L’epurazione dell’Armata Rossa


L’11 giugno 1937, un tribunale militare sovietico condannò all’esecuzione un gruppo di alcuni degli ufficiali più anziani dell’Armata Rossa. Accusato di lavorare per la Germania nazista e di coordinare un cosiddetto “complotto militare-fascista”, il gruppo fu accusato di sabotaggio, spionaggio e pianificazione per rovesciare il governo.

Le condanne – eseguite poche ore dopo – hanno segnato il punto in cui l’epurazione militare di Stalin è esplosa e ha scatenato a dir poco uno scandalo internazionale.
Iosif Stalin stava decapitando i suoi militari proprio nel momento in cui l’Europa si preparava alla guerra totale. Il maresciallo Mikhail Tukhachevskii, il pensatore e stratega più creativo dell’Armata Rossa, fu la vittima più importante dell’epurazione militare nel 1937, ma la rete fu lanciata molto più ampia. Nei due anni successivi più di 30.000 capi dell’esercito furono dimessi dai ranghi; migliaia sono stati arrestati e le esecuzioni sono state diffuse.
La violenza iniziò a diminuire alla fine del 1938 e le reintegrazioni nei ranghi divennero più comuni nel 1939, ma l’epurazione militare rimase un attacco altamente destabilizzante e dannoso contro l’Armata Rossa.

Tuttavia, il motivo per cui Stalin si è scagliato contro il suo esercito nello stesso momento in cui l’Unione Sovietica si stava preparando per la guerra, poiché la spesa militare stava aumentando a un ritmo vertiginoso, è stato a lungo senza una spiegazione adeguata. L’argomento più comune indica il desiderio di Stalin per il potere totale. In breve, ufficiali ambiziosi e popolari come Tukhachevskii dovevano essere uccisi perché Stalin potesse stare tranquillo sulla sicurezza della sua dittatura. Ma questo non spiega perché l’epurazione militare si sia diffusa così rapidamente oltre Tukhachevskii e il gruppo di ufficiali sotto processo a giugno.

Perché decine di migliaia di capi dell’esercito furono successivamente trascinati in un’epurazione di massa? Se Stalin era principalmente preoccupato di preservare la sua posizione di dittatore, distruggere l’Armata Rossa in modo così drammatico (e in definitiva incontrollabile) era un modo molto rischioso per consolidare il potere, specialmente quando la guerra mondiale era all’orizzonte. Lanciare l’epurazione militare era un grosso rischio e metteva in pericolo la sicurezza dell’Unione Sovietica. Semmai, l’epurazione mise in pericolo la stessa posizione di Stalin.

Lanciare l’epurazione militare era un grosso rischio e metteva in pericolo la sicurezza dell’Unione Sovietica. Semmai, l’epurazione mise in pericolo la stessa posizione di Stalin.

Una seconda – e correlata – spiegazione per l’epurazione militare punta alla paranoia di Stalin: Stalin vedeva “nemici” ovunque e l’Armata Rossa non faceva eccezione. In questo modo, l’epurazione militare non fu una rimozione mirata di potenziali sfidanti al potere di Stalin, ma piuttosto una manifestazione della visione del mondo del dittatore e della sua tendenza a scagliarsi contro “nemici” immaginari. Tuttavia, è impossibile sapere se Stalin soffrisse veramente di paranoia, e anche così, questa è una spiegazione troppo generale per la violenza politica stalinista. Lascia senza risposta il motivo per cui il Stalin ha dispiegato la violenza quando lo ha fatto; perché questa violenza ha assunto forme diverse (arresti mirati o punizioni collettive); non dice nulla sulle migliaia di altri autori, collaboratori e altri partecipanti riluttanti che lavorano per governo.

E anche se accettiamo che Stalin fosse paranoico – o per lo meno altamente sospettoso – dobbiamo capire da dove provenissero specificamente i suoi sospetti sull’Armata Rossa. Come e perché Stalin arrivò a credere che i pericolosi “nemici” fossero al centro dell’establishment dell’Armata Rossa nel 1937? La chiave per comprendere l’epurazione militare è guardare indietro alla più lunga storia delle relazioni civili-militari dalla formazione stessa dello stato sovietico. È importante sottolineare che, fin dai primi giorni della rivoluzione russa del 1917, l’Armata Rossa è stata continuamente oggetto di profonde ansie di sicurezza e si credeva fosse sotto una minaccia quasi costante di sovversione.

Le minacce percepite più gravi per l’Armata Rossa identificate dai bolscevichi prima dell’epurazione militare includono:

– Ex ufficiali imperiali dell’esercito zarista sciolto.
Tali ufficiali si arruolarono nell’Armata Rossa durante la Guerra Civile Russa e negli anni ’20 e portarono con sé una preziosa esperienza. Tuttavia, erano visti come il nemico interno.

– Gli ex ufficiali bianchi che avevano combattuto contro i bolscevichi durante la guerra civile si arruolarono allo stesso modo nell’Armata Rossa e furono guardati con ancora più sospetto.

– Gli “agenti stranieri” furono una costante ansia di sicurezza per i bolscevichi negli anni ’20 e ’30. Che fossero britannici, polacchi, giapponesi o tedeschi, i bolscevichi vedevano il loro esercito come un obiettivo primario per i governi stranieri ostili.

– La piattaforma di opposizione di Leon Trotsky fu rapidamente identificata come una pericolosa minaccia interna alla stabilità dell’Armata Rossa a metà degli anni ’20 e oltre.

– I soldati contadini formavano il grosso dell’Armata Rossa, ma la loro affidabilità era sempre in dubbio. Durante la campagna di collettivizzazione tra la fine degli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30, la lealtà dei soldati contadini vacillò seriamente mentre il regime espropriava le famiglie contadine dei loro averi e costringeva i contadini a formare unità collettive.

La “Rivoluzione dall’alto” di Stalin ha messo in risalto la fragilità dell’Armata Rossa. Voci di tradimento e cospirazione circondarono costantemente l’alto comando sovietico, dentro e fuori l’Unione Sovietica per tutto il periodo tra le due guerre. Tukhachevskii, in particolare, veniva regolarmente rappresentato come un potenziale “Bonaparte sovietico” e sfidante di Stalin. Queste voci non si sono mai dissipate. In tutto, nel periodo di vent’anni prima dell’epurazione militare del 1937, non c’è mai stato un momento in cui i bolscevichi credessero che il loro esercito fosse affidabile o sicuro. Quando scoppiò il Grande Terrore nel 1936, la crescente ondata di violenza politica e le intense pressioni esercitate sullo stato e sulla società portarono al culmine le ansie di sicurezza di vecchia data che circondavano l’Armata Rossa. Il “complotto militare-fascista” sembrava del tutto credibile nel 1937.

L’epurazione militare fu il risultato di ansie di sicurezza di vecchia data per l’Armata Rossa che risalgono al 1917; quando questi si intrecciarono con l’esplosione della violenza politica durante il Grande Terrore, l’alto comando sovietico fu lasciato fatalmente esposto.

Le cifre sulle purghe nell’Armata Rossa

Recenti studi accademici-archivistici smontano in maniera strettamente documentaria l’accusa anti-comunista secondo cui durante le Grandi Purghe nell’Armata Rossa restarono vivi solo cinque Ufficiali. Questi studi archivistici dimostrano:

– Il numero di persone a capo dell’Armata Rossa (gli Ufficiali e i Commissari Politici), sono stati 144.300 nell’anno 1937, raggiungendo la cifra di 282.300 nell’anno 1939.– Che durante le Grandi Purghe del biennio 1937-1938, 34.300 (numero totale) di Ufficiali e Commissari Politici erano stati espulsi per motivi politici e nel mese di Maggio del 1940, 11.596 sono stati riabilitati e restituiti ai loro posti.– Che durante le Grandi Purghe del 1937-1938, 22.705 Ufficiali e Commissari Politici sono stati arrestati (13.000 Ufficiali, 4.700 Ufficiali della Armata Rossa e 5000 Commissari Politici): ossia il 7,7 % di tutti gli Ufficiali e Commissari Politici, non il 50 % come sostenuto nell’attuale storiografia dominante e di questi 7,7 % , alcuni sono stati condannati come traditori, ma la stragrande maggioranza (il 65 %), come mostrato negli studi sull’argomento, sono tornati alla vita civile svolgendo anche un ruolo di primo piano nella epica battaglia di Stalingrado.

– La purga investì l’esercito, ma non nella misura indicata nell’attuale storiografia dominante: dei 144.300 Ufficiali e Commissari dell’Armata Rossa, 34.300 furono espulsi per ragioni politiche: di questi 11.586 il 20 Maggio 1940 furono reintegrati nel posto e nel grado.

– I repressi della purga nell’esercito furono pertanto 22.705, cioè il 7,7 % del totale.

– Durante le Grandi Purghe nell’Armata Rossa il numero di quadri epurati decresce in maniera verticale man mano che si discendono i gradi gerarchici (ridotti a 50), ossia man mano che si procede dal grado di Generale (ridotti a 30) a quello di Capitano (elevati a 200), per annullarsi al livello dei Tenenti (elevati a 350).

– La Grande Purga nell’Armata Rossa consente di far venire avanti tutta la nuova leva di 3000 Ufficiali, formatisi a partire dal 5 Maggio 1922 e provenienti dalle fila operaie e contadine.

– L’origine e l’appartenenza di classe erano requisiti indispensabili per accedere all’Accademia Militare e ricoprire i gradi nell’Armata Rossa nell’epoca socialista di Stalin.

Un’altra bugia su Stalin è che lui avrebbe fatto arrestare e fucilare oltre 40.000 militari esperti, il cui il risultato fu che l’Armata Rossa rimase senza il Comando di Combattimento, e perciò gli hitleriani recarono così grande danno all’Armata Rossa
Quando si è cominciato a studiare per verificare questo fatto, risultò che questi militari furono messi in congedo. E’ vero che prima dell’inizio della guerra quasi 40.000 dei Comandanti sono stati congedati per svariati motivi. Ma congedare non significa fucilare.

Fonti:

Stephen Lee, European Dictatorships 1918-1945, pagina 56

Peter Whitewood, The Red Army and the Great Terror

Ripensare la purga dell’Armata Rossa di Stalin, 1937-1938

Le cifre sulle purghe nell’Armata Rossa: ridimensionate pesantemente

1 Comments on “L’epurazione dell’Armata Rossa”

  1. Pingback: Stalin voleva inviare 1 milione di soldati contro i nazisti, ma Inghilterra e Francia si opposero | STACHANOV BLOG

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: