Il telefono cellulare è stato inventato nell’URSS negli anni ’50



Di solito, la storia della creazione di un telefono cellulare viene raccontata in questo modo.

Robert Gelvin, il figlio del fondatore di Motorola e direttore esecutivo dell’ azienda, stanziò 15 milioni di dollari e diede 10 anni ai subordinati per creare un dispositivo che l’utente potesse portare con sé.

Il 3 aprile 1973, il capo delle comunicazioni mobili di Motorola, Martin Cooper, passeggiando per il centro di Manhattan, decise di chiamare il suo cellulare. Il telefono cellulare si chiamava Dyna-TAC e sembrava un mattone, pesava più di un chilogrammo, e funzionava in modalità conversazione solo per mezz’ora.

Si ritiene che fino a questo momento non esistessero altri telefoni cellulari che una persona potesse portare con sé, come un orologio o un taccuino. C’erano walkie-talkie, c’erano telefoni “cellulari” che potevano essere usati in macchina o in treno, ma non c’era niente del genere per camminare per strada.

Inoltre, fino all’inizio degli anni ’60, molte aziende si rifiutavano generalmente di condurre ricerche sulla creazione di comunicazioni cellulari, perché giunsero alla conclusione che, in linea di principio, era impossibile creare un telefono cellulare compatto. E nessuno degli specialisti di queste società ha prestato attenzione al fatto che dall’altra parte della “cortina di ferro” nelle riviste scientifiche popolari, nelle fotografie era mostrata una persona che parlava al cellulare.

Inganno?
Scherzo?
Propaganda?
Un tentativo di disinformare i produttori di elettronica occidentali?
Forse stiamo solo parlando di un normale walkie-talkie?
Tuttavia, ulteriori ricerche hanno portato a una conclusione completamente inaspettata: Martin Cooper non è stata la prima persona nella storia a chiamare su un telefono cellulare.

Il primo telefono cellulare al mondo è apparso in URSS. Il suo inventore e sviluppatore fu l’ingegnere radiofonico sovietico, Leonid Ivanovich Kupriyanovich, che il 4 novembre 1957 ricevette il brevetto n. 115494 per “Dispositivo per chiamare e cambiare i canali di comunicazione radiotelefonica”. In questo documento ufficiale del Comitato per le invenzioni e le scoperte sotto il Consiglio dei ministri dell’URSS, l’autore ha effettivamente delineato i fondamenti fondamentali della telefonia mobile, compressione e decompressione dei segnali, il cui sviluppo è stato successivamente attribuito a se stessi e pubblicizzato da stranieri esperti. Il brevetto forniva anche un diagramma schematico del primo telefono cellulare sovietico.

Certificato di copyright 115494 del 1.11.1957

Leonid Kupriyanovich. Nato il 14 luglio 1929, nel 1953 si è laureato in Radioelettronica, Facoltà di Strumentazione, alla Bauman Moscow State Technical University

Kupriyanovich era un talentuoso progettista impegnato nello sviluppo stazioni radio di piccole dimensioni.
Nel 1956, realizzò un walkie-talkie portatile delle dimensioni di una scatola di fiammiferi pesante solo 50 grammi. La radio funzionò senza cambiare l’alimentazione per 50 ore ed è riuscita ad inviare il segnale di comunicazione per 2 km. I famosi “walkie-talkie” americani apparvero più tardi, erano più grandi e “battuti” a 100-400 metri.

Ma questo non andava bene a Kupriyanovich. Secondo la testimonianza della rivista giovanile “Smena”, Leonid Ivanovic era appassionato di alpinismo ed era anche un atleta. Durante la salita è vitale la comunicazione radio con la base, con i compagni; ma ogni grammo di attrezzatura toglie la forza di una persona che conquista la vetta al limite delle capacità fisiche. Il walkie-talkie nella borsa non funzionerà! Hai bisogno di un piccolo dispositivo che puoi portare in tasca e tenere con una mano.

Nel 1957, Kupriyanovich realizzò e mostrò pubblicamente un prototipo funzionante di un telefono cellulare automatico, chiamato LK-1. Il suo primo telefono cellulare pesava 3 kg e aveva un’autonomia di 20-30 km e la batteria era sufficiente per una giornata di lavoro. A quel tempo non esistevano microcircuiti, quindi la LK-1 era una lampada a semiconduttore. A proposito, anche il dispositivo di Martin Cooper nel 1973 pesava 3 kg e l’autonomia era 10 volte inferiore – solo 2 km.

L’ingegnere Leonid Kupriyanovich dimostra le capacità di un telefono cellulare. “Scienza e vita”, 10, 1958.

Un anno dopo, Kupriyanovich ha migliorato il suo LK e ridotto il suo peso di sei volte a 500 grammi!
Il nuovo apparato era anche molto più piccolo, come due pacchetti di sigarette. I telefoni cellulari stranieri raggiungeranno questo peso e queste dimensioni solo all’inizio degli anni ’80.

Il cellulare di Kupriyanovich, come quelli moderni, comunicava con il GTS attraverso una stazione base (ATR).
Non solo riceveva e trasmette segnali dai telefoni cellulari alla rete cablata, ma trasmetteva anche segnali dalla rete cablata ai telefoni cellulari. Quindi, dal dispositivo LK era possibile chiamare qualsiasi telefono fisso e poteva anche essere chiamata da un normale numero di città o da un macchinario stradale. 60 anni fa, i principi di un telefono cellulare venivano descritti in modo semplice: “La connessione ATR con qualsiasi abbonato è la stessa di un normale telefono, solo che controlliamo il suo lavoro a distanza”.

Il lettore può sospettare che l’LK-1 fosse un semplice ricevitore radio per il telefono. Ma si scopre che non è così. Usare il primo telefono cellulare non era così conveniente come lo è ora. “Involontariamente, sorge la domanda: diversi LK-1 funzionanti contemporaneamente non interferiranno tra loro?” – scrive lo stesso Science and Life. “No, poiché in questo caso vengono utilizzate diverse frequenze tonali per l’apparato, costringendo i propri relè a lavorare sull’ATR (le frequenze tonali saranno trasmesse sulla stessa lunghezza d’onda). Le frequenze di trasmissione e ricezione del suono per ogni apparato saranno diverso per evitare la loro reciproca influenza “.

Nel 1961, Kupriyanovich migliorò di nuovo la sua invenzione, che chiamò radiotelefono. Di conseguenza, il suo cellulare era così piccolo che stava nel palmo della sua mano e pesava solo 70 grammi! In termini di dimensioni era come un moderno telefono cellulare, ma senza schermo e non con pulsanti, ma con una manopola rotativa di piccole dimensioni. Per quei tempi, era una vera fantasia!


L’ultimo modello del cellulare (Yuri Rybchinsky, corrispondente APN, foto di V. Shcherbakov. (APN). “Orlovskaya Pravda”, dicembre 1961)

Kupriyanovich descriva cosi la sua invenzione sulla rivista “Young Technician”: “Ovunque tu sia, puoi essere sempre trovato al telefono, devi solo comporre il numero noto della tua radio da qualsiasi telefono della città (anche da un telefono pubblico) . Hai un numero di telefono in tasca. Chiama e inizi una conversazione. Se necessario, puoi comporre qualsiasi numero di telefono della città direttamente da tram, filobus, bus, chiamare un’ambulanza, vigili del fuoco o un veicolo di emergenza, contattare la casa. .. “

Purtroppo, dopo il 1965 nessun altro scrisse di questa invenzione e lo stesso Leonid Kupriyanovich iniziò a sviluppare attrezzature mediche, le riviste e l’attenzione della popolazione si spostò aridamente I satelliti volano nello spazio, e poi l’uomo. I fisici hanno stabilito che l’iperone a cascata decade in una particella lambda nulla e un mesone pi negativo. I tecnici del suono hanno ripristinato il suono originale della voce di Lenin. Puoi andare da Mosca a Khabarovsk grazie alla TU-104 in 11 ore e 35 minuti. I computer traducono da una lingua all’altra e giocano a scacchi. È iniziata la costruzione della centrale idroelettrica di Bratsk. Gli scolari della stazione di Chkalovskaya hanno creato un robot che vede e parla.

Sullo sfondo di questi eventi, la creazione di un telefono cellulare non è affatto una sensazione. I lettori stanno aspettando i videotelefoni! “I telefoni con schermi possono essere costruiti anche oggi, la nostra tecnologia è abbastanza potente” – scrivevano nella stessa “TM” … nel 1956. “Milioni di telespettatori stanno aspettando che l’industria dell’ingegneria radiofonica inizi a produrre televisori a colori. È giunto il momento di pensare alle trasmissioni televisive via cavo (TV via cavo – OI)” – si legge nello stesso numero. E qui, sai, il cellulare è in qualche modo obsoleto, anche senza una videocamera e un display a colori.

Il telefono cellulare è stato inventato nell’URSS negli anni ’50

Evoluzione del telefono: da Alexander Bell ad oggi

Mobile domestico anni ’50

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: