Il Tibet è Cina!!! E da quando lo è diventato, è un posto decisamente migliore

Il Tibet pre-rivoluzionario era un paese veramente libero? Un paese dove il  teocrate feudatario Dalai Lama, deteneva il 90% dei tibetani in servitù della gleba vera e propria, senza alcun diritto politico-sociale, oltre che nell’analfabetismo, trattando inoltre le donne come schiave che dovevano servire nella casa dei feudatari monaci, in completa balia dei loro abusi e capricci.

Nel pacifico Tibet feudale del Dalai Lama non c’erano radio, macchine, aeroporti o ferrovie e l’area era diventata la regione più arretrata del mondo, oltre che una delle più povere.

La figura del Dalai Lama era da molti secoli a capo della struttura socioeconomica e politica tibetana, cosicché il Dalai Lama attuale rimase pienamente corresponsabile dei suoi orrori, a partire dalla servitù della gleba, fino al 1959

Il Tibet pre-rivoluzionario era totalmente sottosviluppato senza sistema viario una teocrazia feudale basata sull’agricoltura, con il 90% della popolazione in servitù o schiavitù non vi erano scuole, eccetto i monasteri riservati a pochi l’educazione delle donne era sconosciuta. Non vi era alcuna forma di assistenza sanitaria e ospedali. Un centinaio di famiglie nobili e gli abati dei monasteri (di famiglie nobili anch’essi) possedevano tutto. Il Dalai Lama viveva nel palazzo di 1.000 stanze di Potala per il contadino la vita era breve e misera. Il Tibet aveva il più alto tasso di tubercolosi e mortalità infantile nel mondo.

Dopo la nascita del movimento di massa che isolò il Dalai Lama e il suo governo, come primo atto rivoluzionario il governo cinese pagò un salario adeguato a tutti coloro che lavorassero alla costruzione delle strade. Ciò distrusse totalmente l’usanza della servitù. Ancora più rivoluzionario fu pagare i ragazzi e gli ex-schiavi per frequentare le scuole. Oggi il Tibet ha 2.380 scuole primarie, moltissime scuole professionali e l’istruzione si svolge in lingua tibetana. Vi sono oltre 20.000 medici, 95 ospedali cittadini e 770 cliniche. Nel 1949 la rivoluzione cinese stabilì che il Tibet fosse una regione autonoma con molti più diritti di quanti ne avesse in precedenza La schiavitù fu dichiarata fuorilegge solo dal 1959. Con il forte sostegno del governo centrale, una serie di importanti siti religiosi sono stati riparati in Tibet. Dal 1980, le autorità centrali finanziarie hanno stanziato oltre 700 milioni di yuan per riparare e mantenere i templi del Tibet, pagode, palazzi, e altri siti religiosi tra cui il monastero Sera, monastero di Drepung, Monastero di Gandan, il Monastero di Tashilhunpo, il Monastero Sagya, il Monastero di Jokhang, il monastero di Samye, e Monastero Shalu a Lhasa, e molti templi di piccole e medie imprese.

Dal 1989 al 1994, lo Stato ha assegnato più di 55 milioni di yuan di fondi speciali e grandi quantità di oro e argento per il mantenimento del Palazzo Potala un evento senza precedenti nella storia della tutela dei beni nella nuova Cina. Dall’inizio di giugno 2002, il paese ha aggiunto ulteriori 330 milioni di yuan per riparare le tre reliquie culturali più importanti in Tibet: il Palazzo Potala, i monasteri Lingka, Norbu e il monastero Sagya. Questo è stato il più grande lavoro di manutenzione del patrimonio in Tibet dalla fondazione della Nuova Cina. Al momento ci sono in Tibet oltre 1700 posti per le attività buddhiste e un totale di 46000 tra monaci e monache residenti. Nel 2011 a ben 223 monaci e monache del monastero Tsurphu, oggi viene garantito un’indennità pari a 360 yuan (57,20 dollari) al mese per poter migliorare le loro condizioni di vita. Inoltre sono stati stanziati oltre 17 miliardi di yuan per migliorare le infrastrutture, le forniture dell’acqua, di alimentatori elettrici, per il traffico e le comunicazioni nelle zone rurali in Tibet per l’anno 2012.

La ferrovia, la prima in estensione del Qinghai-Tibet Railway, che a sua volta è stata inaugurata nel luglio 2006, risultò uno dei progetti di costruzione più importanti della regione, durante il periodo che va dal 2011 al 2015. Il capo della commissione, Jin Shixun ha riferito che i lavoratori edili hanno finito di costruire 14,8 milioni di metri cubi di massicciata, circa il 77 per cento del totale. Hanno inoltre costruito il 40 per cento delle gallerie lungo la strada. La costruzione, iniziata nel settembre 2010 con un badget di 13,3 miliardi di yuan ( 2,1 miliardi di dollari), attraverserà cinque province per un totale di 253 km di cui 90 nel gran canyon del Yarlung Zambo. Jin ha anche detto che il nuovo collegamento ferroviario giocherà un ruolo vitale nel promuovere il turismo e accelerare il trasporto delle risorse naturali.

Xigaze, con più di 600 anni di storia, è la seconda città più grande del Tibet e sede tradizionale del Panchem Lama, oltre ad essere il centro amministrativo della provincia tibetana, che con con i suoi 1.822.000 km quadrati confina con l’India, il Nepal e il Bhutan comprendendo il famoso monte Qomolangma (Monte Everest). E’ in corso la costruzione di un’altra rete ferroviaria che va da Lhasa a Nyingchi, con un progetto già partito nel 2011 che sarà realizzato entro il 2015.  Sono aumentati anche i turisti internazionali saliti a 270.000, più 18,6 per cento: i proventi del turismo della regione lo scorso anno hanno sfiorato i 9,7 miliardi di yuan (1,54miliardi di dollari Usa), in crescita del 35,8.

In Tibet, la Federazione delle donne tibetane, a nome della presidente della Tibetan Women Federation signora Tsamcho, riferisce che sono migliorati i diritti delle donne in tutti i settori della vita nella regione con l’aumento dello status politico e sociale. Allo stato attuale, un gran numero di donne, occupa posizioni di alto livello presso le istituzioni governative. Le donne, già “reggono l’altra metà del Cielo” nella vita sociale del processo decisionale e di gestione.

Ormai, le donne rappresentano oltre il 41,4 per cento di tutti i quadri in Tibet e circa il 34 per cento del personale delle istituzioni di governo “.

Dal 1959, le donne tibetane sono state testimoni dei progressi nella loro vita, specialmente nella loro lotta riguardo lo status sociale e del moderno sviluppo raggiunto dal Tibet stesso.

Sempre la signora Tsamcho, riferisce che all’interno del Congresso del Popolo in Tibet, oggi le donne costituiscono il 22 per cento dei deputati e il 20,6 per cento dei membri del comitato regionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese.

In passato, le donne tibetane sono state infatti oggetto ad abusi di potere politico, all’autoritarismo dei clan, dei funzionari religiosi e dei mariti.

Fonti:

Stephanie Bridgen, direttrice Free Tibet, associazione pro-Tibet
Sara Flounders
Xinhua
China.org.cn
Cina Tibet online
Michael Parenti, Feudalesimo bonario, il mito del Tibet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...