravda del 29 aprile 1988, allo scopo di ribadire l’innocenza del marecsiallo Tukhacevski e degli altri comandanti militari condannati insieme a lui l’11 giugno del 1937. Nel 1990 poi Viktorov pubblicò un libro che prometteva di fornire dettagli su molti altri casi di repressione.

Ebbene, il suo racconto è certamente deliberatamente falso. Viktorov afferma l’innocenza degli imputati, ma non può dimostrarla. Egli cita un documento contestato, ma ignora testimonianze schiaccianti che deve sicuramente aver visto e che non erano di dominio pubblico quando scriveva, ma ora sono in nostro possesso. Almeno Viktorov dunque faceva parte del “complotto” per fornire a Kruscev false testimonianze per sostenere l’innocenza delle persone menzionate nel rapporto segreto.

C’è un generale consenso sul fatto che dopo aver preso il potere Kruscev fece esplorare gli archivi e sottrarre e senza dubbio distruggere molti documenti.[14] Gli studiosi sono anche unanimi nel dire che questi documenti probabilmente riguardavano il ruolo avuto da Kruscev nelle repressioni di massa dei tardi anni ’30. Adesso che sappiamo che Kruscev aveva detto il falso praticamente in tutte le proposizioni del suo rapporto segreto e che le relazioni per le riabilitazioni e la Relazione Pospelov sono anch’esse gravemente manipolate, possiamo ritenere assai probabile che Kruscev abbia fatto sparire anche altri documenti.

Si è trattato di un’impresa impegnativa, che deve aver impegnato molti archivisti il cui lavoro doveva essere controllato. Un’impresa troppo impegnativa per essere controllata solo da Rudenko e Pospelov e che avrebbe avuto bisogno del coinvolgimento di un numero elevato di ricercatori e funzionari, compresi naturalmente funzionari di partito legati a Kruscev ma a noi ancora ignoti. Costoro naturalmente dovevano sapere quali prove Kruscev stava nascondendo o distruggendo.

Aleksandr S. Shcerbakov

Nel gennaio del 1938 Kruscev fu esonerato dall’incarico di Primo Segretario della città e della regione di Mosca e inviato come Primo Segretario in Ucraina. A Mosca fu sostituito da Alexandr Sergeevich Shcerbakov.

Nelle sue memorie Kruscev manifesta profondo odio per Shcerbakov, anche se le ragioni addotte sono vaghe. La recente biografia di Shcerbakov a cura di A.N.Ponomarev, pubblicata dall’Archivio Centrale di Mosca, esamina l’ostilità di Kruscev più in dettaglio. Secondo la sua ricostruzione, l’odio di Kruscev per Shcerbakov risalirebbe al rifiuto di quest’ultimo di consentire a Kruscev di gonfiare le statistiche sui raccolti di cereali includendovi anche il grano utilizzato per la semina.[15]

Più pericoloso per Kruscev era il ruolo di Shcerbakov nei procedimenti d’appello, in cui il 90% dei membri del Partito espulsi da Kruscev nel 1937-38, quando era a capo del Comitato Regionale e di quello Cittadino di Mosca, furono reintegrati: più di 12.000 solo per il 1937. Quel che Ponomarev omette di dire è che la grande maggioranza di costoro era stata condannata a morte e gli appelli erano presentati dai familiari.[16]Naturalmente Kruscev era stato uno dei membri della troika che decideva sulle repressioni di massa, anche se a volte si faceva rappresentare da un vice. Tutti gli altri membri della troika di Mosca furono condannati a morte per le repressioni illegali. E’ logico concludere che Kruscev stesso si sentisse estremamente vulnerabile. Pochi Primi Segretari e forse nessuno (e Kruscev nel 1939 era in Ucraina) si erano resi responsabili di più espulsioni ed esecuzioni e di più “repressione” di lui.

Ponomarev cita altre testimonianze della freddezza che Shcerbakov dimostrava da parte sua verso Kruscev. Al XVIII Congresso del Partito nel 1939 Shcerbakov presentò una relazione in cui ostensibilmente evitava di menzionare anche una sola volta il suo predecessore. Georgii Popov, secondo segretario sia sotto Kruscev che sotto Shcerbakov, fece invece altrettanto ostensibilmente l’elogio di Kruscev, mettendo ancor più in risalto il silenzio di Shcerbakov.[17]

Basandosi su testimonianze di familiari e su documenti tratti dagli archivi di Mosca, Ponomarev si premura di confutare un certo numero di accuse mosse contro Shcerbakov da Kruscev nelle sue memorie, per esempio l’insinuazione che Shcerbakov fosse gravemente alcolizzato.[18] Secondo i figli Shcerbakov non beveva quasi mai.[19]

Ponomarev si sofferma anche sulla doppiezza di Kruscev nei confronti della famiglia di Shcerbakov dopo la sua morte: finchè Stalin viveva si mostrò amichevole, ma una volta preso il potere tolse loro la dacha di famiglia e cancellò ogni memoria pubblica dell’operato di Shcerbakov.

Kruscev era certo un serpente; per usare i termini che egli stesso impiegò contro Shcerbakov defunto, aveva il “carattere velenoso di un serpente”[20]. Anastas Mikoian, che pure fu suo stretto alleato politico, rimarcò l’estrema disonestà e slealtà di Kruscev verso le persone, nonchè la disonestà nel ricostruire i fatti storici.[21] Ma perchè Kruscev si mostrò così vendicativo nei confronti di Shcerbakov e della sua famiglia? Perchè lo odiava a tal punto?

Nelle sue memorie Kruscev non menziona il fatto che Shcerbakov aveva contribuito a smascherare A.V. Snegov come elemeno della congiura nel 1937. Kruscev divenne in seguito molto amico di Snegov, lo fece liberare da un campo di lavoro, gli conferì un importante incarico, si consultò con lui e lo citò nel rapporto segreto. Secondo Alexei Adjubei, genero di Kruscev, Snegov era diventato amico e confidente di Kruscev.[22]

Come spiegare tanta solerzia per Snegov da parte di Kruscev da intercedere personalmente nel 1954 per farlo liberare da un campo e poi promuoverlo e favorirlo a tal punto? Un’ipotesi verosimile è che Kruscev fosse suo amico già da lunga data, prima che egli fosse arrestato. Forse Kruscev aveva fatto in modo che Snegov scampasse dall’esecuzione, anche se le prove contro di lui sembra fossero consistenti ed egli era di “Prima Categoria”.

Dato che Kruscev e Snegov devono essere stati molto vicini, che quest’ultimo fu riconosciuto colpevole di partecipazione a un complotto e che Kruscev si assunse l’onere di “salvare” e favorire Snegov – che non ebbe mai posizioni di rilievo nel Partito e non esercitò mai un grosso potere – non è logico supporre che Snegov sapesse qualcosa su Kruscev? Naturalmente Kruscev avrebbe potuto far sì che fosse giustiziato, non c’è dubbio. Ma se erano vecchi amici il comportamento di Kruscev e l’onore riservato a Snegov avrebbero un senso.

Gli studiosi contemporanei hanno stabilito che Kruscev si affrettò a occultare le prove del suo ruolo nelle repressioni di massa. Negli anni di Stalin molti dirigenti di Partito e dell’NKVD furono processati e anche giustiziati per abusi di questo tipo. Kruscev perciò deve aver vissuto per molti anni nella paura che il suo ruolo nelle repressioni di massa ingiustificate venisse riconosciuto e questa paura deve essere stata anche maggiore se, come sospettiamo, egli era coinvolto in qualche tipo di complotto di Destra e Trotskista solo che era riuscito a non farsi scoprire.

Shcerbakov non solo era in grado di conoscere più di chiunque altro il ruolo di Kruscev nelle repressioni di massa[23], ma era anche abbastanza influente per farsi ascoltare da Stalin e dal Politburo. Nel maggio 1941 Shcerbakov divenne uno dei segretari del Comitato Centrale, una posizione più importante di quella dello stesso Kruscev.

Shcerbakov morì nel maggio 1945 all’età di 44 anni. Il 10 dicembre 1944 era stato colpito da un attacco di cuore e da allora era rimasto a casa in convalescenza. Il 9 maggio 1945 i dottori gli avevano dato il permesso di alzarsi dal letto per andare a Mosca per festeggiare la vittoria duramente conquistata contro la Germania nazista, ma questo gli causò un ultimo attacco che il 10 maggio gli fu fatale.

Perchè i dottori che lo avevano in cura consentirono a un uomo in quelle condizioni di alzarsi, quando il trattamento di base è riposo totale a letto?[24] Uno dei dottori di Shcerbakov, Etinger, di fronte a M.T. Likhacev che lo interrogava confessò “di aver fatto tutto il possibile per abbreviare la vita di Shcerbakov” perchè lo riteneva un antisemita.[25] Interrogato poi da Abakumov, Ministro della Sicurezza dello Stato (a capo dell’MGB), Etinger ritrattò la confessione, ma poi la confermò nuovamente e non molto tempo dopo morì in prigione.

Questo episodio faceva parte di quella che sarebbe diventata la “Congiura dei medici”, un affare assai torbido parte del quale fu certamente una montatura. La confessione di Etinger potrebbe essergli stata estorta e può darsi che egli fosse innocente e non avesse causato la morte di Shcerbakov per maltrattamenti. Tuttavia anche i medici della “Congiura” che nel 1948 avevano in cura Andrei Zhdanov ammisero di averlo maltrattato in modo da causarne la morte. Avevano consentito che il paziente si alzasse dal letto e andasse in giro, non solo, ma avevano chiamato un cardiologo per fargli l’elettrocardiogramma, ma quando il cardiologo riferì che il paziente aveva avuto un attacco di cuore le dissero che si stava sbagliando e si rifiutarono di darle ascolto e anche di consentire che trascrivesse il suo referto nella cartella clinica. Che “errore”! In effetti il loro comportamento ha tutti i crismi di un “complotto”, anche se non è affatto chiaro se avesse lo scopo di assassinare certi dirigenti del Partito, secondo l’accusa formulata in seguito, o fosse semplicemente un modo per “coprirsi” l’un l’altro.

C’era anche un precedente dello stesso tipo. Al processo di Mosca a Bukharin del marzo 1938, Rykov e altri due medici, Pletnev e Levin, avevano confessato un complotto per causare la morte dello scrittore Maxim Gorkii, di Valerian V. Kuibyscev, membro del Politburo, e di Vyaceslav Menzhinsky, capo della OGPU, il cui vice era Iagoda che voleva liberarsene il più presto possibile. Noi abbiamo ora conferma di queste accuse dagli interrogatori pre-processuali, precedentemente non pubblicati, di Iagoda e da vari “confronti diretti” o ochnye stavki tra Iagoda e i dottori Levin e Pletnev, nonchè tra Kriuchkov e Levin.

Abbiamo ora anche due interrogatori preliminari di Avel’ Enukidze, che confermano l’insieme delle confessioni di Iagoda. Il dottor Levin ammette anche il contatto diretto con Enukidze. Ho studiato personalmente la “riabilitazione” del dottor Pletnev e la pretesa “ricerca” su questa basata. La conclusione a cui sono giunto è che anche la “riabilitazione” di Pletnev è un falso. Pletnev ammise la sua colpevolezza e non ritrattò mai.[26]

Ne giugno del 1957 fu “riabilitato” Akbal Ikramov, uno degli imputati del “Processo Bukharin”. Per sostenere che Ikramov era stato falsamente accusato l’unico elemento citato fu che i suoi accusatori, compreso Bukharin, avevano accusato anche altri, che nel frattempo erano già stati dichiarati “riabilitati”[27]. Non si afferma mai che Ikramov, che al processo confessò, o uno qualunque dei suoi accusatori, avrebbero agito sotto costrizione.

Entro il dicembre 1957 parecchi altri imputati erano stati “riabilitati” in questo modo. I rimanenti non furono “riabilitati” fino al 1988, sotto Gorbacev, ma questa era solo una formalità. A un convegno nazionale di storici che si tenne nel 1962 fu chiesto a Pospelov che cosa si dovesse dire sugli imputati nelle scuole. La sua risposta fu che “naturalmente nè Bukharin nè Rykov erano spie o terroristi”.[28] Lo stesso Pospelov però, agli storici del pubblico che facevano domande, rifiutò qualsiasi accesso alle testimonianze documentali che avevano richiesto!

Bukharin aveva confessato di essere un terrorista, ma quanto allo spionaggio aveva detto di non averlo fatto in prima persona ma soltanto per il tramite di altri congiurati, mentre Rykov aveva rifiutato di ammettere di essere una spia ma aveva confermato di aver cercato di rovesciare il governo. Pospelov perciò nel 1962 non fa altro che rendere esplicito quello che in precedenza Kruscev aveva solo dato per sottointeso, l’affermazione cioè – falsa come siamo adesso in grado di provare – che i processi di Mosca erano una montatura basata su testimonianze false. Nel “Rapporto Segreto” Kruscev dichiarò che la “Congiura dei medici” era una montatura, ma al riguardo mentì su tutta la linea. Disse che era stata orchestrata da Beria, mentre in realtà fu proprio l’inchiesta di Beria a scoprire che si trattava di una montatura. Accusò poi il dottor Timashuk di essere all’origine della vicenda, ma Timashuk non c’entrava per niente. Tutta la documentazione di prima mano in nostro possesso conferma questi fatti.

In ogni caso la morte di Shcerbakov non poteva essere notizia migliore per Kruscev. Tra tutte le rivelazioni che Kruscev affermò di aver fatto sugli anni di Stalin il cumulo di falsità si è dimostrato tale che sarebbe poco prudente “credergli” sulla parola in questo caso. Alla luce degli elementi che adesso possediamo riguardo le “congiure dei medici” di cui si parlò nel processo di Mosca del 1938, sarebbe sbagliato escludere a priori la possibilità che perlomeno alcune delle “congiure” del dopoguerra abbiano avuto qualche base nella realtà.

Per finire c’è il mistero, riconosciuto già da molto tempo, delle ragioni per cui a Stalin gravemente colpito non furono prestate cure mediche fino a un giorno o più dopo che si era saputo che aveva avuto un ictus. Quali che siano i dettagli di questo affare, Kruscev vi ebbe certo un ruolo.

Le conseguenze da trarre: l’influenza sulla società sovietica

A parte le motivazioni personali di Kruscev, di grande interesse e importanza sono le conseguenze che si possono trarre dal Rapporto per la società e la politica sovietica.

Il fatto che il “Rapporto Segreto” non è falso solo in particolari passaggi ma è intessuto di menzogne dalla prima riga all’ultima esige una correzione radicale del nostro quadro di riferimento storico e politico.

Il fatto che la commissione di studio e “riabilitazione” che fornì a Kruscev le informazioni che egli utilizzò nel Rapporto – la Commissione Pospelov – non fece una indagine onesta ha conseguenze anche per tutte le altre commissioni di indagine storica, nessuna esclusa, create sotto Kruscev e che a lui rispondevano.

Sotto Kruscev vennero create per esempio molte commissioni di “riabilitazione” per “studiare” i casi di individui, quasi sempre comunisti, che erano stati condannati e giustiziati o detenuti nel GULAG per molti anni. In quasi tutti i casi a nostra conoscenza queste commissioni discolparono gli imputati e li dichiararono “riabilitati” – innocenti a tutti i fini pratici. E i “riabilitati” venivano definiti “vittime della repressione staliniana”. Tuttavia sono assai pochi i casi in cui fu presentata una qualche circostanza che suffragasse l’innocenza della persona “riabilitata”. Al contrario, in alcuni casi ci sono buone ragioni per ritenere che le persone “riabilitate” non fossero affatto innocenti.

Per esempio, nel Plenum del Comitato Centrale del giugno 1957 in cui Kruscev e i suoi alleati espulsero gli “stalinisti” Malenkov, Molotov e Kaganovic per aver cospirato per destituire Kruscev dalla carica di Primo Segretario, il Maresciallo Zhukov diede lettura di una lettera manipolata del Komandarm (generale) Iona Iakir. Iakir era stato processato e giustiziato nel giugno 1937 insieme al Maresciallo Tukhacevskii per aver cospirato con tedeschi e oppositori interni all’URSS in vista di un colpo di stato.

Il Maresciallo Zhukov citò la lettera in questi termini:
Il 29 giugno, alla vigilia della sua morte, [Iakir, NdA] scrisse una lettera a Stalin in cui dice “Caro, fraterno compagno Stalin! Ho l’ardire di rivolgermi a te in questo modo perchè ho detto tutto e penso di essere quel degno militante, devoto al Partito, allo stato e al popolo che sono stato per molti anni. Tutta la mia vita cosciente è trascorsa nel lavoro disinteressato e onesto agli occhi del Partito e dei suoi dirigenti. Muoio con parole di amore per te, il Partito, il paese, con fervida fede nella vittoria del comunismo”.
Sulla lettera di Iakir si trovano le seguenti indicazioni:
“Per il mio archivio. St. Una canaglia e una puttana. Stalin.
Descrizione assolutamente calzante. Molotov. Per un mascalzone, porco e b*** c’è una sola punizione: la pena di morte. Kaganovic.[29]
Il testo era stato manipolato omettendo la parte della lettera di Iakir in cui egli conferma la sua colpevolezza e se ne pente. Ecco il testo tratto dal “Rapporto Shvernik” sul caso Tukhacevskii consegnato a Kruscev nel 1964, poco prima che fosse estromesso, ma non pubblicato fino al 1994. Le parole omesse nella lettura fatta da Zhukov nel 1957 sono riportate in grassetto:
“Caro, fraterno compagno Stalin! Ho l’ardire di rivolgermi a te in questo modo perchè ho detto tutto e penso di essere nuovamente quel degno militante, devoto al Partito, allo stato e al popolo che sono stato per molti anni. Tutta la mia vita cosciente è trascorsa nel lavoro disinteressato e onesto agli occhi del Partito e dei suoi dirigenti – poi sono caduto in un incubo, nell’irreparabile orrore del tradimento… L’inchiesta è terminata. Mi è stata mossa l’imputazione di tradimento dello stato, ho ammesso la mia colpevolezza, mi sono pentito completamente. Ho fede illimitata nella giustizia e nella correttezza della decisione del tribunale e del governo. Adesso le mie parole sono oneste. Muoio con parole di amore per te, il Partito, il paese, con fervida fede nella vittoria del comunismo”.

Sulla lettera di Iakir si trovano le seguenti indicazioni:
“Per il mio archivio. St.” “Una canaglia e puttana. I. St[alin]”.
“Descrizione assolutamente calzante. K. Voroshilov”. “Molotov”. “Per un mascalzone, porco e bastardo c’è una sola punizione: la pena di morte. Kaganovic”.[30]
A parte gli errori relativamente ininfluenti nell’intervento di Zhukov – la lettera di Iakir fu scritta il 9, non il 29 giugno 1937 – ci sono manipolazioni importanti. Nella lettera Iakir conferma ripetutamente la sua colpevolezza. Sul testo, al pari di Stalin, Molotov e Kaganovic, fece le sue annotazioni anche Voroshilov, particolare omesso da Zhukov. Nel 1957 Voroshilov si era distanziato dal complotto per destituire Kruscev. Quest’ultimo, pur criticandolo aspramente, gli risparmiò la punizione inflitta agli altri. Lo stesso testo manipolato della lettera fu letto nel novembre 1961 da Alexander Scelepin al XXII Congresso del Partito.[31]

Nel 1957 nessuno degli accusati – Malenkov, Molotov e Kaganovic – protestò per la manipolazione della lettera di Iakir da parte di Zhukov. Dobbiamo ritenere perciò che essi, pur essendo membri del Presidium, non potessero accedere al testo. E’ possibile che lo stesso Zhukov non sapesse di leggere un documento manipolato. Ma i “ricercatori” di Kruscev lo dovevano ben sapere – il testo lo avevano procurato loro! Non avrebbero mai osato manipolarlo all’insaputa di Kruscev. Anche Kruscev perciò ne era a conoscenza.[32]

(C’è poi da notare che anche nella versione della lettera di Iakir pubblicata nel 1997 c’è un omissis – i tre puntini, una troetochie in russo – dopo la parola “tradimento”. C’è qualcosa che ancora manca dalla lettera di Iakir, il cui testo autentico e completo ci viene perciò ancora negato dal governo russo).

Dunque nessuna delle decisioni di “riabilitazione” con cui moltissimi comunisti che erano stati repressi furono dichiarati innocenti può essere presa per buona senza verifica. Ma la stessa cosa vale per altri documenti creati per essere utilizzati da Kruscev.

Tra questi c’è l’insieme di documenti conosciuti come relazioni del “Colonnello Pavlov”. Un recente studio di Oleg Khlevniuk li definisce “la principale fonte di informazione sull’ampiezza della repressione”.[33] Le relazioni costituiscono le fonti principali per una stima del numero di persone “represse” negli anni ’30.[34] Dato però che furono preparate per Kruscev, non possiamo dare per scontato che fossero fatte onestamente. Forse era nell’interesse di Kruscev esagerare, o viceversa minimizzare, il numero dei condannati a morte? O forse Pavlov, come Pospelov, pensava di dover fare l’una cosa o l’altra? Data la natura fraudolenta di altri studi condotti per Kruscev, non possiamo più prendere semplicemente per buone le relazioni del “Colonnello Pavlov”.

Per quanto riguarda gli studi accademici, quasi tutte le ricerche sugli anni di Stalin pubblicate nell’ultimo mezzo secolo si basano essenzialmente su pubblicazioni sovietiche dell’epoca di Kruscev.[35] Questo vale anche per molte o la maggior parte delle fonti non dell’emigrazione citate nelle numerose opere di Robert Conquest, come The Great Terror, per la famosa biografia di Bukharin di Stephen Cohen[36] e per molte altre opere. Cohen trae la documentazione per l’ultimo capitolo sugli anni ’30 da fonti dell’epoca di Kruscev e dal Rapporto stesso, col risultato che quasi tutti i fatti citati nel capitolo si sono rivelati falsi. Le opere di questo tipo non possono essere prese per buone a meno che, e solo nella misura in cui, le affermazioni ivi contenute non possano essere verificate in maniera indipendente.

Ciò vale anche per le pretese “fonti primarie” di documentazione. Kruscev e altri hanno citato in modo disonesto molte di queste fonti. A meno che gli studiosi non possano vedere gli originali – e i testi completi – non è lecito ritenere senz’altro che Kruscev o un qualsiasi libro, articolo o discorso dell’era di Kruscev li citi onestamente.[37]

Conseguenze politiche da trarre

Il “Rapporto Segreto” precipitò il movimento comunista internazionale in una grave crisi. La giustificazione addotta fu però che il danno arrecato era necessario, profilattico. Una brutta pagina del passato, quasi totalmente ignota ai comunisti in tutto il mondo e anche nell’URSS stessa, doveva essere portata alla luce; un cancro potenzialmente mortale nel corpo del comunismo internazionale doveva essere reciso senza pietà in modo che il movimento potesse correggersi e avanzare nuovamente verso i suoi fini ultimi.

Negli anni che seguirono divenne via via più manifesto che l’URSS non stava andando verso una società senza classi, ma semmai nella direzione opposta. Ciononostante, coloro che rimasero legati al movimento a direzione sovietica, lo fecero perchè rimanevano attaccati all’ideale originario. Milioni e milioni in tutto il mondo speravano e credevano che un movimento che poteva permettersi di soffrire perdite così ingenti, di ammettere che crimini di tal fatta fossero stati commessi in suo nome, di rivelarli senza esitazione – come Kruscev sosteneva di aver fatto – , avrebbe avuto l’onestà e la forza di correggersi e di procedere, quali che fossero i tortuosi percorsi politici necessari, verso un futuro comunista. Un discorso di questo tipo non è più sostenibile.

Kruscev non stava cercando di “raddrizzare il vascello del comunismo”. Uno scempio totale della verità quale si trova nel “Rapporto Segreto” è incompatibile col marxismo o con motivazioni ideali di qualsiasi tipo. Non c’è niente di positivo, democratico o liberatorio che si possa costruire sulla base di menzogne. Kruscev non stava rivitalizzando un movimento comunista e un Partito bolscevico che avevano deviato dal loro percorso autentico a causa di gravi errori, ma lo stava distruggendo.

Kruscev stesso si “rivela” essere non un comunista onesto, ma un dirigente politico che cerca vantaggi personali nascondendosi dietro una maschera ufficiale di idealismo e probità, un tipo d’uomo che non è difficile trovare nei paesi capitalisti. Considerando l’assassinio di Beria e gli uomini giustiziati nel 1953 come “banda di Beria”, egli appare in una luce anche peggiore – un criminale politico. Kruscev fu veramente colpevole del tipo di crimini di cui nel “Rapporto Segreto” accusava deliberatamente e falsamente Stalin.

La natura fraudolenta del Rapporto di Kruscev ci costringe a rivedere il giudizio su quegli “stalinisti” che nel 1957 avevano cercato, senza riuscirvi, di destituire Kruscev dagli incarichi dirigenziali ed erano stati estromessi e infine espulsi dal Partito. Con tutti i loro difetti e fallimenti, le interviste agli anziani Molotov e Kaganovic (riportate da Felix Chuev) rivelano uomini devoti fino alla fine a Lenin, a Stalin e all’ideale del comunismo e spesso capaci di commenti incisivi sugli sviluppi in senso capitalistico negli ultimi anni dell’URSS. Molotov predisse il rovesciamento del socialismo da parte di forze interne al Partito anche quando, ottantenne e novantenne, cercò di essere reintegrato.

Tuttavia la loro accettazione delle linee fondamentali dell’attacco di Kruscev a Stalin fa pensare che anch’essi nutrisssero dubbi su alcune delle politiche seguite al tempo di Stalin. In una qualche misura condividevano le idee politiche di Kruscev. Inoltre non avevano informazioni dettagliate sulle repressioni degli anni ’30 e successive ed erano totalmente impreparati a confutare qualsiasi cosa Kruscev e i suoi sostenitori dicessero in proposito – finchè non fu troppo tardi.

La sola misura positiva presa dalla dirigenza sovietica post staliniana fu forse la critica e la parziale eliminazione del disgustoso “culto della personalità” che essi stessi avevano costruito intorno alla figura di Stalin. Anche su questo punto Kruscev non merita però credito alcuno. Egli si era opposto ai tentativi assai anteriori di Malenkov – a pochi giorni dalla morte di Stalin – di criticare il “culto”. E Malenkov aveva avuto l’onestà di biasimare non Stalin, ma quelli che gli stavano intorno, se stesso compreso, per essere stati troppo deboli per fermare il “culto”, a cui alla fine Stalin si era abituato, ma che non aveva mai approvato e considerava con disappunto.

Kruscev da parte sua non perse tempo nel tentativo di costruire attorno alla propra persona un “culto” anche maggiore di quello che circondava Stalin. Per questo egli fu criticato nel 1956 e 1957 anche dai suoi sostenitori e l’autoincensamento e l’arroganza furono le principali accuse che gli vennero mosse dal Presidium che nell’ottobre 1964 lo destituì.[38]

La natura fraudolenta del Rapporto di Kruscev ci obbliga a ripensare gli anni di Stalin e Stalin stesso. Spogliata sia dell’adorazione cultuale che lo circondava, sia delle calunnie di Kruscev, la figura di Stalin e la forma delle politiche che egli cercò di mettere in pratica ritornano ad essere il tema centrale, il punto interrogativo più importante nella storia sovietica e dell’Internazionale. I successi e gli insuccessi di Stalin non devono solo essere riesaminati, devono ancora essere scoperti e riconosciuti.

Trotsky

Per lo stesso motivo si impone anche la riconsiderazione di Trotsky e del trotskismo. Nell’essenziale la denuncia di Stalin fatta da Kruscev nel “Rapporto Segreto” riecheggia la demonizzazione di Stalin da parte di Trotski. Ma nel 1956 il trotskismo era una forza marginale e il suo leader assassinato veniva generalmente liquidato come un megalomane fallito.

Il discorso di Kruscev infuse nuova vita alla caricatura ormai moribonda che Trotsky aveva fatto di Stalin. Comunisti e anticomunisti insieme presero a considerare Trotsky come un “profeta”. Non aveva forse detto cose assai simili a quelle che Kruscev aveva appena “rivelato” essere vere? Le opere di Trotsky, che pochi avevano letto, vennero rispolverate. La sua reputazione e quella dei suoi seguaci crebbe a dismisura. Che il “Rapporto Segreto” costituisse una “riabilitazione” implicita di Trotsky fu subito chiaro alla vedova, Sedova, che all’indomani del Rapporto depositò al Presidium del XX Congresso la domanda di piena riabilitazione del marito e del figlio.[39] Adesso però il ritratto assai partigiano che Trotsky fece di Stalin e della società e politica sovietica dei suoi giorni, non essendo più “confermato” dalla testimonianza di Kruscev, deve essere riconsiderato con occhio critico.

Punti deboli irrisolti del sistema sovietico di socialismo

E’ facile e certamente giustificato criticare Kruscev. Egli decise di minare il PCUS e il movimento comunista internazionale mentendo deliberatamente su Stalin e la storia sovietica. Quali che siano le conclusioni a cui possiamo arrivare sulle condizioni storiche che hanno prodotto Kruscev e la sua stagione, nessuno può assolverlo dalla responsabilità per le sue azioni.

Ma Kruscev non avrebbe potuto essere promosso al Politburo/Presidium se il suo concetto di socialismo fosse stato troppo diverso da quello condiviso da molti altri dirigenti del Partito. L’ascesa di Kruscev si spiega indubbiamente in parte per la sua straordinaria energia e iniziativa, qualità che non sembrano brillare negli altri membri del Presidium, ma non avrebbe potuto trionfare se Stalin e l’elite del Partito lo avesse considerato un elemento di destra o un cattivo comunista. Il concetto di quello che nel Partito bolscevico si intendeva per “socialismo” si era evoluto a partire dagli anni della rivoluzione.

Malenkov, Molotov e Kaganovic, le figure di maggior spicco associate per decenni a Stalin, si rassegnarono, benchè a malincuore, al “Rapporto Segreto” di Kruscev. E’ chiaro che non avevano accesso ai documenti preparati per Kruscev dai suoi alleati. Le loro osservazioni dell’epoca e anche posteriori dimostrano che non sospettavano che quello che Kruscev diceva fosse falso. Inoltre accettavano le conseguenze politiche del Rapporto.

Se Malenkov fosse riuscito a contrastare Kruscev e avesse mantenuto la direzione derl PCUS, il “Rapporto Segreto” non avrebbe mai visto la luce e la storia del movimento comunista, e quindi buona parte della storia mondiale, avrebbe potuto avere sviluppi assai diversi. Analogamente, molti hanno pensato che l’Unione Sovietica potrebbe ancora esistere se Iuri Andropov fosse rimasto in vita come suo massimo dirigente per un arco di tempo normale e Gorbacev non avesse mai assunto la carica. Ma “il ruolo dell’individuo nella storia” non consente scelte illimitate neanche ai dirigenti più forti. L’URSS di Andropov non era meno in crisi di quella di Gorbacev o di quanto lo fosse l’URSS nel 1953.

Kruscev riuscì a prendere il potere, lanciò la bomba del “Rapporto Segreto” con tutte le sue manipolazioni e poi ne fece un punto fermo, riuscendo a prevalere sull’elite e sulla maggioranza della popolazione sovietica e – seppur non senza enormi perdite – sulla maggior parte dei comunisti nel mondo. Questi fatti esigono una spiegazione. E le radici di quest’esito vanno ricercate nel periodo antecedente della storia sovietica, quello della direzione di Stalin, e ancor prima di Lenin, e nelle condizioni che avevano condotto alla rivoluzione russa e alla vittoria dei bolscevichi. Ci sono radici storiche e ideologiche del Rapporto di Kruscev che vanno rintracciate nella storia sovietica. Stalin si sforzò tenacemente di applicare le analisi di Lenin alle condizioni che trovò in Russia e nel movimento comunista internazionale. Lenin a sua volta aveva cercato di applicare le intuizioni di Marx ed Engels. Lenin aveva cercato di trovare risposte per i problemi acuti della costruzione del socialismo in Russia nelle opere dei fondatori del comunismo moderno.

Stalin, che da parte sua non rivendicò mai di aver introdotto innovazioni, cercò di seguire gli insegnamenti di Lenin più rigorosamente possibile. Nel frattempo Trotsky e Bucharin, come anche altri oppositori, trovavano anch’essi nelle opere di Lenin argomenti per le politiche che proponevano. E Kruscev, come i suoi epigoni fino a Gorbacev compreso, citavano le opere di Lenin per giustificare e dare una copertura leninista o “di sinistra” a qualsiasi politica avessero scelto.

Qualcosa perciò nelle opere di Lenin e in quelle dei suoi grandi maestri, Marx ed Engels, ha facilitato gli errori compiuti onestamente dal suo onesto successore Stalin e utilizzati dal suo disonesto successore Kruscev per coprire il proprio tradimento.

Ma questa è materia di ulteriore ricerca e per un altro libro.
Gennaio 2005 – febbraio 2007. Rivisto nel dicembre 2010.

NOTE

[1] “Neveroiatno levatskii zagib.” Mikoian, Tak Bylo, cap. 46: “Alla vigilia e nel corso del XIX Congresso del Partito: gli ultimi giorni di Stalin”

[2] IU. N. Zhukov, “Krutoi povorot… nazad” (“Una decisa svolta… all’indietro”), XX S”ezd. Materialy konferentsii k 40-letiiu XX s”ezda KPSS. Gorbachev-Fond, 22 fevralia 1996 goda. Mosca: Aprile-85,1996, pp. 31-39; citazione a p. 39. Questa fu la sola relazione a cui Gorbacev stesso replicò personalmente in deciso disaccordo. Vedi anche http://www.gorby.ru/activity/conference/show_553/view_24755/

[3] Ho delineato più dettagliatamente questa ipotesi in “Stalin and the Struggle for Democratic Reform” (Stalin e la lotta per la riforma democratica), Cultural Logic 2005. Vedi http://clogic.eserver.org/2005/2005.html

[4] In effetti si può dire che il “disgelo post-staliniano” ebbe inizio già con Stalin vivente, perlomeno in campo culturale. Quest’idea è stata sviluppata ultimamente dallo storico Vadim Kozhinov, nel capitolo 8 di Rossiia: Vek XX (1939-1964). (Mosca: EKSMO / Algoritm, 2005), “Sul cosiddetto ‘disgelo” ‘, pp. 309-344.

[5] Prima del 1952 il nome del partito era Partito Comunista di Tutta l’Unione (bolscevico).

[6] Ho riassunto brevemente e discusso la teoria di Zhukov, citando tutti i suoi libri e articoli al riguardo, nel saggio in due parti “Stalin and the Struggle for Democratic Reform” (Stalin e la lotta per la riforma democratica), in Cultural Logic per il 2005. Vedi http://clogic.eserver.org/2005/2005.html

[7] Khrushchev, N.S., Vremia, Liudi, Vlast’. Vospominania. (“Tempi, persone, potere: le memorie”). (Mosca, 1999), libro 2°, parte 3ª, p. 192. Anastas Mikoian, Tak Bylo (“Ecco come è stato”). Moscow: Vagrius, 1999. C 49, “Khrushchev u Vlasti” (Kruscev al potere), versione stampata p. 611.

[8] Grover Furr e Vladimir L. Bobrov, “Nikolai Bukharin’s First Statement of Confession in the Lubianka” (La prima confessione di Nikolai Bukharin alla Lubianka). Cultural Logic 2007. Vedi http://clogic.eserver.org/2007/Furr_Bobrov.pdf L’articolo fu pubblicato dapprima dalla rivista storica russa Klio 1 (36), 2005, 38-52. Ho messo in rete la versione russa all’indirizzo http://chss.montclair.edu/english/furr/research/furrnbobrov_bukharin_klio07.pdf

[9] “Reabilitatsionnoe moshenichestvo”, in Grover Furr e Vladimir Bobrov, 1937. Pravosudie Stalina. Obzhalovaniiu ne podlezhit! (Mosca: Lksmo, 2010). Glava 2, 64-84.

[10] Lubianka 3, p. 47

[11] Vedi l’interrogatorio-confessione di Ezhov del 4 agosto 1939 in Nikita Petrov, Mark Jansen. “Stalinskii pitomets” – Nikolai Ezhov. Mosca: ROSSPEN, 2008, pp. 367-379. Traduzione inglese all’indirizzo http://chss.montclair.edu/english/furr/research/ezhov080439eng.html

[12] La lettera di Bukharin a Stalin del 10 dicembre 1937 fu pubblicata contemporaneamente da due delle più importanti riviste storiche russe . Per il passo a cui mi riferisco vedi “Poslednoe pis’mo,” Rodina 2, 1993, p. 52 col. 2; ‘”Prosti menia, Koba…’ Neizvestnoe pis’mo N. Bukharina,” Istochnik 0, 1993, p. 23 col. 2. E’ tradotta in Getty & Naumov, Road to Terror (Verso il terrore), pp. 556 ss; passo citato a p. 557.

[13] Per un esempio vedi Grigory Tokaev, Comrade X (Il compagno X). Londra: Harvill Press, 1956.

[14] IU. N. Zhukov, “Zhupel Stalina… Chast’ 3”. Komsomol’skaia Pravda 12 novembre 2002; Nikita Petrov, Pervyi predsedatel’ KGB Ivan Serov. Mosca: Materik, 2005, pp. 157-162; Mark IUnge e R. Binner, Kak terror stal “Bal’shim”. Sekretnyi prikaz No. 00447 i tekhnologiia eto ispolneniia. Mosca: AIRO-XX, 2003, p. 16. Per comodità ho ripetuto questi riferimenti al n. 28 a proposito del “Telegramma sulla tortura”. (Si tratta della falsità n. 28, su un totale di 61 esaminate da Grover Furr nel libro, pp. 76-80 dell’edizione inglese, NdT).

[15] A.N. Ponomarev. Aleksandr Shcherbakov. Stranitsy biografii. M: Izd. Glavarkhiva Moskvy, 2004, p. 49

[16] Ponomarev fornisce esempi specifici di appelli contro le decisioni della “troika” NKDV ricevuti nell’aprile 1939. Su un totale di 690 i giudici nell’aprile 1939 ne esaminarono 130 e tutti, salvo 14, furono reintegrati (circa il 90%).

[17] Ponomarev, pp. 51-2. Negli anni seguenti tuttavia a Popov non fu risparmiata l’ira di Kruscev e nelle sue memorie ne parlò in termini fortemente negativi. Vedi Taranov, “Partiinii gubernator Moskvy Georgii Popov”. Mosca: Izd. Glavarkhiva Moskvy, 2004.

[18] Khrushchev, N.S. Vremia. Liudy. Vlast’. Kn. 2. Chast’ III, p. 41.

[19] Ponomarev, pp. 204-5. L’accusa è poco credibile anche per altri motivi. Durante la guerra Shcherbakov era membro candidato del Politburo, fungeva da vice di Stalin nel Comitato di Difesa, era Commissario politico dell’Armata Rossa e responsabile di tutti gli organismi di propaganda di guerra. Come tale lavorava ore e ore sotto gli occhi di Stalin. Che le sue facoltà fossero offuscate dall’alcol non sarebbe stato tollerato.

[20] Sono le parole che Kruscev usa riguardo a Shcherbakov, op.cit. p. 39.

[21] Ponomarev, p. 207 n. 32, citando Mikoian, Tak Bylo. Ho verificato le citazioni dalla versione digitale delle memorie di Mikoian.

[22] Shcerbakov discute le confessioni che accusano Snegov in una lettera a Zhdanov del 18 giugno 1937. Vedi No. 206, p. 363 in Sovetskoe Rukovodstvo. Perepiska. 1928-1941. Mosca: ROSSPEN, 1999. Adzhubei, Krushenie Illiuzii (Mosca: Interbuk, 1991), pp. 162-167. Dopo l’estromissione di Kruscev, Snegov fu sottoposto dal Partito a procedimento disciplinare per diffusione di idee trotskiste. Vedi RKEB 2, sezione 6, No. 23, pp. 521-525.

[23] In qualità di Primo Segretario in Ucraina Kruscev aveva compiuto repressioni di massa tanto in Ucraina che a Mosca, ma in Ucraina era rimasto per 12 anni, fino al 1949. Aveva avuto tutto il tempo di coprire le tracce del suo passaggio e di lasciare il Partito in Ucraina in mani sicure.

[24]Ponomarev, p. 275 e p. 277 n. 20, afferma che i dottori “non fecero obiezioni” a che Shcherbakov intraprendesse il viaggio che lo uccise. Egli si pone dunque il problema della decisione dei medici e riconosce che fu incompetente se non criminale, ma poi lascia cadere l’argomento.

[25] IA.IA. Edinger, Eto nevozmozhno zabyt’. Vospominaniia. Mosca: Ves’ Mir, 2001, p. 87. Vedi http://www.sakharov-center.ru/asfcd/auth/auth_pages.xtmpl?Key=10153&page=78&print=yes, la lettera di Riumin a Stalin del 2 luglio 1951, che è la fonte prima da cui sono tratti questi particolari. La lettera è stampata in traduzione in Jonathan Brent e Vladimir P. Naumov, Stalin’s Last Crime: The Plot Against the Jewish Doctors, 1948-1953. (L’ultimo crimine di Stalin: il complotto contro i medici ebrei, 1948-1953). NY: Harper Collins, 2003, pp. 115-118. Il libro in sè non è assolutamente degno di fede, ma i documenti potrebbero senz’altro essere autentici dato che vengono da Naumov, che in quanto eminente archivista avrebbe certamente potuto esaminarli, anche se non ha mai messo a disposizione gli originali russi. Ponomarev esamina le accuse di antisemitismo mosse a Shcherbakov e conclude che sono tutte false; vedi pp. 212-3; 218 ss.; 227-8.

[26] I documenti sull’interrogatorio e i confronti diretti di Iagoda si trovano in Genrikh Iagoda. Narkom vnutrennikhdel SSSR, General ‘niy komissar gosudarstvennoi bezopasnosti. Sbornik dokumentov. Kazan’, 1997, pp. 218-223. Lì è pubblicata anche la prima delle due trascrizioni degli interrogatori di Enukidze, quella del 30 maggio 1937 (pp. 508-517). In essa l’inquirente del NKVD fa riferimento a un precedente interrogatorio di Enukidze del 27 aprile 1937 che adesso è stato pubblicato in Lubianka 2 No. 60, pp. 144-156. Quest’ultima pubblicazione, a cura della fondazione Iakovlev, ha carattere semi-ufficiale e conferma perciò l’autenticità della prima pubblicazione. Sui contatti tra Levin ed Enukidze vedi ibid. p. 222.

[27] RKEB 2, p. 135.

[28] Vsesoiuznoe soveshchanie o merakh uluchsheniia podgotovki nauchno-pedagogicheskikh kadrov po istoricheskim naukam, 18-21 dekabria 1962 g. Mosca: Nauka, 1964, p. 298. IUri Fel’shtinskii, noto studioso trotskista russo, afferma che Pospelov avrebbe risposto che “quella era la sintesi dei risultati ufficiali delle ricerche segrete condotte dagli organi competenti del CC del PCUS”. Vedi IU. G. Fel’shtinskii, Razgovory s Bukharinym. Kommentarii k vospominaniem A.M. Larinoi (Bukharinoi ‘Nezabyvaemoe’ s prelozheniami. Mosca: Izd. Gumanitarnoi literatury, 1993, p. 92. Non c’è motivo di credere che ciò sia vero, dato che il contesto in cui Pospelov parla è dato dalle parole seguenti: “Posso affermare che basta studiare attentamente i documenti del XXII Congresso del Partito per dire che naturalmente nè Bukharin, nè Rykov sono stati spie o terroristi”. Noi sappiamo che al XXII Congresso pure e semplici montature furono fatte passare per dati di fatto (ne è un esempio la fuorviante lettura della lettera di Iona IAkir da parte di Shelepin, che discutiamo più avanti). Non c’è motivo perciò di pensare che Pospelov stesse dicendo il vero.

[29] Molotov, Malenkov, Kaganovic. 1957. Mosca, 1998, p. 39.

[30] RKEB 2 (2003), 688; Voenno-Istoricheskii Arkhiv, Vypusk 1. Mosca, 1997, p. 194. Anche in Voennye Arkhivy Rossi No. 1, 1993, p. 50. Questa fu la prima pubblicazione dello “Shvernik Report.” Ma questa rivista, la cui unica uscita è circondata dal mistero, è di assai difficile reperibilità. Evidentemente non ne uscì nessun altro numero e il primo, che porta la data del 1993, potrebbe non esser stato pubblicato in realtà prima dell’anno seguente.

[31] Al XXII Congresso del Partito nel 1961, nel corso del quale Kruscev e i suoi sostenitori diressero contro Stalin un attacco persino più virulento che nel 1956, Alexander Shelepin ripetè la stessa manipolazione dando lettura ad alta voce della lettera di Iakir con l’omissione delle parti in cui questi confermava la propria colpevolezza (Sokolov, B.V. Mikhail Tukhachevskii. Zhizn’ I Smert’ ‘Krasnogo Marshala’, Smolensk, 1999; anche all’indirizzo: http://militera.lib.ru/bio/sokolov/09.html ; Leskov, Valentin. Stalin i Zagovor Tukhachevskogo. Mosca: Veche, 2003, n. 171 p. 461. La trascrizione del discorso di Shelepin al XXII Congresso del PCUS è pubblicata sulla Pravda del 27 ottobre 1961. La citazione disonesta della lettera di Iakir da parte di Shelepin si trova a p. 10, colonne 3-4. E’ riportata inoltre nei verbali ufficiali: XXII s”ezd Kommunisticheskoi Partii Sovetskogo Soiuza. 17-31 oktiabria 1961 goda. Stenograficheskii otchiot. Mosca: Gos. Izd. Politicheskoi Literatury, 1962, 399-409.

[32] Anche Matthew Lenoe conclude che Kruscev nascose a Molotov ed altri importanti documenti. Vedi The Kirov Murder and Soviet History (L’assassinio di Kirov e la storia sovietica) (New Haven: Yale U.P. 2010) 592. Sto preparando una recensione dettagliata di questo libro estremamente fuorviante.

[33] The History of the Gulag Yale U.P. 2004, p. 287.

[34] Sono anche una delle fonti più importanti per l’ormai famoso articolo di Getty, Rittersporn and Zemskov, “Victims of the Soviet Penal System in the Prewar Years: A First Approach on the Basis of Archival Evidence,” (Vittime del sistema penale sovietico negli anni prebellici: Una prima analisi sulla base dei documenti degli archivi), AHR, ottobre 1993,1017-1049.

[35] Già da tempo gli studenti più attenti hanno messo in dubbio il valore storico di queste opere, tra cui per esempio quella di Roi Medvedev, Let History Judge (Sia la storia a giudicare), in russo K sudu istorii o Arcipelago GULAG di Alexander Solzhenitsyn.

[36] Bukharin and the Bolshevik Revolution (1973).

[37] Un articolo mio e di Vladimir Bobrov dimostra, sulla base di documenti tratti da archivi sovietici in passato segreti, che ogni singola affermazione fatta da Cohen nel capitolo conclusivo della biografia di Bukharin è falsa. Sono tutte basate su fonti del periodo krusceviano con l’aggiunta di qualche voce messa in giro negli ambienti dell’emigrazione. Vedi “V krivoi zerkale «antistalinskoi paradigvy»” in 1937. Pravosudie Stalin. Obzhalovaniiu ne podlezhit’. (Mosca: Eksmo 2010) 195-333. Una versione di questo articolo in inglese è in programma per il numero del 2010 di Cultural Logic che uscirà nel 2011. (NdT: La versione inglese ampliata, di 109 pagine, può essere scaricata dall’indirizzo http://clogic.eserver.org/2010/Furr.pdf).

[38] Il verbale del Plenum dell’ottobre 1964 in cui Kruscev fu estromesso è stato pubblicato in Istoricheskii Arkhiv 1, 1993, pp. 3-19.

[39] Doklad Khrushcheva, p. 610. Ho messo in rete un facsimile della lettera della Sedova all’indirizzo http://chss.montclair.edu/english/furr/research/sedovaltr022856.jp

Traduzione

 

8 Marzo, festa della donna: Sei sicura di sapere cosa commemori?

L’8 marzo 1917, il 23 febbraio secondo il calendario giuliano allora in vigore in Russia – le donne della capitale guidarono una grande manifestazione che rivendicava la fine della guerra: la fiacca reazione dei cosacchi inviati a reprimere la protesta incoraggiò successive manifestazioni di protesta che portarono al crollo dello zarismo, ormai completamente screditato e privo anche dell’appoggio delle forze armate, così che l’8 marzo 1917 è rimasto nella storia a indicare l’inizio della «Rivoluzione russa di febbraio».

Per questo motivo, e in modo da fissare un giorno comune a tutti i Paesi, il 14 giugno 1921 la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste, tenuta a Mosca una settimana prima dell’apertura del III congresso dell’Internazionale comunista, fissò all’8 marzo la «Giornata internazionale dell’operaia». In Italia la Giornata internazionale della donna fu tenuta per la prima volta soltanto nel 1922, per iniziativa del Partito comunista d’Italia, che volle celebrarla il 12 marzo, in quanto prima domenica successiva all’ormai fatidico 8 marzo. In quei giorni fu fondato il periodico quindicinale Compagna, che il 1º marzo 1925 riportò un articolo di Lenin, scomparso l’anno precedente, che ricordava l’8 marzo come Giornata internazionale della donna, la quale aveva avuto una parte attiva nelle lotte sociali e nel rovesciamento dello zarismo. La connotazione fortemente politica della Giornata della donna, l’isolamento politico della Russia e del movimento comunista e, infine, le vicende della Seconda guerra mondiale, contribuirono alla perdita della memoria storica delle reali origini della manifestazione.

Così, nel dopoguerra, cominciarono a circolare altre versioni, secondo le quali l’8 marzo avrebbe ricordato la morte di centinaia di operaie nel rogo di una fabbrica di camicie a New York, facendo probabilmente confusione con una tragedia realmente verificatasi in quella città il 25 marzo 1911, l’incendio della fabbrica Triangle, nella quale morirono 146 lavoratori, in gran parte giovani donne immigrate dall’Europa. Altre versioni citavano la violenta repressione poliziesca di una manifestazione sindacale di operaie tessili tenutasi a New York nel 1857,[3] mentre altre ancora riferivano di scioperi o incidenti verificatesi a Chicago, a Boston o a New York. Nonostante le ricerche effettuate da diverse femministe tra la fine degli anni ’70 e gli ’80 abbiano dimostrato l’erroneità di queste ricostruzioni, le stesse sono ancora diffuse sia tra i mass media che nella propaganda delle organizzazioni sindacali.

Fonte

La teoria del socialismo in un solo paese

« […] la società socialista si può affermare anche in un solo paese, anche nelle condizioni del più accanito accerchiamento imperialista, come quello che ha dovuto affrontare l’Unione Sovietica. »

Ernesto Che Guevara in La costruzione del partito

Tra tutte le teorie del marxismo, quella del socialismo in un solo paese è la più falsificata e strumentalizzata dalla borghesia e dai suoi agenti inflitrati nel movimento comunista. Fare luce sul reale contenuto di questa teoria, demolire le mistificazioni borghesi e riabilitare il vero significato di questa teoria: tale è il compito che questo scritto si pone.

1. Il socialismo in un solo paese nell’elaborazione di Lenin

Vladimir Ilich Lenin, padre del bolscevismo, viene oggi dipinto, nelle ricostruzioni “di sinistra”, come un “coerente internazionalista”, come un sostenitore della “esportazione della rivoluzione”, come un trotskista. In realtà fu proprio Lenin il primo marxista a riconoscere la possibilità di edificare il socialismo in un solo paese; infatti nel suo articolo Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa, nel 1915, scrive:

« L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo all’inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso separatamente. »

Non è necessaria maggior chiarezza per esprimere questo concetto. Lenin prosegue:

« Il proletariato vittorioso di questo paese, espropriati i capitalisti e organizzata nel proprio paese la produzione socialista, si solleverebbe contro il resto del mondo capitalista, attirando a sé le classi oppresse degli altri paesi, spingendole ad insorgere contro i capitalisti, intervenendo, in caso di necessità, anche con la forza armata contro le classi sfruttatrici ed i loro Stati. »

In tal modo è indicato altrettanto chiaramente il compito del paese socialista nel campo internazionale. Di seguito sarà mostrato come lo stesso punto di vista, espresso però da Stalin, fu duramente contestato dal trotskismo.

Dopo l’articolo succitato, Lenin non si occupò più della questione della vittoria di un socialismo in un solo paese per diverso tempo e in molti suoi scritti, nel periodo immediatamente successivo all’Ottobre, pose l’enfasi sull’espansione della rivoluzione proletaria nell’Europa occidentale. Infatti nelle Tesi di aprile scrive:

“[…] II nostro compito immediato non è l’«instaurazione» del socialismo, ma, per ora, soltanto il passaggio al controllo della produzione sociale e della ripartizione dei prodotti da parte dei soviet dei deputati operai.”

Questa tendenza era comune a tutti i teorici bolscevichi in quel periodo, Stalin incluso. Tutto è perfettamente comprensibile, se è vero che edificare il socialismo è più facile nei paesi avanzati che in quelli arretrati.

Lenin però parla del compito immediato dei comunisti russi, quello che per ora (cioè subito dopo la presa di potere) è l’obbiettivo principale. Infatti in seguito modificò il suo punto di vista, aggiornandolo in base alla nuova situazione creatasi dopo la sconfitta delle insurrezioni nell’Europa occidentale.

Nei suoi ultimi scritti, Lenin affronta nuovamente il problema della vittoria del socialismo in un solo paese; in Sulla cooperazione scrive:

« In realtà, il potere dello Stato su tutti i grandi mezzi di produzione, il potere dello Stato nelle mani del proletariato, l’alleanza di questo proletariato con milioni e milioni di contadini poveri e poverissimi, la garanzia della direzione dei contadini da parte del proletariato, ecc., non è forse questo tutto ciò che occorre per potere, con la cooperazione, con la sola cooperazione, che noi una volta consideravamo dall’alto in basso come affare da bottegai e che ora, durante la Nep, abbiamo ancora il diritto, in un certo senso, di considerare allo stesso modo, non è forse questo tutto ciò che è necessario per condurre a termine la costruzione di una società socialista integrale? Questo non è ancora la costruzione della società socialista, ma è tutto ciò che è necessario e sufficiente per condurre a termine la costruzione. »

E ancora:

« I nostri avversari ci hanno detto più volte che noi intraprendiamo un’opera insensata, nel voler impiantare il socialismo in un paese che non è abbastanza colto. Ma si sono ingannati; noi abbiamo cominciato non da dove si doveva cominciare secondo la teoria (di ogni genere di pedanti), e da noi il rivolgimento politico e sociale ha preceduto il rivolgimento culturale, la rivoluzione culturale di fronte alla quale pur tuttavia oggi ci troviamo. »

In Sulla nostra Rivoluzione Lenin scrive:

“[…] è infinitamente banale il loro argomento [dei socialdemocratici. ndr.], studiato a memoria durante lo sviluppo della socialdemocrazia dell’Europa occidentale, secondo il quale noi non saremmo ancora maturi per il socialismo, e secondo il quale da noi non esisterebbero, come dicono diversi signori «scienziati» che militano nelle loro file, le premesse economiche obiettive per il socialismo. E non viene in mente a nessuno di domandarsi: ma un popolo che era davanti a una situazione rivoluzionaria; quale si era creata nella prima guerra imperialista, sotto la spinta di una situazione senza vie di uscita, non poteva forse gettarsi in una lotta che gli apriva almeno qualche speranza di conquistarsi condizioni non del tutto ordinarie per un ulteriore progresso della civiltà?

«La Russia non ha raggiunto il livello di sviluppo delle forme produttive sulla base del quale è possibile il socialismo». Tutti gli eroi della II Internazionale, compreso naturalmente Sukhanov, presentano questa tesi come oro colato. Questa tesi indiscutibile, la rimasticano continuamente e la considerano come decisiva per l’apprezzamento della nostra rivoluzione.

Ma che cosa fare se l’originalità della situazione ha innanzi tutto spinto la Russia nella guerra imperialista mondiale, nella quale erano coinvolti tutti i paesi dell’Europa occidentale che avevano una qualche influenza, e poi creato per il suo sviluppo – sulla soglia della rivoluzione che sta iniziando e in parte è già iniziata in Oriente – condizioni in cui noi potevamo attuare precisamente quella unione della «guerra dei contadini» con il movimento operaio, di cui parlava, come di una prospettiva possibile, un «marxista» come Marx, nel 1856, a proposito della Prussia?”

E ancora:

« Per creare il socialismo, voi dite, occorre la civiltà. Benissimo. Perché dunque da noi non avremmo potuto creare innanzi tutto quelle premesse della civiltà che sono la cacciata dei grandi proprietari fondiari e la cacciata dei capitalisti russi per poi cominciare la marcia verso il socialismo? In quali libri avete letto che simili modificazioni del corso normale della storia sono inammissibili o impossibili? »

Queste tesi di Lenin furono poi alla base dell’elaborazione della teoria del socialismo in un solo paese da parte di Stalin.

2. Stalin e la teorizzazione definitiva del socialismo in un solo paese

Dopo la morte di Lenin fu Stalin a sviluppare le sue riflessioni sulla teoria del socialismo in un solo paese. Caposaldo della teoria staliniana è il definitivo riconoscimento della possibilità di edificare la società socialista anche in un solo paese, chiaramente formulata in Principi del leninismo:

« Prima si considerava impossibile la vittoria della rivoluzione in un solo paese, perché si riteneva che per vincere la borghesia fosse necessaria l’azione comune del proletariato di tutti i paesi avanzati o almeno della maggior parte di essi. Oggi questo punto di vista non corrisponde più alla realtà. Oggi bisogna ammettere la possibilità di una tale vittoria, perché il carattere ineguale, a sbalzi, dellosviluppo dei diversi paesi capitalistici nel periodo dell’imperialismo, lo sviluppo delle catastrofiche contraddizioni interne dell’imperialismo, che generano delle guerre inevitabili, lo sviluppo del movimento rivoluzionario in tutti i paesi del mondo, tutto ciò determina non solo la possibilità, ma l’inevitabilità della vittoria del proletariato in singoli paesi. »

Tuttavia Stalin mette in rilievo anche la neccessità di continuare la lotta di classe su scala internazionale e di appoggiare la vittoria della rivoluzione proletaria in altri paesi:

“Consolidato il proprio potere e tratti dietro a sé i contadini, il proletariato del paese vittorioso può e deve edificare la società socialista. Ma significa forse che con ciò esso arriverà alla vittoria completa, definitiva del socialismo, cioè che esso può, con le forze di un solo paese, consolidare definitivamente il socialismo e garantire completamente il paese dall’intervento straniero e, quindi, dalla restaurazione? No, non significa questo. Per questo è necessaria la vittoria della rivoluzione almeno in alcuni paesi. Perciò lo sviluppo e l’appoggio della rivoluzione negli altri paesi è un compito essenziale della rivoluzione vittoriosa. Perciò la rivoluzionedel paese vittorioso deve considerarsi non come una entità sufficiente a sé stessa, ma come un ausilio, come un mezzo atto ad accelerare la vittoria del proletariato negli altri paesi.
Lenin espresse questo pensiero in due parole, dicendo che il compito della rivoluzione vittoriosa consiste nel realizzare «il massimo del realizzabile in un solo paese per sviluppare, appoggiare, svegliare, la rivoluzione in tutti i paesi» (La rivoluzione proletaria e il rinnegato Kautsky).”

Da queste righe risulta un’altro aspetto della teoria di Stalin: la continuazione della rivoluzione mondiale è necessaria non solo dal punto di vista del principio dell’internazionalismo proletario, ma anche per garantire la vittoria definitiva del socialismo nella sola URSS.

Stalin divide quindi la questione in due aspetti: l’edificazione il socialismo in un solo paese, possibile mediante gli sforzi del proletariato del paese stesso e la garanzia del paese socialista contro l’intervento straniero, realizzabile solamente con gli sforzi concordi del proletariato internazionale e con la vittoria della rivoluzione almeno in alcuni paesi.

Stalin esprime chiaramente la sua concezione in Questioni del leninismo:

« Su questo nuovo modo di formulare il problema è basata anche la nota risoluzione della XIV Conferenza del partito >>Sui compiti dell’Internazionale comunista e del Partito comunista (bolscevico) russo>>, risoluzione che esamina il problema della vittoria del socialismo in un solo paese in rapporto con la stabilizzazione del capitalismo (aprile 1925), e giudica possibile e necessaria di condurre a termine l’edificazione del socialismo colle forze del nostro paese.
Essa ha anche servito di base al mio opuscolo <>, pubblicato immediatamente dopo la Conferenza stessa, nel maggio 1925.
Circa il modo di porre la questione della vittoria del socialismo in un solo paese, in questo opuscolo si dice:

<>…<> (<>).

Circa la questione della vittoria del socialismo nel nostro paese, l’opuscolo dice:

<>…perchè <> (Ibidem).

Circa la questione della vittoria definitiva del socialismo, nell’opuscolo si dice:

<> (Ibidem).

E’ chiaro, a quanto pare. »

Da qui risulta che, una volta ottenuta la vittoria della rivoluzione proletaria in altri paesi per consolidare il socialismo nel primo paese socialista, i nuovi paesi socialisti avranno a loro volta bisogno di ottenere la vittoria definitiva del socialismo attraverso la rivoluzione proletaria in altri paesi; la stessa cosa vale per questi ultimi e così via.

In questo modo è possibile procedere fino alla rivoluzione mondiale: ecco la sintesi del socialismo in un solo paese e dell’internazionalismo proletario. Stalin precisa il suo punto di vista in La rivoluzione d’Ottobre e la tattica dei comunisti russi:

«La vittoria del socialismo in un solo paese non è fine a se stessa. La rivoluzione vittoriosa in un paese deve considerarsi non come entità a se stante, ma come un contributo, come mezzo per affrettare la vittoria del proletariato in tutti i paesi. Poiché la vittoria della rivoluzione in un solo paese, in Russia nel nostro caso, non è soltanto il risultato dello sviluppo ineguale e della disgregazione progressiva dell’imperialismo. Essa è in pari tempo l’inizio e la premessa della rivoluzione mondiale … Se è giusta la tesi che la vittoria definitiva del socialismo nel primo paese che si sia liberato è impossibile senza gli sforzi concordi del proletariato di più paesi, non è men vero che la rivoluzione mondiale si svilupperà tanto più rapidamente e profondamente quanto più sarà efficace l’aiuto del primo paese socialista alle masse operaie e lavoratrici di tutti gli altri paesi.»

Questa è la realtà della teoria leninista-staliniana del socialismo in un solo paese. Questo è ciò che i trotskisti chiamano eclettismo.

3. La falsificazione trotskista

I trotskisti, non essendo in condizione di criticare seriamente la teoria, hanno fatto di tutto per mistificarla e dipingerla come un tradimento dell’internazionalismo. Di seguito, unicamente a fine informativo, sono riprodotti alcuni esempi delle suddette mistificazioni:

« Dopo la morte di Lenin, avvenuta nel 1924, un’ondata reazionaria si impadronì del governo sovietico. Stalin diffuse la sua teoria del “socialismo in un paese solo”, in contrapposizione a tutti i principi basilari del marxismo. Questa teoria venne opposta duramente alla teoria rivoluzionaria bolscevica della “rivoluzione permanente”, secondo la quale sarebbe impossibile costruire il socialismo in uno stato isolato dal resto del mondo. » (Voce su Stalin dell’Enciclopedia “Marxista”)

« […] “Socialismo in un paese solo”, teoria con la quale si è avuta una rottura netta col marxismo. » (Voce su Bucharin dell’Enciclopedia “Marxista”)

« Il seguente articolo [Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa di Lenin, ndr.] è stato fortemente utilizzato dallo stalinismo, il quale vi ha trovato un appiglio per difendere la teoria (nella sua essenza anti-internazionalista e quindi antimarxista) del “socialismo in un paese solo”. » (Introduzione del Marxist Internet Archive a Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti d’Europa di Lenin)

« I cardini di quella polemica erano rappresentati dalla critica alla “teoria del socialismo in un paese solo” e la “teoria delle due tappe”. La prima consisteva nell’affermazione secondo la quale il socialismo poteva consolidarsi in Urss a prescindere dallo sviluppo di rivoluzioni in altri paesi; […] » (Introduzione di FalceMartello a La rivoluzione permanente di L. Trotsky)

« Durante il dibattito della XV conferenza di partito Stalin afferma: ” …le tesi che hanno determinato tutta la linea della nostra rivoluzione e la sua opera di ricostruzione, le tesi che riguardano la possibilità della vittoria del socialismo in un paese solo” sì queste citazioni a detta di Stalin ad un singolo passaggio di Lenin. Ma Kamenev sostenne che quella citazione non si riferiva alla Russia. Stalin ripose inorridito ” Questo è incredibile è inaudito e si presenta come una diretta calunnia del compagno Lenin…una falsificazione di Lenin!” Prese la parola Trotskij e citò le parole di Lenin nella loro interezza:” La vittoria completa della rivoluzione socialista in un paese solo è impensabile, essa richiede la cooperazione attiva di almeno vari paesi progrediti fra i quali non si può porre LA RUSSIA!”

Insomma un uomo più furbo che abile… » (La democrazia nel partito bolscevico di Eugenio Gemmo)

« La teoria del socialismo in un paese solo, germinata dal letame della reazione contro l’ottobre, è la sola teoria che si opponga in un modo del tutto conseguente alla teoria della Rivoluzione Permanente […] La rinuncia a porre il problema in termini internazionali conduce inevitabilmente al messianismo nazionale, cioè al riconoscimento di prerogative e caratteristiche particolari di un determinato paese che potrebbe quindi assumere una funzione cui altri non saprebbero elevarsi. » (Che cos’è la rivoluzione permanente di L. Trotsky)

Questa è solo una piccola parte dei tanti esempi disponibili. Che cosa hanno in comune queste mistificazioni con la teoria del socialismo in un solo paese di Lenin e Stalin? Assolutamente nulla, eppure, putroppo, i trotskisti continuano a diffondere simili caricature.

Ovviamente i borghesi di tutti i paesi non possono lasciarsi sfuggire una così “buona” occasione per denigrare Stalin e il socialismo. Ecco alcuni esempi di come i borghesi impugnano saldamente le armi “teoriche” che il trotskismo mette a loro disposizione:

« Contro la tesi della “rivoluzione permanente”, scese in campo, dopo la morte di Lenin, Stalin, rompendo con la tradizione dei bolscevichi per cui il socialismo si sarebbe realizzato attraverso lo sforzo comune del proletariato mondiale: […] » (Voce di wikipedia sulla Rivoluzione permanente)

« Con la morte di Lenin (24 gennaio 1924) Stalin iniziò uno duro scontro con Trockji, il primo voleva imporre le sua idea di socialismo in un solo paese, il secondo avrebbe voluto continuare con le idee di Lenin. » (Biografia di Stalin su “La II Guerra Mondiale”)

« La rivoluzione secondo Trotsky avrebbe dovuto diffondersi rapidamente nei principali Paesi capitalistici e in tutto il mondo. Questa posizione, in contrasto rispetto al “marxismo classico” difeso per esempio dai menscevichi, era condivisa da Trotsky, Lenin e dai bolscevichi fino al 1924, quando Stalin, dopo la morte di Lenin, cercando di consolidare il suo controllo sempre più burocratico sul partito bolscevico ha iniziato a presentare lo slogan del Socialismo in un solo paese. » (Voce di wikipedia sul Trotskismo)

Non è necessario criticare queste falsificazioni, perchè esse vengono smentite dalle stesse formulazioni di Stalin, già citate nel paragrafo precedente.

4. Un caso particolare di falsificazione

Fin dall’inizio dei disaccordi sul socialismo in un solo paese iniziò a circolare la voce secondo cui, nella prima edizione di Principi del leninismo, quando ancora le correnti interne al partito non erano ancora ben definite, Stalin avrebbe negato la possibilità di edificare la società socialista in un solo paese, ovvero la tesi cardine della sua successiva elaborazione.

Non è una semplice diceria; lo scrive anche Trotsky in Il socialismo in un paese solo, appendice alla sua Storia della rivoluzione russa:

« Nei due anni seguenti, però, gli Epigoni furono costretti a nascondere negli archivi i programmi dell’epoca leniniana. I loro nuovi documenti, composti da frammenti tra loro rattoppati, vennero da loro definiti come programma dell’Internazionale Comunista. Laddove con Lenin nel programma “russo” si parla di rivoluzione internazionale, con gli Epigoni nel programma internazionale si parla di socialismo “russo”.

Quando e come la rottura col primo si è rivelata per la prima volta? La storica data è facile da indicare, poiché coincide con il punto di svolta nella biografia di Stalin. Nell’aprile 1924, tre mesi dopo la morte di Lenin, Stalin stava modestamente esponendo i classici punti di vista del partito. “Abbattere il potere della borghesia e stabilire il potere del proletariato in un paese”, scrisse nei suoi Problemi del leninismo [si tratta di una traduzione diversa dello stesso titolo. ndr.], “non equivale a garantire la completa vittoria del socialismo”. Il compito principale del socialismo – l’organizzazione della produzione socialista – è ancora lontano. Può questo compito essere realizzato? È possibile ottenere la vittoria del socialismo in un solo paese, senza lo sforzo combinato dei proletari di svariati paesi avanzati? No, non lo è. “Gli sforzi di un paese sono sufficienti solo ad abbattere la borghesia – questo è ciò che la storia c’insegna. Per la vittoria finale del socialismo, per l’organizzazione della produzione socialista, gli sforzi di un solo paese, specialmente un paese contadino come la Russia, non sono sufficienti – per questa sono necessari gli sforzi dei proletari di svariati paesi avanzati”. Stalin conclude la sua esposizione di questi pensieri con le parole: “Questi, in generale sono i fattori caratteristici della teoria leninista della rivoluzione proletaria”.

Nell’autunno dello stesso anno, sotto l’influenza della lotta contro il “trotskysmo”, fu improvvisamente scoperto che proprio la Russia è il paese che, a differenza degli altri, potrà costruire la società socialista facendo esclusivamente affidamento sulle proprie forze, sempre che non venga ostacolata dall’intervento straniero armato. In una nuova edizione dello stesso lavoro, Stalin scrisse: “Avendo consolidato il proprio potere, e ponendosi a capo dei contadini, il proletariato del paese vittorioso può e deve costruire la società socialista”. Può e deve! “La vittoria della rivoluzione […] almeno in svariati paesi […] è necessaria” solo per “garantire pienamente il paese contro l’intervento straniero”. La proclamazione di questa nuova concezione, che assegna al proletariato mondiale il ruolo di polizia di confine, finisce con quelle stesse parole: “Questi, in generale sono i fattori caratteristici della teoria leninista della rivoluzione proletaria”. Nel corso di un anno Stalin ha imputato a Lenin due punti di vista diametralmente opposti riguardo un problema fondamentale del socialismo.

Ad una sessione plenaria del Comitato Centrale del 1927, Trotsky disse, riguardo queste due opinioni contraddittorie di Stalin: “Si potrebbe dire che Stalin ha fatto un errore e che dopo si è corretto. Ma come potrebbe egli sbagliarsi su una questione di tale portata? Se fosse stato vero il fatto che Lenin ha esposto la teoria del socialismo in un solo paese già nel 1915 (cosa completamente falsa), se fosse stato vero che successivamente Lenin non fece altro che rafforzare e sviluppare tale punto di vista (cosa completamente falsa) – allora, potremmo chiederci, come ha fatto Stalin ad immaginarsi, durante la vita di Lenin, durante l’ultimo periodo della sua vita, quell’opinione così scorretta su questioni di tale importanza che trova espressione nella prima versione del suo libro del 1924? Pare che su tale fondamentale questione Stalin sia sempre stato un “trotskysta”, e che solo dopo il 1924 ha cessato d’esserlo. Sarebbe buona cosa se Stalin potesse mostrarci almeno una citazione dai suoi scritti anteriori al 1924 nella quale egli dice qualcosa a proposito della costruzione del socialismo in un paese solo. Egli non troverà mai tale citazione!” Tale sfida rimase senza risposta. »

Dopo la “scoperta” di Trotsky, questa tesi si è diffusa, ecco alcuni esempi:

« Stalin era abituato a fare queste giravolte, tanto più che quando cambiava idea faceva ritirare i libri in cui aveva sostenuto il contrario di quel che diceva in quel momento (e comunque nessuno si azzardava a ricordarglielo). Così nell’aprile del 1924 nelle Questioni del leninismo [errore nel testo; si tratta di Principi del leninismo. ndr.] pubblicate a puntate sulla Pravda aveva sostenuto l’impossibilità di costruire il socialismo in un paese solo, ma già nella nuova edizione dell’autunno dello stesso anno aveva sostituito quel passo con una frase che proclamava che il proletariato “può e deve” costruire il socialismo in un paese solo. » (Perchè ci serve Rosa Luxemburg)

« Ha tutt’al più importanza per la storia delle dottrine politiche, e non per la storia dei processi politici reali, rilevare che Stalin proprio nell’opuscolo del 1924 su I principi del leninismo, primo nucleo della successiva opera intitolata Questioni del leninismo, <>. In verità Stalin corresse precipitosamente le sue affermazioni, e le andò precisando in seguito con sempre maggiore chiarezza, accogliendo in toto i risultati della vigorosa critica di Bucharin (Sulla teoria della rivoluzione permanente), non appena si rese conto delle conseguenze pratiche della dottrina di Trockij. » (Eclissi del principe e crisi della storia: Apogeo e tramonto della democrazia rivoluzionaria nel XX secolo di Franco Angeli)

« Il libro nasce come polemica contro la concezione, elaborata da Stalin a partire dal 1924, del “socialismo in un solo paese”. Come si dimostra ampiamente nel testo, tale concezione non solo venne “scoperta” da un giorno all’altro da Stalin, che nell’autunno del 1924 per la prima volta la prese a cardine della sua politica in Urss, ma costituiva una rottura radicale con tutta la precedente tradizione del marxismo e in particolare con l’elaborazione di Lenin prima e dopo il 1917, elaborazione che era stata alla base della rivoluzione d’Ottobre e della fondazione dell’Internazionale comunista. » (Prefazione a La rivoluzione permanente di Claudio Bellotti)

Non è necessario soffermarsi sulle deformazioni presenti nella frase di Trotsky, quali l’omissione di alcune parti “sconvenienti” delle frasi di Stalin e le palesi bugie su Lenin.

E’ invece interessante prendere in considerazione un fatto, più o meno consapevolmente tralasciato nelle citazioni precedenti, che chiarisce la questione: Stalin stesso aveva spiegato la corretta interpretazione della sua frase e il motivo per cui essa è stata cambiata; infatti in Questioni del leninismo scrive:

« Nell’opuscolo <> (aprile 1924, 1a edizione) vi sono due formulazioni della questione della vittoria del socialismo in un solo paese. La prima formulazione suona:

<> (<>).
Questa tesi è assolutamente giusta e non ha bisogno di commenti. Essa è diretta contro la teoria dei socialdemocratici, i quali ritengono che la presa del potere da parte del proletariato di un solo paese, senza contemporanea rivoluzione vittoriosa in altri paesi, sia un’utopia.
Nell’opuscolo <> vi è però anche una seconda formulazione. Eccola:

<> (<>, prima edizione).

Questa seconda formulazione era diretta contro l’affermazione dei critici del leninismo, contro i trotskisti, i quali dichiaravano che la dittatura del proletariato in un solo paese, senza la vittoria in altri paesi, non può <>.
In questo senso,- ma solo in questo senso,- questa formulazione era allora (aprile 1924) sufficiente ed essa fu anche, senza dubbio, di una certa utilità.
Ma in seguito, allorquando la critica del leninismo su questo punto fu separata nel partito e si pose all’ordine del giorno una nuova questione, la questione della possibilità dell’edificazione della società socialista integrale colle forze del nostro paese, senza aiuto esterno, questa seconda formulazione apparve manifestamente insufficiente e, per conseguenza, errata.
In che cosa consiste l’insufficienza di questa formulazione?
La sua insufficienza consiste nel fatto che essa riunisce in una sola questione due questioni differenti, quella della possibilità di condurre a termine l’edificazione del socialismo con le forze di un solo paese, cui si deve dare una risposta affermativa, e quello di sapere se un paese, in cui esiste la dittatura del proletariato, si può considerare pienamente garantito dall’intervento e, per conseguenza, dalla restaurazione del vecchio regime, senza la vittoria della rivoluzione in una serie di altri paesi, questione, questa, a cui si deve dare una risposta negativa. E non sto a dire che la suddetta formulazione può far pensare che l’organizzazione della società socialista con le forze di un solo paese è impossibile, il che, naturalmente, è errato.
Per questa ragione ho modificato, ho rettificato quella formula nel mio opuscolo <> (dicembre 1924) scomponendo la questione in due: – questione della garanzia completa contro la restaurazione del regime borghese e questione della possibilità dell’edificazione della società socialista integrale in un solo paese. A ciò sono arrivato, in primo luogo, affermando che la <>, considerata come <>, è possibile solamente grazie <> e, in secondo luogo, proclamando, sulla base dell’opuscolo di Lenin <>, l’incontestabile verità che noi disponiamo di tutto quanto è necessario per edificare una società socialista integrale (<>). »

La nuova formulazione di cui parla Stalin sostituì quella vecchia nell’opuscolo Principi del leninismo e chiarì definitivamente la questione.

Il discorso di Stalin può sembrare mistificatorio, ma è solo un’apparenza; analizziamo ancora la frase:

<<ma abbattere il potere della borghesia e instaurare il potere del proletariato in un solo paese non vuole ancora dire assicurare la vittoria completa del socialismo. Lo scopo principale del socialismo, l’organizzazione della produzione socialista, rimane ancora da raggiungere. E’ possibile assolvere questo compito? E’ possibile ottenere la vittoria definitiva del socialismo in un solo paese, senza gli sforzi concordi dei proletari di alcuni paesi progrediti? No, non è possibile. Per rovesciare la borghesia è sufficiente lo sforzo di un solo paese: questo è quanto ci dimostra la storia della nostra rivoluzione. Per la vittoria definitiva del socialismo, per l’organizzazione della produzione socialista, gli sforzi di un solo paese, soprattutto di un paese contadino come la Russia, non sono più sufficienti; per questo sono necessari gli sforzi dei proletari di alcuni paesi avanzati>> (il grassetto e i colori sono miei. K.V.)

E’ chiaro che i due differenti aspetti della questione vengono sovrapposti ed è altrettanto chiaro che, così stando le cose, bisognava dare un risposta negativa.

5. Spiegazioni complementari di Stalin e confutazione di una “critica” “di sinistra”

Finora ci siamo occupati delle falsità e delle deformazioni operate da trotskisti e borghesi. Ora esamineremo una “critica” proveniente dalla “Sinistra comunista”; nelle Note a La discussione sul «socialismo in un paese solo» si legge:

“Del resto, in un punto ulteriore del suo discorso, Stalin stesso aveva ammesso a denti stretti, in modo ambiguo:
«Se la costruzione del socialismo nell’Unione Sovietica riguarda la vittoria sulla nostra borghesia «nazionale», la vittoria definitiva [corsivo ns; nda] del socialismo riguarda, a sua volta, la vittoria sulla borghesia mondiale».
Ma è verosimile che questo distinguo fosse puramente tattico.”

Se è vero che l’affermazione di Stalin sulla vittoria definitiva del socialismo era solo “un distinguo puramente tattico”, verrebbe da chiedersi perchè, nel 1938, quando ormai l’opposizione era sconfitta, Stalin abbia ancora impostato allo stesso modo il problema nella sua celebre Lettera a Ivanov, nella quale scrive:

« Può il socialismo vincere in un paese, che è circondato da potenti paesi capitalistici, considerarsi completamente garantito dal pericolo di un’invasione armata (intervento) e, di conseguenza dal tentativo di restaurazione del capitalismo del nostro paese? Possono la nostra classe operaia e i nostri contadini con le loro forze, senza un serio aiuto della classe operaia dei paesi capitalistici, vincere la borghesia degli altri paesi, così come hanno vinto la propria borghesia? In altre parole: si può considerare la vittoria del socialismo nel nostro paese definitiva, cioè liberata del pericolo di un’aggressione militare e di tentativi di restaurazione del capitalismo, mentre la vittoria del socialismo esiste solo in un paese, mentre continua ad esistere l’accerchiamento capitalistico.
Tali sono i problemi che si ricollegano al secondo aspetto della questione della `vittoria del socialismo nel nostro paese. Il leninismo risponde a questi problemi negativamente. Il leninismo insegna che e la vittoria definitiva del socialismo nel senso di una piena garanzia contro la restaurazione dei rapporti borghesi è possibile solo su scala internazionale (vedi la nota risoluzione della 14.a conferenza del Partito Comunista dell’U.R.S.S.). Ciò significa che il serio aiuto del proletariato internazionale è quella forza senza la quale non può essere risolto il problema della vittoria definitiva del socialismo in un solo paese. Ciò non significa, naturalmente, che noialtri dobbiamo starcene con le braccia incrociate ad aspettare un aiuto dal di fuori. Al contrario, l’aiuto del proletariato internazionale deve essere congiunto col nostro lavoro per il rafforzamento dell’Esercito Rosso e della Flotta Rossa per la mobilitazione di tutto il paese per la lotta contro l’aggressione militare ai tentativi di restaurazione dei rapporti borghesi. » (il grassetto è mio. K.V.)

Più oltre Stalin precisa:

« […] questa questione contiene due problemi differenti.
a) il problema dei rapporti interni del nostro paese, cioè il problema della vittoria sulla nostra borghesia e dell’edificazione del socialismo integrale;
b) il problema dei rapporti esterni del nostro paese, cioè il problema della piena garanzia del nostro paese contro i pericoli di un intervento militare e di restaurazione.
Il primo problema è già stato da noi risolto, poiché la nostra borghesia è già liquidata e il socialismo è già edificato nell’essenziale. Questo, da noi, si chiama vittoria del socialismo o, più esattamente, vittoria dell’edificazione socialista in un solo paese. […]
Il secondo problema lo si può risolvere soltanto mediante l’unione dei seri sforzi del proletariato internazionale con gli sforzi ancora più seri di tutto il nostro popolo sovietico. Bisogna rafforzare e consolidare i legami proletari internazionali della classe operaia dell’U.R.S.S. con la classe operaia dei paesi borghesi, bisogna organizzare l’aiuto politico della classe operaia dei paesi borghesi alla classe operaia del nostro paese per il caso di un’aggressione militare, contro il nostro paese, così come bisogna organizzare ogni sorta di aiuto della classe operaia del nostro paese alla classe operaia dei paesi borghesi; bisogna rafforzare e consolidare con tutti i mezzi il nostro Esercito Rosso, la nostra Flotta Rossa, la nostra Aviazione Rossa, la nostra Società d’incoraggiamento alla difesa aero-chimica. Bisogna tenere tutto il nostro popolo in uno stato di mobilitazione perché sia pronto a fare fronte al pericolo di un’aggressione militare, perché “nessun caso” e nessuna manovra dei nostri nemici esterni ci possa cogliere alla sprovvista… » (il grassetto è mio. K.V.)

Battuta in breccia la “critica” della “Sinistra comunista”, resta da chiarire un’ultima questione inerente alla Lettera a Ivanov: Stalin mette in rilievo soprattutto la difesa dell’URSS e si occupa poco dell’internazionalismo; ciò potrebbe far pensare, nelle menti dei “sinistri”, ad un presunto “ulteriore allontanamento dalla rivoluzione internazionale”.

Questi cervellotismi non hanno ragion d’essere, per almeno due ragioni:

a) L’oggetto della riflessione di Stalin è specificamente la definizione della vittoria definitiva o meno del socialismo nell’URSS; infatti Ivanov chiede:

« Vi prego, compagno Stalin, di spiegarmi se abbiamo la vittoria definitiva del socialismo o se non l’abbiamo ancora. »

b) Nella prima citazione, Stalin rimanda alla risoluzione della 14.a conferenza del Partito Comunista dell’U.R.S.S., di cui si parla diffusamente nelle Questioni del leninismo (cfr. il paragrafo 2 di questo opuscolo).

Per concludere questa esposizione e fugare ogni dubbio, sono adatte, più di ogni mia spiegazione, le parole di Stalin in Il marxismo e la linguistica:

« Il marxismo è la scienza delle leggi di sviluppo della natura e della società, la scienza della rivoluzione delle masse oppresse e sfruttate, la scienza della vittoria del socialismo in tutti i Paesi, la scienza dell’edificazione della società comunista. »

6. Conseguenze del socialismo in un solo paese sullo Stato

Un aspetto particolare della teoria del socialismo in un solo paese è la sua influenza sulla teoria marxista dello Stato. Secondo le tesi dei classici, infatti, lo Stato dovrebbe iniziare ad estinguersi subito dopo la socializzazione dei mezzi di produzione. Ma come fare con l’accerchiamento capitalistico? Stalin dà la sua risposta nel Rapporto al XVIII Congresso del PC(b):

“Prendiamo, per esempio, la classica formula della teoria dello sviluppo dello Stato socialista, data da Engels :
«Quando non vi saranno più classi sociali che debbano essere tenute sottomesse, quando non vi sarà più il dominio di una casse su di un’altra, né la lotta per l’esistenza, che ha la sua origine nell’anarchia attuale della produzione, quando saranno eliminati i conflitti e le violenze che ne derivano, allora non vi sarà più nessuno da reprimere e da frenare, allora sparirà la necessità del potere statale che adempie oggi a questa funzione. Il primo atto col quale lo Stato agirà veramente come rappresentante di tutta la società, — la trasformazione dei mezzi di produzione in proprietà sociale, — sarà il suo ultimo, atto indipendente come Stato. L’intervento del potere statale nei rapporti sociali a poco a poco diventerà superfluo e cesserà di per se stesso. Invece del governo sulle persone, si avrà l’amministrazione sulle cose e la direzione dei processi di produzione. Lo Stato non si a abolisce ; lo Stato si estingue». (F. Engels, Anti-Duhring, pag. 202 ed. russa 1933).
E giusta questa tesi di Engels ?
Sì, è giusta, ma ad una di queste due condizioni : a) se si studia lo Stato socialista dal punto di vista del solo sviluppo interno del paese, astraendo anticipatamente dal fattore internazionale, considerando il paese e lo Stato, per comodità d’indagine, al di fuori della situazione internazionale ; oppure b) se si suppone, che il socialismo abbia già vinto in tutti i paesi o nella maggioranza dei paesi, che invece dell’accerchiamento capitalistico esista l’accerchiamento socialista, non vi sia più la minaccia di un’aggressione dall’esterno, non vi sia più bisogno di rafforzare l’esercito e lo Stato.
Ma se il socialismo ha vinto soltanto in un paese preso a parte e non è quindi affatto possibile fare astrazione dalla situazione internazionale, come fare in questo caso ? A questa domanda la formula di Engels non dà risposta. Engels, del resto, non si pone questa domanda ; per conseguenza, non può neanche darle una risposta. Engels parte dal presupposto che il socialismo abbia già vinto, più o meno contemporaneamente, in tutti i paesi o nella maggioranza dei paesi. Per conseguenza, Engels esamina qui non questo o quel concreto Stato socialista di questo o quel singolo paese, ma lo sviluppo dello Stato socialista in generale, ammettendo il fatto della vittoria del socialismo nella maggioranza dei paesi, secondo la formula: «Ammettiamo che il socialismo abbia vinto. nella maggioranza dei paesi; si domanda: quali cambiamenti deve subire in questo caso lo Stato proletario, socialista?…». Soltanto questo carattere generale e astratto del problema può spiegare perché, esaminando la questione dello Stato socialista, Engels astragga completamente da un fattore come le condizioni internazionali, la situazione internazionale.
Ma da ciò deriva che non si può estendere la formula generale di Engels sulla sorte dello Stato socialista in generale, al caso particolare e concreto della vittoria del socialismo in un solo paese, preso a parte, che è circondato da paesi capitalistici, che è esposto alla minaccia di un’aggressione armata dall’esterno ; paese che non può, per conseguenza, fare astrazione dalla situazione internazionale e deve avere a sua disposizione anche un esercito bene istruito, degli organi punitivi bene organizzati e un forte servizio di sorveglianza; paese che, per conseguenza, deve avere un proprio Stato sufficientemente forte per poter difendere le conquiste del socialismo dall’aggressione esterna. Non si può esigere dai classici del marxismo, che sono separati dal nostro tempo da un periodo di 45-55 anni, che essi prevedessero per un avvenire lontano tutti i casi possibili di zig-zag della storia in ogni paese, singolarmente preso. Sarebbe ridicolo esigere che i classici del marxismo avessero elaborato per noi delle soluzioni pronte per tutte le questioni teoriche immaginabili che sarebbero potute sorgere in ogni paese singolarmente preso, in 50-100 anni; affinché noi, posteri dei classici dei marxismo, avessimo la possibilità di rimanere tranquillamente coricati e rimasticare soluzioni bell’e pronte. Ma noi possiamo e dobbiamo esigere dai marxisti-leninisti del nostro tempo che essi non si limitino ad apprendere le singole tesi generali del marxismo, che essi penetrino la sostanza del marxismo, che essi apprendano a tener conto dell’esperienza di un ventennio di esistenza dello Stato socialista nel nostro paese, che essi apprendano, infine, appoggiandosi a questa esperienza e partendo dalla sostanza del marxismo, a concretizzare singole tesi generali del marxismo, a precisarle e a perfezionarle.”

Quindi lo Stato, nelle condizioni del socialismo in un solo paese è necessario per difendere la società socialista dall’accerchiamento capitalistico; perciò deve essere rafforzato fino al termine di questo accerchiamento.

Stalin precisa la sua concezione in Il marxismo e la linguistica:

« Engels nel suo Antidühring ha detto che, dopo la vittoria della rivoluzione socialista, lo Stato deve scomparire. Su questa base, dopo la vittoria socialista nel nostro Paese, i dogmatici e i talmudisti del nostro partito cominciarono a chiedere che il partito prendesse delle misure per la più sollecita scomparsa del nostro Stato, per la dissoluzione degli organi dello Stato, per rinunziare all’esercito regolare.

Tuttavia, i marxisti sovietici, sulla base dello studio della situazione mondiale nei nostri tempi, sono giunti alla conclusione che, fino a che dura l’accerchiamento capitalistico, quando la vittoria della rivoluzione socialista ha avuto luogo in un solo Paese, mentre in tutti gli altri Paesi domina il capitalismo, il Paese della rivoluzione vittoriosa non deve indebolire, ma invece rafforzare in ogni modo il suo Stato, gli organi dello Stato, gli organi della vigilanza, l’esercito, a meno che questo paese non voglia essere travolto dall’accerchiamento capitalistico. I marxisti russi sono giunti alla conclusione che la formula di Engels considerava la vittoria del socialismo in tutti i Paesi, o nella maggior parte di essi, che essa è inapplicabile nel caso in cui il socialismo si affermi in un solo Paese, preso singolarmente, mentre in tutti gli altri Paesi domina il capitalismo.
Come si vece, abbiamo qui due diverse formule circa la questione della sorge di uno Stato socialista, che si escludono l’una con l’altra.
I dogmatici e i talmudisti possono dire che questa circostanza crea una situazione intollerabile, che una di queste formule deve essere respinta come assolutamente erronea, mentre l’altra, in quanto assolutamente giusta, deve essere applicata a tutti i periodi di sviluppo dello Stato socialista. I marxisti, tuttavia, non possono non sapere che i dogmatici e i talmudisti si sbagliano, perché entrambe queste formule sono giuste, ma non in senso assoluto, bensì ciascuna per la sua epoca; la formula dei marxisti sovietici, per il periodo della vittoria del socialismo in uno o più Paesi, e la formula di Engels, per il periodo in cui la successiva vittoria del socialismo in singoli Paesi condurrà alla vittoria del socialismo nella maggioranza dei Paesi, e quando verranno così a crearsi le condizioni necessarie per l’applicazione della formula di Engels. »

Sono così battute in breccia le possibile “obiezioni” di stampo dogmatico. Non sono necessarie ulteriori precisazioni, se non un breve accenno ad altre possibili “obiezioni” dogmatiche alla teoria del socialismo in un solo paese; Stalin scrive nella sua Lettera al compagno Iermakovski:

“La risposta negativa di Engels alla domanda : « Questa rivoluzione potrà verificarsi soltanto in un singolo paese? », rispecchia interamente l’epoca del capitalismo premonopolistico, l’epoca preimperialista, in cui non esistevano ancora le condizioni per lo sviluppo ineguale, a salti, dei paesi capitalistici, e in cui, quindi, non esistevano le premesse concrete della vittoria della rivoluzione proletaria in un solo paese (la possibilità della vittoria di questa rivoluzione in un solo paese scaturisce, com’è noto, dalla legge dello sviluppo ineguale dei paesi capitalistici nel periodo imperialistico). La legge dello sviluppo ineguale dei paesi capitalistici e la relativa tesi della possibilità della vittoria della rivoluzione proletaria in un solo paese furono enunciate e potevano essere enunciate da Lenin solo nel periodo dell’imperialismo. Così si spiega, fra l’altro, che il leninismo è il marxismo dell’epoca dell’imperialismo, che esso rappresenta l’ulteriore sviluppo dei marxismo, il quale si è formato nell’epoca preimperialistica. Engels, con tutto il suo genio, non poteva vedere quello che ancora non esisteva nel periodo del capitalismo premonopolistico, negli anni successivi al 1840, quando scriveva i suoi Princìpi del comunismo, e che sorse solo in seguito, nel periodo del capitalismo monopolistico. D’altra parte, Lenin, marxista geniale, non poteva non vedere quello che già era sorto dopo la morte di Engels, nel periodo dell’imperialismo. La differenza fra Lenin ed Engels è la differenza che esiste fra i due periodi storici che li separano.
Non si può neppure dire che « la teoria di Trotski si identifica con la dottrina di Engels ». Engels aveva ragione di dare una risposta negativa alla diciannovesima domanda (vedi i suoi Princìpi del comunismo) nel periodo del capitalismo premonopolistico, nel decennio 1840-1850, in cui non si poteva neppure parlare della legge dello sviluppo ineguale dei paesi capitalisti. Trotski, al contrario, non ha nessun motivo di ripetere nel XX secolo la vecchia risposta di Engels, presa da un’epoca già superata, e applicarla meccanicamente alla nuova epoca imperialistica, in cui la legge dello sviluppo ineguale è diventata un fatto generalmente noto. Engels basa la sua risposta sull’analisi del capitalismo premonopolistico a lui contemporaneo. Trotski invece non analizza, ma fa astrazione dall’epoca contemporanea, dimentica che egli non vive nel decennio 1840-1850, ma nel XX secolo, nell’epoca dell’imperialismo, e ingegnosamente appiccica il naso di un Ivan Ivanovic del decennio 1840-1850 sopra il mento di un Ivan Nikiforovic [Protagonisti del racconto di Gogol, Come litigarono Ivan Ivanovic e Ivan Nikiforovic. ndr.] dei primi del XX secolo, pensando evidentemene di poterla fare così in barba alla storia. Non penso che questi due metodi diametralmente opposti permettano di parlare dell’« identità della teoria di Trotski con la dottrina di Engels ».”

Così sono confutati anche i possibili “argomenti” che fanno astrazione dalle mutate condizioni del capitalismo.

7. Fallimento?

Non possiamo ignorare le affermazioni, tenutesi in certi luoghi, secondo cui il socialismo in un solo paese sarebbe una teoria fallimentare. Ecco un esempio di tali tesi:

« Lo stalinismo ebbe la pretesa, rivelatasi fallimentare, di instaurare il “socialismo in un solo paese” senza il sostegno, giudicato invece indispensabile da Lenin, del proletariato internazionale. » (Lenin e Stalin)

« La teoria del socialismo in un paese solo- non solo è stata sconfitta dalla storia- è la sola che si opponga in modo del tutto conseguente alla teoria della rivoluzione permanente, dunque al socialismo internazionale e al marxismo rivoluzionario. » (L’attualità della rivoluzione permanente di Eugenio Gemmo)

Tralasciando le deformazioni teoriche di stampo trotskista, che sono già state confutate (cfr. il paragrafo 3 di questo opuscolo), qui viene smascherato l’astrattismo dei trotskisti.

Stalin, essendo marxista e dovendo tenere conto dei fatti concreti, nella Lettera a Ivanov scrive:

« Lenin insegna che “noi abbiamo tutto ciò che è necessario per l’edificazione di una compiuta società socialista”. Noi possiamo e dobbiamo dunque, con le nostre proprie forze, vincere la nostra borghesia e costruire la società socialista. Trotzki, Zinoviev, Kamenev e simili messeri, divenuti in seguito spie e agenti del fascismo, negavano la possibilità di edificare il socialismo nel nostro paese senza che prima la rivoluzione socialista avesse vinto negli altri paesi, nei paesi capitalistici. Questi messeri, in sostanza, volevano riportare il nostro paese indietro sulla via dello sviluppo borghese, coprendo la loro apostasia con falsi argomenti sulla “vittoria della rivoluzione” negli altri paesi. E’ proprio su questo punto che si è svolta la discussione nel nostro partito con questi signori. L’ulteriore andamento dello sviluppo del nostro paese ha mostrato che il Partito aveva ragione, e che Trotzki e compagnia
avevano torto.
Infatti, nel frattempo siamo riusciti a liquidare la nostra borghesia, a stabilire una fraterna collaborazione con i contadini ed a costruire, nell’essenziale, la società socialista, sebbene la rivoluzione socialista non abbia vinto negli altri paesi. »

Per ogni marxista-leninista che si rispetti, il socialismo in un solo paese è una realtà, un fenomeno concretamente possibile.

Con lo stesso punto di vista possiamo rispondere ad un’altra questione scottante: è possibile oggi, quando si parla addiritura di “scomparsa dell’autorità dei singoli Stati”, edificare il socialismo in un solo paese?

Meglio di qualunque spiegazione teorica, è la pratica stessa a rispondere: oggi il socialismo in un singoli paesi esiste, in Corea del Nord e a Cuba ad esempio; la legge dell’ineguale sviluppo continua ad essere in vigore; l’imperialismo esiste ancora, così come esistono pochi paesi “civili” che opprimono e sfruttano la maggioranza del cosidetto “Sud del mondo”.

Come ci insegna Lenin in Stato e rivoluzione:

« La verità è sempre concreta. »

Concludendo questa esposizione, vale la pena di citare le parole di Stalin, tratte dall’articolo Sul progetto di Costituzione dell’U.R.S.S., per rispondere a chi vuole, come i poltici tedeschi di cui parla Stalin, negare l’evidenza:

« Questi sono i fatti. E i fatti, come si dice, sono testardi. I signori dell’organo ufficioso tedesco possono dire: tanto peggio per i fatti. Ma allora si può loro rispondere con le parole del noto proverbio russo: “Per gli imbecilli, non v’è legge che valga”. »

Fonte: http://zoriipopullit.blogfree.net/?t=3670681