Nel 1950, Stalin espose le sue idee su ciò che sarebbe servito all’Unione Sovietica per passare dal socialismo al comunismo. Il tenore di vita doveva essere raddoppiato e le ore di lavoro dovevano essere radicalmente ridotte:

Sarebbe errato pensare che un progresso così sostanziale nel livello culturale dei membri della società possa essere realizzato senza cambiamenti sostanziali nello stato attuale del lavoro. Per questo è necessario, prima di tutto, accorciare la giornata lavorativa almeno a sei, e successivamente a cinque ore. Ciò è necessario affinché i membri della società possano avere il tempo libero necessario per ricevere un’istruzione completa. È necessario, inoltre, introdurre l’istruzione politecnica obbligatoria universale, necessaria affinché i membri della società possano scegliere liberamente le loro occupazioni e non essere legati a un’occupazione per tutta la vita. È altresì necessario che le condizioni abitative siano radicalmente migliorate, e che i salari reali degli operai e degli impiegati siano almeno raddoppiati, se non di più, sia mediante aumenti diretti di salari e stipendi, sia, soprattutto, mediante ulteriori riduzioni sistematiche dei prezzi dei beni di consumo.

Tutti i comunisti ricordano il 25 febbraio 1956, il tradimento Krusciov. Ciò di cui probabilmente molti non ricordano è che il ripudio di Stalin da parte di Krusciov non si estendeva alle idee di Stalin sull’orario di lavoro.
A partire dal 1956, l’URSS ha avviato una riduzione programmata dell’orario di lavoro che, se completata come previsto entro il 1968, avrebbe ridotto la settimana lavorativa da 48 ore a 30 ore e raddoppiato il salario minimo da 250 rubli a oltre 600 rubli.

La riduzione dell’orario di lavoro era vista come essenziale per la transizione al comunismo prevista per il dal 1980.

Nel 1961, la CIA era seriamente preoccupata che l’Unione Sovietica fosse sulla buona strada per ridurre le ore di lavoro senza intaccare la sua posizione militare difensiva contro gli Stati Uniti. La Central Intelligence Agency ha riesaminato il programma nel 1961. Lo scopo era scoprire le motivazioni che spingevano i sovietici alla riduzione dell’orario di lavoro nel mezzo della guerra fredda. E per valutare se un programma così ardito potesse essere realizzato senza compromettere lo sforzo di difesa sovietico. L’interesse della CIA nelle motivazioni dei sovietici nel perseguire una riduzione pianificata delle ore di lavoro si basava sul presupposto che poiché i lavoratori fornivano meno ore di lavoro al piano centrale sovietico, sarebbe diventato più difficile per i sovietici mantenere il proprio sforzo bellico. Perché i sovietici avrebbero deliberatamente intrapreso un programma che, in caso di successo, garantiva virtualmente un programma di difesa meno robusto?

Gli analisti della CIA hanno riconosciuto che la riduzione dell’orario di lavoro era una posizione a lungo termine del movimento comunista. Era chiaro che i sovietici avevano perseguito a lungo questo tipo di riduzione sin dai primi tentativi di stabilire una giornata lavorativa di otto ore. Ed era chiaro che la leadership dei sovietici descriveva il comunismo in termini di una giornata lavorativa di non più di 3-4 ore entro il 1980.

Per darvi un’idea di quanto fossero audaci le idee sovietiche sulla durata della giornata lavorativa, una giornata lavorativa di tre ore è all’incirca ciò che Keynes prevedeva che il Regno Unito avrebbe potuto raggiungere entro il 2030. L’Unione Sovietica voleva raggiungere l’obiettivo cinquant’anni prima rispetto ad una potenza industriale capitalista avanzata. Pertanto, l’istituzione di una settimana lavorativa di trenta ore avrebbe avuto un grande valore propagandistico per il sistema sovietico contro l’Occidente.

Nonostante l’evidente valore storico, politico e ideologico di una drastica riduzione dell’orario di lavoro come previsto, gli analisti della CIA ritenevano che la riduzione avrebbe avuto impatti sullo sviluppo degli armamenti sovietici. Perché i sovietici erano disposti a pagare questo costo? C’erano fattori che influenzavano lo sviluppo della difesa sovietica di cui Washington era all’oscuro?

Una riduzione pianificata dell’orario di lavoro da parte dei sovietici suggeriva che l’Unione Sovietica potesse effettivamente compensare le spese degli Stati Uniti anche se riduceva l’orario di lavoro; l’Unione Sovietica disponeva di vaste risorse a cui attingere in modo tale da poter eguagliare la spesa militare degli Stati Uniti e continuare a tagliare le ore di lavoro nella sua marcia verso il pieno comunismo.

Ciò che la CIA scoprì fu che una riduzione delle ore di lavoro piuttosto che essere un impedimento alla produzione in realtà stimolava la produzione. Riducendo le ore di lavoro, affermano gli analisti, l’Unione Sovietica è stata in grado di risolvere una serie di problemi che prima non riusciva a risolvere:

I dirigenti sovietici sono stati costretti a apportare modifiche vantaggiose ma precedentemente trascurate nei metodi operativi, aumentando così notevolmente l’efficienza nel settore non agricolo con un ammontare minimo di nuovi investimenti. Infine, la settimana lavorativa più corta, unita alla retribuzione oraria più elevata, ha contribuito ad alleviare la morsa della stretta del mercato del lavoro urbano fornendo un particolare incentivo per le casalinghe e i giovani a cercare lavoro

L’Unione Sovietica aveva un’enorme riserva nascosta di forza lavoro che assumeva la forma di massicce inefficienze nell’impiego di manodopera nella produzione e un’enorme riserva industriale composta principalmente da lavoratrici. Tagliando l’orario dei lavoratori già occupati, i sovietici costrinsero i dirigenti a impiegare la manodopera in modo più efficiente. Questo ha favorito l’ingresso delle donne nel mondo del lavoro e a loro emancipazione. Costringendo i manager a introdurre nuove tecnologie e nuovi metodi di produzione, i sovietici avevano sfruttato un ulteriore potenziale produttivo a un costo aggiuntivo minimo o nullo per il piano statale, e quindi a un costo basso o nullo per la sua costruzione difensiva.

Secondo la CIA, queste riserve di manodopera occulta contribuì alla sincronizzazione dei flussi di produzione, migliorare l’allocazione dei lavoratori primari e secondari ed a eliminare il tempo di inattività. Riducendo le ore di lavoro, i sovietici stavano “prosciugando la palude” e di fatto eliminando totalmente la disoccupazione. Sorprendentemente, oltre alla riduzione delle ore di lavoro, lo stato ha anche ridotto le sue forze armate di oltre un milione di soldati. L’Unione Sovietica poteva vantarsi di essere in grado di eguagliare la produzione militare americana anche se riduceva le ore di lavoro per i lavoratori.

Contrariamente a molti marxisti odierni che sostengono che l’Unione Sovietica non potesse ridurre l’orario di lavoro a causa delle sue esigenze di difesa, la CIA all’epoca temeva che l’Unione Sovietica avesse dimostrato che entrambe le cose potevano essere fatte contemporaneamente.

Si può sentire la confusione degli analisti della CIA che cercano di dare un senso alla riduzione dell’orario di lavoro.
Questa è la comprensibile confusione di un gruppo di analisti che confondono la produzione di valori d’uso con la produzione di valore. La grandezza della produzione di valore è in funzione delle ore di lavoro, mentre la produzione di valori d’uso non ha alcuna relazione necessaria con il lavoro. È quindi possibile (almeno in teoria) che la produzione di output fisico aumenti anche se il tempo di lavoro impiegato per questa produzione sta rapidamente diminuendo.

In un’economia monetaria, in cui la produzione fisica è misurata in termini monetari, gli analisti della CIA non erano attrezzati per analizzare un’economia pianificata. Pertanto, agli analisti sembrava che l’Unione Sovietica stesse “rinunciando” alla produzione potenziale per “pagare” il tempo libero. Tornano su questo problema ancora e ancora; chiedendosi se la riduzione dell’orario di lavoro sia un “bene a costo zero o a basso costo”.

Per fare un esempio, se dopo una riduzione delle ore di lavoro il settore calzaturiero potesse ancora produrre abbastanza scarpe per rifornire l’intero Paese, il tipico capitalista si chiederebbe, perché la produzione dovrebbe fermarsi lì? Perché il lavoro non dovrebbe continuare fino a quando non sarà possibile produrre il doppio delle scarpe di cui il paese ha bisogno

In un’economia monetaria, queste scarpe aggiuntive assumerebbero la forma di profitto per il settore calzaturiero. Ma questo profitto esisteva solo in forma ideale, come una massa di scarpe che ora dovevano essere vendute per denaro. Fondamentalmente, per realizzare le scarpe aggiuntive come profitto, l’Unione Sovietica ha dovuto esportare scarpe in altre regioni del mercato mondiale.

Tuttavia, nelle condizioni di un’economia chiusa e pianificata, avendo raggiunto l’autosufficienza nelle scarpe, l’Unione Sovietica non aveva altra scelta in base al piano se non quella di terminare la produzione nel punto in cui il bisogno di scarpe era soddisfatto e liberare risorse aumentando i tempi di svago. È quindi possibile (almeno in teoria) che la produzione di output fisico aumenti anche se il tempo di lavoro impiegato per questa produzione sta rapidamente diminuendo.

Agli analisti della CIA, tuttavia, questa cessazione della produzione nel punto in cui il bisogno di scarpe era soddisfatto appare come una mancata produzione. Il tempo liberato sotto forma di “svago” appare come un costo, in termini di produzione rinunciata. Hanno passato molto tempo a cercare di capire la logica economica alla base del programma sovietico:

“[Il] regime potrebbe essere stato consapevole dei costi del programma, ma era disposto a rinunciare al potenziale aumento della produzione per muoversi verso l’obiettivo di un maggiore tempo libero. In alternativa, il regime potrebbe aver erroneamente valutato il programma”.

A loro avviso, l’Unione Sovietica stava scegliendo di pagare questo “costo” per scopi propagandistici o ideologici o stava usando l’orario ridotto come arma amministrativa per costringere i dirigenti a utilizzare il lavoro in modo più efficiente; mobilitando le riserve di manodopera sommersa nelle imprese. Il tempo libero fine a se stesso, come nel comunismo, non esisteva per gli analisti della CIA, che potevano solo concepire il tempo libero come output perduto.

Secondo gli analisti della CIA, la riduzione sovietica delle ore di lavoro aveva terminato la seconda fase e si stava rapidamente avvicinando alla terza fase. La prima ha portato al miglioramento dell’efficienza nell’impiego del pool esistente di forza lavoro. La seconda fase è stata caratterizzata dalla maggiore partecipazione delle donne e dei giovani alla produzione.

Nella prima fase, quindi, la riduzione dell’orario costringeva le imprese ad attingere alle riserve nascoste che esistevano sotto forma di forza lavoro accumulata. Ciò significava che la produzione aggiuntiva poteva essere raggiunta senza alcuna spesa aggiuntiva di salari. Era essenzialmente gratuito perché i salari erano già stati pagati, ma i lavoratori erano inattivi. Nella seconda fase, invece, e in particolare nell’industria leggera, il mantenimento o l’aumento della produzione è stato ottenuto mediante l’aumento dell’occupazione.

Pertanto, la riduzione delle ore di lavoro nelle fasi uno e due ha avuto l’effetto sia di aumentare l’efficienza che di aumentare l’occupazione. Questi due effetti sono stati teorizzati da molti fautori dell’odierna riduzione dell’orario di lavoro e appaiono confermati dall’esperienza sovietica.

Ma c’è un terzo effetto della riduzione dell’orario di lavoro che non è menzionato nell’analisi: orari più brevi consentono ai lavoratori di mantenere una maggiore intensità di lavoro poiché questa maggiore intensità deve essere mantenuta per un periodo di tempo più breve. Sebbene l’analisi non affronti direttamente questo problema, gli analisti notano che l’opposizione a obiettivi di produzione più elevati (accelerazione) è notevolmente diminuita dopo che le ore di lavoro sono state ridotte.

La forza lavoro veniva lavorata più intensamente, ma la durata di questo lavoro era notevolmente ridotta.

Presi insieme, gli effetti di efficienza, intensità ed occupazione sono stati previsti dalla teoria di Marx e discussi nel Capitale, v. 1 cap. 15. L’esperienza sovietica ha quindi dimostrato la tesi di Marx secondo cui la densità della giornata lavorativa potrebbe essere aumentata lavorando meno ore. Si poteva produrre di più in meno tempo di quanto si produceva prima con ore di lavoro più lunghe.

Documento cia: AN EVALUATION OF THE PROGRAM FOR REDUCING THE WORKWEEK IN THE USSR

Soviet Experience with Shortening the Workweek

According to the Central Intelligence Agency, we almost reached communism by 1980