Black Panthers e Corea del Nord alleati contro l’imperialismo e per il socialismo

Bottiglie di vino rotte e aghi ipodermici sono molto efficaci. Una braciola di maiale o delle ossa di pollo possono essere utilizzate come armi “, il giornale Black Panther instruiva i suoi lettori nel 1970 con un tono a loro familiare,  ” Questo è Juche, basato su quello che hai, per sostenere la nostra resistenza “. 

L’articolo era la testimonianza di un’alleanza imprevista. Da una parte c’era il movimento socialista rivoluzionario con sede in California, dichiarato dal direttore dell’FBI J. Edgar Hoover “la più grande minaccia alla sicurezza interna del Paese”.

D’altra c’era la Corea del Nord, con il suo dogma ideologico del Juche‘ o autosufficienza; un paese che allora sembrava una sorta di  Svizzera marxista-leninista, ricorda l’ex Black Panther Kathleen Cleaver

La Corea del Nord non è sempre stata un caso di economia disperata, come dichiarato dall’amministrazione Obama. Al momento sembrava essere una storia di successo dell’est asiatico, superando il sud. L’alleanza dimostra l’interesse da parte della Corea Nord nel coltivare rapporti di alto profilo e la ricerca di un sostegno internazionalista da parte delle Panetere Nere.

La Corea del Nord, in uqel momento puntava aun forte a una forte campagna pubblicitaria globale,  mettendo annunci sul New York Times o il  Washington Post promuovendo il Juche e la riunificazione pacifica“.

Eldridge Cleaver,  una figura di spicco nel partito e sposato con Kathleen Cleaver“Oggi, la Corea del Nord è un paradiso terrestre, con un avanzato sistema socialista, tecnologia altamente sviluppata, una cultura nazionale brillante e un popolo sano sicuramente in movimento verso successi ancora più grandi“.

Nel frattempo, l’allora leader Kim Il-sung saluva le Pantere Nere chiedendolgi “di lottare per abolire il sistema di discriminazione razziale degli imperialisti americani.

Eldridge Cleaver: Le Pantere che hanno sostenuto questa visione non erano «utili idioti» o pedine della corea del nord, ma rivoluzionari calcolatrici che hanno sostenuto la Corea del Nord come mezzo per protestare contro il governo degli Stati Uniti e rafforzare la propria posizione sulla scena internazionale .

Anche se la percezione popolare delle Pantere Nere spesso si concentrava sui suoi programmi comunitari per la colazione per i bambini e la fede nell’ autodifesa armata contro la polizia, si sono sempre definite come parte integrante di una battaglia globale.

Per tre anni, dal 1968-1970, sono diventati il centro della lotta per la libertà del popolo nero ed era una lotta interna. Una cosa che ha molto distinto le Pantere Nere dai precedenti movimenti per i diritti civili è stato il suo internazionalismo,  ha detto Joshua Bloom, co-autore di Black Against Empire: La storia e la politica del Black Panther Party.

Il movimento ha visto le comunità nere negli Stati Uniti come una colonia nella madrepatria;  la lotta contro l’imperialismo degli Stati Uniti era centrale dal suo inizio. I suoi fondatori Huey Newton e Bobby Seale s’incontrarono la prima volta ad un raduno che si opponeva al blocco di Cuba.

“E ‘stata una politica di radicale solidarietà internazionale A causa della tremenda ostilità che la guerra del Vietnam stava generando, le organizzazioni giovanili in Germania, Francia e Svezia hanno creato comitati di solidarietà per il BPP.  Ci piacerebbe viaggiare avanti e indietro; hanno raccolto i soldi per noi. Ci sono stati movimenti di liberazione in Africa, che leggono il nostro giornale e ci hanno contattato , dice Kathleen Cleaver.

L’Algeria, che non aveva rapporti diplomatici con gli Stati Uniti, ha invitato i Panthers ad istituire un’ambasciata. Gestita direttamente dai Cleavers, divenne la sezione internazionale del movimento; e fu lì che entrarono in contatto con la Corea del Nord.

Eldridge ha visitato Pyongyang brevemente ed è stato infuso con entusiasmo”,  Kathleen, allora segretario di comunicazione delle Pantere, ricorda in un suo progetto della memoria inedito.

Kathleen Cleaver racconta:  sembrava una sorta di Svizzera: marxista-leninista in alto sulle colline, molto pulito, molto tranquillo. E ‘stato tutto così esotico non certo tropicale o glamour.

Suo marito ammirava il paese perchè  “Era molto militarista e le pantere sono state attratte dal concetto di Juche; adattando alle circostanze. Era una specie di ciò che i Black Panthers facevano in america“.

L’ allenza finì quando Cleaver lasciò i Black Panthers dopo una disputa con Newton.

L’unico lascito duraturo è il nome di sua figlia, che la moglie di Kim Il-sung ha scelto personalmente. Lei rimane Joju Younghi: una giovane eroina nata nella Corea del Juche Coreano.

How Black Panthers turned to North Korea in fight against US imperialism

IL MIO VIAGGIO IN COREA DEL NORD

corea-del-nord_dbnw9.T0.jpg

I media Occidentali sono pieni di informazioni false

Ho avuto l’opportunità unica di trascorrere alcuni giorni in tre diverse parti della Repubblica Popolare Democratica di Corea, più comunemente nota come Corea del Nord. È stata un’esperienza eccezionale che ha sfidato molti dei preconcetti che io ed i visitatori occidentali che mi hanno accompagnato da Pechino avevamo andando li. Qui sotto riporto alcuni fatti sulla Corea del Nord che possono sorprendere, nello stesso modo in cui molti hanno sorpreso me.

1. Gli Americani sono benvenuti e non odiati
I Coreani hanno un livello molto alto di coscienza di classe e non accomunano il popolo Americano al nostro governo. Non fanno mistero del loro disprezzo dell’imperialismo americano, ma se dici che sei americano, la conversazione di solito verte sulla cultura o sullo sport piuttosto che sulla politica.
Alla Casa degli Studi del Popolo di Pyongyang (immagina la tua biblioteca pompata a steroidi: 30 milioni di libri!) il CD piu richiesto e’ il Greatest Hits dei Beatles, ed i Linkin Park pure sono molto in voga tra i giovani locali. I ragazzi sono affascinati dalla NBA, e conoscono molto piu che il solo Dennis Rodman del nostro campionato.

2. La dogana e le guardie di frontiera sono un’esperienza semplice e veloce
La maggior parte degli occidentali che viaggiavano con me da Pechino temeva che la procedura di ingresso nel paese sarebbe stata lunga e complicata. Tutti quanti sono quindi rimasti abbastanza sorpresi nel vedere che i nostri passaporti venivano esaminati ed i visti apposti senza nessuna domanda, e che solo una manciata di passeggeri hanno avuto i loro bagagli controllati. Prima del viaggio, le compagnie di viaggio ti mettono in guardia di non portare con te nessun libro sulla guerra di Corea o altri oggetti aventi la bandiera americana stampata. Può sembrare un buon consiglio, ma alla frontiera nessuno sembrava troppo preoccupato degli oggetti che entravano nel paese.

3. Pyongyang e’ bellissima, pulita e colorata
Pyongyang e’ probabilmente la citta’ piu’ bella del mondo ed e’ tenuta veramente bene. Considerando che la citta’ fu bombardata a tappeto dalle forze americane durante la Guerra di Corea (da loro chiamata Guerra di Liberazione della Madrepatria) e che solo 2 edifici rimanevano in piedi nel 1953, e’ un risultato notevole. Le statue e gli edifici grandiosi ispirano stupore, cosi come i grandi spazi verdi pieni di persone che si rilassano. Ci sono molti edifici nuovi che spuntano un po dappertutto e che fungono da appartamenti ma, anche quelli vecchi, sono tutti mantenuti in buone condizioni. Si dice spesso che a Pyongyang la notte e’ buia e, nonostante cio’ sia vero se paragonato ad una citta’ occidentale, la citta’ ha luci bellissime che illuminano la maggior parte del centro.

4. Il taglio di capelli alla Kim Jong Un praticamente non esiste
Sono riuscito ad individuare un uomo che portava i capelli come Kim Jong Un mentre ero in viaggio dall’aeroporto al centro citta’, e chiaramente non gli stava bene! Il taglio di capelli, dicevano la BBC ed il TIME riportando una notizia apparsa su un giornale sudcoreano, era obbligatorio per tutti i nordcoreani maschi maggiorenni. Questa notizia non solo e’ falsa, ma lo e’ anche l’accusa che tutti gli uomini del paese abbiano solo una varieta’ minima di tagli da cui scegliere, pena altrimenti una “sanzione statale”.  In realta’ la situazione e’ uguale come da noi, con i parrucchieri  che mostrano diversi tipi di tagli da cui i clienti possono scegliere ed indicare il numero corrispondente anche se, come succede a New York, cio’ non vuol dire che uno sia limitato a quel particolare taglio

5. I Coreani del Nord ridono, sorridono e scherzano tanto.
Probabilmente ti starai domandando che lo facciano solo per impressionare. Sarebbe un risultato incredibile il considerare solo una farsa tutte le risate genuine che mi sono fatto con loro. E non solo, dovremmo anche considerare la loro abilita’ nel sorridere non appena vedono una macchina viaggiare a tutta velocita’ con a bordo degli stranieri! I Coreani scherzano praticamente su tutto, dai Canadesi all’Hockey su ghiaccio (‘perche i canadesi fanno sesso da dietro? Cosi posso guardare la partita di Hockey’), dagli americani alla zona smilitarizzata al confine con la Corea del Sud (un americano offre una sigaretta ad un soldato nordcoreano oltre la linea di confine. Il soldato la fuma ma l’americano gli chiede perche, se lui odia gli americani, sta comunque fumando qualcosa che proviene dal’America. Il soldato risponde: non la sto fumando, la sto bruciando).

6. Una ideologia uniforme non significa personalita’ uniformi.
Un buon promemoria sul fatto che individualismo e individualita’ non sono la stessa cosa. Infatti, osservando la gente interagire, ho avuto l’impressione che una diversita’ di personalita’ fosse comune cosi come nell’Occidente libero. Le persone hanno interessi diversi, dallo sport alla cultura, e sono libere di scegliere tra quelli che piacciono loro o no.

7. Le persone sono incredibilmente ben vestite in tutto il paese.
Anche in campagna i Coreani si vestono in modo molto elegante. Non c’e stato un solo posto dove sono stato in cui abbia visto persone vestite in maniera dismessa o indossare vecchi abiti. Uomini e donne non vestono assolutamente allo stesso modo, come invece spesso pensiamo noi. E’ molto comune vedere le donne vestite in abiti dai colori sgargianti, da completi rosa ai tradizionali vestiti coreani. Gli uomini indossano spesso la cravatta, camicie e giacche ma non e’ difficile trovare alcuni di loro vestiti in modo sportivo, a seconda dell’occasione.

8. I bambini iniziano ad imparare l’inglese a 7 anni
La padronanza della lingua inglese, specialmente tra le giovani generazioni, è notevole. Mentre negli anni passati la scuola superiore era il luogo in cui i giovani iniziano a studiare inglese, ora lo fanno gia alle elementari. Nonostante alcuni bambini siano molto timidi (non vedono molti stranieri dopotutto), sono stato in grado di stringere la mano a qualcuno e persino scambiare qualche parola in inglese. Le lingue piu studiate sono, oltre all’inglese, anche il Cinese ed il Tedesco.

9. Il turismo decollera’ nel prossimo futuro.
Uno degli aspetti dell’economia che sara’ una priorita’ del governo nel futuro sembra essere il turismo. L’intero aeroporto di Pyongyang e’ al momento al centro di una vasta espansione e in costruzione. I coreani sono contenti di aprirsi al mondo, ma sono sicuri di farlo in modo molto diverso dai Cinesi (dopo essere stato a Pechino, l’onnipotenza di alcuni tra i peggiori aspetti della cultura occidentale da’ loro ogni buona ragione per essere cauti al riguardo). Air Koryo, la compagnia Nord Coreana a cui Sky Trax ha assegnato solo una stella di giudizio, e’ in realta’ molto meglio in termini di servizio e comodita’ di almeno una dozzina di altre compagnie con cui io abbia mai volato. Possiede una flotta di aerei Russi nuova di zecca che volano tra la capitale e Pechino, fornisce intrattenimento durante tutto il volo (il cartone animato per bambini Clever Raccoon Dog e’ spassoso) e serve anche un ‘hamburger’ (non molto buono in verita’, ma commestibile) e un assortimento vario di bevande quali caffe’, te’, birra e succhi di frutta. L;’esperienza nel suo complesso la potrei valutare con almeno tre stelle se dovessi dare un giudizio onesto!

10. I Coreani parlano del loro paese apertamente
Le persone sono molto aperte in merito ai problemi del paese e non si ritraggono dal discuterne gli aspetti piu difficili. Per esempio, ti parlano della “Arduous March” (vedi il ‘Periodo Speciale” a Cuba) dove la carestia, la siccita’ e le alluvioni sommate alla perdita quasi totale dei paesi partner nel commercio, ha portato il paese indietro di molti anni. Un paese che ancora nel 1980 aveva un tenore di vita piu alto dell Corea del Sud. Ti raccontano anche della Guerra di Corea e sono favorevoli ad un miglioramento delle relazioni con la Corea del Sud, in vista di una futura riunificazione. Comunque, sono tutti molto convinti e decisi sul fatto che non rinunceranno mai ai loro principi socialisti per favorire l’unificazione.

11. La birra e’ considerata un analcolico e le birrerie artigianali sono ovunque
Quasi ogni distretto nel paese ha adesso una propria birreria artigianale che rifornisce tutta l’area. Ce ne sono alcune di diverso tipo che sono apprezzate in tutto il paese e la maggior parte dei pasti vengono accompagnati da un po di birra. Allo Stadio Kim II Sung, dove inizia e finisce la Maratona di Pyongyang, non e’ stato difficile vedere nordcoreani bere una birra mentre guardavano la partita di esibizione tra due squadre di calcio locali. Pensa allo stadio degli Yankee, ma senza l’aggressivita’ della folla.

12. La maggioranza delle notizie dei giornali sulla Corea sono totalmente false
C’erano almeno un centinaio di americani a Pyongyang quando ci sono stato, in larga parte corridori amatoriali attirati dalla possibilita di competere per la prima volta alla maratona. Una coppia mi ha confermato di essere alla seconda visita nel paese dopo l’anno precedente. Mi hanno sottolineato di come fossero spaventati la prima volta che erano venuti, subito dopo che era uscita la notizia su Kim Jong Un che aveva ucciso la sua ex ragazza ed altre ragazze a causa di un video porno che avrebbero girato. La coppia mi ha raccontato di come, entrando al Teatro dell’Opera di Pyongyang, si sia imbattuta nelle stesse ragazze presunte morte che erano sedute di fronte a loro. I morti che camminano, insomma! Altre notizie recenti arrivate sulla stampa occidentale via Sud Corea raccontano di esecuzioni di massa allo stadio e dello zio di Kim Jong Un dato in pasto ad una muta di cani affamati, notizie che per gli occidentali che frequentano abitualmente il paese e che conoscono la situazione sono totalmente senza senso. Non dico questo per negare l’esistenza dei campi di lavoro e di prigionia, ma una demonizzazione sistematica del paese che ne distorce l’immagine completamente non e’ un buon servizio reso al popolo Coreano.

13. I Coreani non esitano a farti partecipe dei loro divertimenti
Sono stati organizzati molti eventi nella capitale per celebrare il compleanno di Kim II Sung, festa nazionale dove le persone hanno due giorni di vacanza dal lavoro. Alcuni di questi sono pubblici, come ad esempio i “balli di massa” dove centinaia di persone ballano nelle piazze principali al ritmo di canzoni popolari coreane. Altri eventi vedono persone impegnate in pranzi con le famiglie al parco mentre i bambini comprano gelati dai venditori ambulanti e vecchie ubriache ballano in maniera ridicola dopo avere bevuto troppo “soju” fatto in casa. Ma, come in qualsiasi stato autoritario che si rispetti, tu devi partecipare! L’essere timidi non e’ contemplato visto che ti tireranno per un braccio e ti insegneranno ogni signolo passo di danza anche se loro stessi non li sanno correttamente.
In breve, ho trovato i coreani del Nord uno tra i i popoli piu calorosi e genuini che abbia mai incontrato. Sarebbe stupido definire il paese come ‘Il paradiso dei lavoratori” considerando la gravita’ dei problemi che corre. Ma come in tutte le societa’, ci sono aspetti positivi e negativi. In ogni caso, considerando che hanno attraversato secoli di dominazione imperiale, la perdita di un quarto della popolazione nela Guerra di Corea, e continuano a mantenere il loro sistema sociale nonostante uno stato di guerra continuo, in definitiva hanno fatto qualcosa di estremamente notevole. I risultati raggiunti nel campo dell’educazione universitaria, la non esistenza del problema dei senzatetto, e l’immagine di un popolo degno e orgoglioso dovrebbe essere mostrata al mondo al fine di avere una piena e cosciente fotografia del paese.
Devo dire che il modo in cui la Corea del Nord e’ raffigurata nei media borghesi occidentali ci dice in modo molto onesto quanto sia molto piu efficace la nostra propaganda e le nostre tecniche di lavaggio del cervello rispetto ai loro. Il fatto che io abbia anche scritto sulle cose che ho visto e trovato nel paese evidenzia quanto poco sappiamo e comprendiamo della Corea del Nord. I problemi che la Corea affronta non sono mai contestualizzati come dovrebbero, e cioe’ quelli di una nazione oppressa che mira a liberarsi dalla schiavitu delle grandi potenze che cercano in ogni modo di incatenare ogni stato libero rimasto in questo morente mondo unipolare.

Oh, e ho quasi dimenticato di parlare delle armi nucleari! Bene, consideriamo per un momento che l’esercito Nord Coreano effettui esercitazioni militari su base annua in prossimita’ della costa di New York, simulando bombardamenti a tappeto su Manhattan e l’occupazione dell’intero paese, del quale controllano gia’ la meta’ occidentale. Non sarebbe un po comprensibile, dato il contesto, la voglia degli Americani di sviluppare armi nucleari come deterrente? I Coreani non sono affamti i guerra e nemmeno ‘ossessionati” dall’esercito o dai militari. Comunque, visto il modo in cui la situazione si e evoluta in Libia, sono tutti sempre piu convinti (e giustamente) che l’unica ragione per cui il loro stato indipendente continua ad esistere e’ per via dell’esistenza del loro arsenale nucleare. Per essere sicuri, non hanno intenzione di usarlo a meno di essere messi in una condizione in cui siano costretti a farlo.

Il mio desiderio piu sincero e che ci siano in futuro scambi culturali continui tra i Coreani del Nord e i paesi occidentali. Praticamente tutte le persone che sono ritornate con me a Pechino erano stupite di come diversa sia stata la loro esperienza rispetto a cio che si aspettavano.
Tutti, me compreso, abbiamo guadagnato molto dal contatto umanizzante con i nord coreani. Nonostante gli occidentali siano relativamente piu liberi di viaggiare dei nord coreani, trovo ironico di come i Coreani sappiano molto piu loro di noi che noi di loro. Ciò dovra assolutamente cambiare in futuro.

My trip to North Korea: 13 misconceptions corrected

Smontiamo assurdità e luoghi comuni inventati per screditare la Corea del Nord

Quaranta-bufale-sulla-DPRK.png

#1 «I bambini disabili vengono soffocati negli ospedali. Stessa sorte per i ragazzi più grandi: le policy del governo sanciscono che in Pyongyang non possono esserci disabili» disertori anonimi alla Free North Korea Radio, articolo di International Business Times.

«Nel Luglio 2002, il Comitato internazionale della Croce Rossa, in cooperazione con il Ministero della Salute Pubblica e la Croce Rossa della Corea del Nord, ha lanciato un programma di riabilitazione per gli amputati nel nuovo centro protesi di Songrim, a 30 chilometri a sud dalla capitale di Pyongyang.» Comitato internazionale della Croce Rossa, Report Annuale 2003.
Nel 2012 la Corea del Nord ha partecipato alla XIV edizione dei Giochi paralimpici estivi.
Video del Giorno delle persone disabili.

#2 «Corea del Nord: suonare il jazz è un crimine» Global Post.

Si possono trovare facilmente video di musica jazz nordcoreana

#3 Il video “How Americans Live Today” ritrae gli Stati Uniti secondo la propaganda di regime: gli statunitensi sarebbero ridotti a dei senzatetto che vivono in tende, mangiano uccelli per sopravvivere e sono costretti a sciogliere la neve per bere.

Alun Hill, un britannico, diffonde questo video alle maggiori testate mondiali (Huffington Post in primis), non parla una parola di coreano ma dice di aver ricevuto questo materiale dalle agenzie nordcoreane e di averlo tradotto. Qualche ora dopo si scopre tutta la messinscena di Alun Hill, ma è troppo tardi: il video ha fatto il giro del mondo.

#4 Kim Jong-un fa fucilare l’ex fidanzata insieme ad una dozzina di altri personaggi noti per la violazione delle leggi contro la pornografia. Essi hanno girato dei film porno e li hanno venduti al mercato nero. «Musicisti e ballerini della Wangjaesan Light Music Band e Mun Kyong-jin, vincitrice nel 2005 di un concorso internazionale in Ungheria nel 2005 e a capo della Unhasu Orchestra, gruppo di cui faceva parte la cantante Ri Sol-ju prima delle sue nozze con Kim Jong-un”. Arrestati e fucilati 3 giorni dopo per direttissima. Notizia rilasciata dal Chosun Ilbo e diffusa dal Telegraph e le testate di ogni parte del mondo: La StampaCorriere della Sera, Il Fatto Quotidiano e così via

Nessuna prova è stata fornita a sostegno di questa notizia, al punto che una buona metà dei giornali, che avevano inizialmente riportato l’articolo, hanno avuto il buonsenso di rettificare, precisando l’inconsistenza dei dati sui quali si basa l’affermazione del Chosun Ilbo, già smascherato per le frequenti menzogne costruite ad arte sulla Corea del Nord. Toh, l’ex fidanzata di Kim Jong-un è viva

#5 «In Corea del Nord è illegale essere cristiano.» Fox News.

Non è vero, anche da Google Earth è possibile notare la cattedrale cristiana cattolica di Changchung e solo in Pyongyang ci sono altre tre chiese protestanti e una ortodossa russa. Riportiamo che limitata è la presenza dei cristiani nel paese (1,7%) e che in passato il governo si è adoperato per il loro contenimento. Riguardo le altre religioni citiamo i ceondoisti (13,3%) con il loro Partito Ceondoista Chongu e 21 seggi in Parlamento.

#6 Una vigilessa nordcoreana riceve il titolo di Eroina della Repubblica (NdR: il titolo più importante in Corea del Nord, assegnato per meriti in tempo di guerra) per aver spento le fiamme che avvolgevano un poster della propaganda, raffigurante Kim Jong-un. Un disertore anonimo sul Washington Post.

Altre testate ipotizzano che la vigilessa abbia salvato la vita di Kim Jong-un stesso da un complotto di alcuni alti ufficiali. L’unico dato certo è che la vigilessa è stata premiata, per il resto non c’è alcuna prova a sostegno di queste fantasie.

#7 «La Corea del nord sta addestrando delle squadre speciali di kamikaze nucleari. Il Ministro della Difesa Nazionale della Corea del sud, Kim Min Seok, ha detto che gli zaini nucleari sono delle bombe atomiche estremamente piccole ma serve una tecnologia molto avanzata per produrle» di NK News e rilanciata con alcune modifiche a piacere da IndependentFox News e così via

Tutto comincia durante la ventisettesima parata militare in Corea del Nord. Vengono inquadrati dagli obiettivi dei fotografi alcune unità dell’esercito equipaggiate di uno zainetto con il simbolo della radioattività sopra. In realtà sono unità create nel 1986 dall’Unione Sovietica che sono in grado di resistere al fallout radioattivo successivo all’esplosione di una bomba atomica.

#8 «Il sistema sanitario è insufficiente, le strutture sono fatiscenti e subiscono frequenti interruzioni di corrente, sono anche sprovviste di riscaldamento. Il personale medico non viene pagato e molti ospedali funzionano senza medicine. I poveri non avrebbero accesso a medicinali e ad interventi chirurgici. In alcuni casi si deve fare ricorso al baratto per curarsi se non si hanno i soldi necessari.» Amnesty International.

La risposta dell’Organizzazione mondiale della sanità per le Nazioni Unite (WHO):
«Da quello che ho visto posso dirvi che hanno un sistema sanitario che altre nazioni in via di sviluppo invidierebbero» Margaret Chan (2010) – Direttrice generale del WHO.«Amnesty International ha basato le sue dichiarazioni su un piccolo gruppo di persone che ha abbandonato la Corea del Nord nel 2001. Tutto ciò che viene riportato sono i racconti di persone che non sono sul posto. Quanto al pagamento od al baratto per le prestazioni mediche non abbiamo riscontrato casi simili» Paul Garwood – Portavoce del WHO.
Video dell’Ospedale dentistico
Video dell’Ospedale per la maternità
Video della Telemedicina
Video dell’Ospedale per il tumore alla mammella

#9 Shin Dong-Hyuk sarebbe nato in un campo di concentramento in Corea del Nord e sarebbe riuscito ad evadere nel 2005. Blaine Harden scrive il libro “Fuga dal Campo 14”, ormai di fama mondiale, basandosi sulle interviste a Shin, dove viene riportata la terribile storia di come abbia perso la sua famiglia: all’età di sei anni la madre e il fratello gli parlarono di un piano per fuggire dal campo, Shin li denuncia alle guardie in cambio di un po’ di cibo e assiste alla loro uccisione. Corriere della Sera, per esempio.

Il Washington Post ha scritto che Shin Dong-Hyuk ha ammesso di aver alterato alcuni dettagli della sua storia – Blaine Harden, ex giornalista del Washington Post – ha spiegato che Shin ha alterato molte parti del racconto, fra le tante il fatto che i suoi genitori si trovavano in realtà in campi diversi dal suo – falsificando praticamente tutta la trama.
In un post sulla sua pagina Facebook (è stata cancellata), Shin ha spiegato di aver alterato la storia per mantenere un distacco con il suo passato e non essere costretto a rivivere un momento difficile della sua vita. Ha scritto inoltre di essere dispiaciuto per aver mentito e ha aggiunto che probabilmente non aggiornerà più la sua pagina Facebook e non parteciperà più alle campagne per i diritti umani in Corea del Nord.
Nel dubbio però giriamoci un documentario.

#10 Kim Jong-il ha fatto 11 buche consecutive – con un solo colpo – al gioco del golf. Washington Times.

Il Washington Times cita l’International Business Time che cita a sua volta il Mirror che non prova la veridicità della notizia. Bene.

#11 I nordcoreani non hanno il cellulare. Gossip.

Nelle registrazioni video dei turisti sono facilmente individuabili persone con smartphone. Nel 2010 si stimavano 800.000 cellulari in circolo. Nel 2013 il governo ha avviato la produzione e diffusione del primo smartphone nordcoreano. C’è chi dice che tali apparecchi conterrebbero software che permetterebbe al governo di controllare i cittadini. Indovinate? Non ci sono prove nemmeno di questo.

#12 Il governo nordcoreano promuove il traffico di droga al confine con la Cina. Quando quest’ultima ha intensificato i controlli, gli spacciatori nordcoreani si sarebbero riversati sul mercato interno, procurando assuefazione da metanfetamine dal 40% al 50% della popolazione. Questo scrivono sul North Korean Review, giornale pubblicato dall’Istituto per gli studi nordcoreani di Detroit.

L’autore dell’articolo, una volta contattato personalmente, non ha rilasciato informazioni sulle sue fonti – d’altra parte ci chiediamo come questi studiosi avrebbero potuto condurre un’indagine così approfondita in un paese poco incline a farsi osservare dall’esterno – ma basta osservare i dati riportati per realizzare che le cifre sono uniche al mondo e decisamente poco credibili.

#13 «Le statue di Marx e Lenin in piazza Kim Il Sung sono state abbattute.» il Telegraph, citando NK News.

Non ci sono mai state le statue di Marx e Lenin in piazza Kim Il Sung. Il Telegraph riporta la notizia da NK News, alterandone il contenuto e parlando di statue anziché di ritratti. A scanso di equivoci, l’NK News è quello dei kamikaze nucleari di qualche riga sopra.

#14 Ri Sol Ju, moglie di Kim Jong-un, è scomparsa e potrebbe essere stata uccisa. Telegraph.

Nell’articolo, datato Dicembre 2013, si ipotizza che la moglie di Kim Jong-un sia stata messa a morte. Il gioco del Telegraph è sempre lo stesso, dato che nel 2012 scriveva la medesima cosa per essere poi smentito dalla riapparizione di Ri Sol Ju. E infatti, anche questa volta, ricomparirà in pubblico.

#15 «Il Generale Kim Chol è stato ucciso con un colpo di mortaio per aver bevuto del liquore durante il lutto nazionale per la morte di Kim Jong-il» Chosun Ilbo e Yonhap News Agency, rilanciata da Huffington Post, Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Internazionale e così via

Oltre alle due agenzie sudcoreane, già famose per le frequenti e confermate diffamazioni nei confronti della Corea del Nord, non ci sono prove che accertano che questo fatto sia realmente accaduto. Foreign Policy e altre testate dichiareranno poco attendibili queste notizie.

#16 «Il governo nordcoreano ha dichiarato che gli unicorni esistono.» The Guardian.

No, il governo nordcoreano non ha dichiarato che gli unicorni esistono. Frutto di un errore di traduzione dal coreano all’inglese, la KCNA intendeva dire che alcuni archeologi nordcoreani avrebbero scoperto un luogo sacro, una cava chiamata Kiringul, che sarebbe la tana di un animale mitologico a metà fra un orso, un cavallo ed un bovino, chiamato Kirin. Tale animale, sempre nella mitologia coreana, sarebbe stato cavalcato dal Re Dongmyeong intorno alla metà del primo secolo a.C. Il Kirin ha un aspetto diverso nelle rappresentazioni cinesi e in quelle giapponesi.

#17 Nel 2006 la Cina ha inviato treni carichi di aiuti alimentari alla Corea del Nord, tramite la ferrovia. Il governo nordcoreano, una volta scaricati gli aiuti, si è appropriato anche dei treni e di circa 1.800 vagoni, rimandando a casa a piedi i lavoratori cinesi. A quel punto la Cina ha bloccato l’invio dei treni. Financial Times.

La notizia è rimbalzata su molte testate mondiali. Si scoprirà solo un anno dopo il traffico dei treni cinesi rimase invariato rendendo poco credibile la notizia dei treni rubati, come confermato dal Ministero dei Trasporti cinese, notizia che Reuters è costretta a riportare ma con l’aggiunta di un nuovo attore: un – ovviamente anonimo – impiegato di una “compagnia di spedizione” di Dandong, che avrebbe confermato la sospensione del traffico per tutto Settembre.

#18 «Non ci sono prove ma si suppone che Kim Jong-il abbia ucciso suo fratello di 5 anni, Kim Shu-ra, nella piscina della famiglia.» Telegraph.

Viene specificato che non ci sono prove che possano confermare la notizia. Appunto(?).

#19 Nel 1978, il regista Shin Sang-ok e sua moglie, un’attrice, vengono rapiti dal governo nordcoreano per girare film di propaganda come il remake di Godzilla in salsa socialista. Entrambi riuscirono miracolosamente a fuggire, raccontando l’orrore della loro prigionia.

Questa è una storia molto particolare, già le modalità del rapimento in sé sembrano più la trama di un film che qualcosa di vagamente credibile. La prima ad esser stata rapita sarebbe la moglie, ad Hong Kong. Shin, in pena per lei, si sarebbe recato sul luogo della sua scomparsa per indagare, ma venne anch’egli rapito. Trama degna, se non fosse che il regista, che ebbe un grande successo in Corea del sud, con i suoi 300 film, ebbe un brusco calo di popolarità negli anni ’70 a causa delle pesanti censure della dittatura sudcoreana di Park Chung-hee, che fece persino chiudere il suo studio dopo la sua fuga dal paese. Il governo nordcoreano continuerà a dichiarare che Shin Sang-ok si recò volontariamente in Corea del Nord e che venne ben pagato per le sue produzioni cinematografiche. Se fossero stati prigionieri, per quale motivo Kim Jong-il avrebbe permesso alla coppia di viaggiare a Vienna per il festival cinematografico e quindi di fuggire?

#20 «In ogni casa c’è una radio controllata dal governo. E’ possibile soltanto abbassare il volume dell’apparecchio ma non è possibile spegnerlo.» New Zealand Herald.

Vengono riportate alcune foto di radio da muro. Non c’è alcuna prova a sostegno di questa affermazione.

#21 La propaganda governativa sostiene che quando è nato Kim Jong-il una stella si è alzata in cielo, le stagioni sono cambiate ed è apparso un doppio arcobaleno. Inoltre Kim Jong-il non va mai al bagno e ha inventato gli hamburger. Tesi sostenute dal Guardian, per esempio.

Superfluo specificare che l’articolo non dimostra nulla di ciò che sostiene, e che non esiste una singola intervista a un qualsiasi cittadino nordcoreano che dimostri che queste credenze siano radicate nella popolazione.

#22 «In Corea del Nord c’è il cannibalismo. Le famiglie mangiano i propri bambini.» Telegraph.

Nessuna prova di quello che si sostiene, tranne i racconti dei testimoni oculari anonimi come “Mister Lee di 52 anni”. Nell’articolo, Gerald Bourke del WFP [NdR: Programma alimentare mondiale], sottolinea come tali affermazioni siano difficili da verificare.

#23 «Il WFP ha chiesto l’accesso ad alcuni mercati sospetti, dove si venderebbe carne umana. Il governo ha però chiuso quei mercati per “ragioni di sicurezza”.» Telegraph.

E’ impossibile trovare questa dichiarazione del WFP.

#24 C’è un solo presentatore in tutta la televisione nordcoreana. Gossip.

No, ce ne sono svariati e sono presenti in molti video pubblici.

#25 Nella crisi del 2013 la Corea del Nord voleva lanciare missili nucleari contro gli USA. La totalità dei media.

La Corea del Nord ha dichiarato che non verranno tollerate ulteriori esercitazioni militari degli Stati Uniti assieme alle forze sudcoreane, lungo il confine, nelle quali si simula l’invasione di una ipotetica nazione. Inoltre il paese ha firmato il trattato NFU (No First Use), insieme a Cina ed India, il quale sancisce che la Corea del Nord non ricorrerà mai al proprio arsenale nucleare per offendere alcuna nazione estera ma ne farà uso soltanto se attaccata con armi nucleari. Gli Stati Uniti non hanno firmato questo trattato.

#26 Ai funerali di Kim Jong-il le folle che si disperano sono composte da attori pagati dal regime. «Ve lo garantisco […]  sono stati pagati con hamburgers» Bill O’Reilly su Fox News.

Sulla storia degli hamburgers non c’è bisogno di commenti, mentre quello che c’è da sottolineare è che tali comportamenti fanno parte della cultura confuciana coreana e sono presenti anche nei funerali in Corea del Sud.

#27 C’è solo un posto dove ci sono videogiochi in Corea del Nord, è il Bowling di Pyongyang. Gossip.

I videogiochi sono abbastanza diffusi in altre strutture ricreative, nelle abitazioni e ovviamente sugli smartphones.

#28 «Kim Jong-un ha paura dei barbieri, quindi si fa i capelli da solo» International Business Time.

Non ci sono prove che lo dimostrano.

#29 Jong-Chul, fratello maggiore di Kim Jong-un, è stato scartato come successore perché troppo effeminato. Washington Post e così via

Tutta la notizia gira intorno alla dichiarazione “Jong-Chul aveva il cuore caldo di una ragazza” ritrovata in un’autobiografia dello chef di sushi che avrebbe lavorato a stretto contatto con Kim Jong-il. A sostegno di questa affermazione c’è anche il fatto che Jong-Chul è stato “beccato” a un concerto di Eric Clapton. Grandi esempi di giornalismo.

#30 Nel Camp 22 si svolgono test chimici sui prigionieri. Una guardia della prigione, che è fuggita dal paese, denuncia: «Ho visto un’intera famiglia testata con una sostanza chimica soffocante e morire nelle camere a gas: i genitori, un figlio ed una figlia. I primi vomitavano e morivano, ma fino all’ultimo tentarono di salvare i loro figli facendogli la respirazione bocca a bocca» Telegraph.

L’articolo riporta gli studi fatti da 38north. L’articolo di quest’ultimo, che tratta degli esperimenti chimici sui prigionieri, specifica che tale tesi è difficilmente verificabile. Strano, perché su un altro autorevole giornale si diceva che i prigionieri del Camp 22 fossero stati tutti sterminati. Una serie di dati difficilmente verificabili ed in contrasto fra loro. Comunque: nessuna prova.

#31 L’edificio alle spalle della statua di Kim Il Sung e Kim Jong-il sarebbe una struttura blindata, usata dall’organizzazione governativa chiamata Room 39, dove si svolgono una serie di attività illegali come la produzione di denaro falso, vendita di armi o la sintetizzazione ed il traffico della droga. Financial Times.

In realtà quell’edificio è il Museo della Rivoluzione coreana ed è un edificio pubblico, visitabile da cima a fondo. Altre fonti sostengono che la Room 39 si trovi all’interno dell’edificio del Partito dei Lavoratori. Non ci sono prove a sostegno di queste tesi.

#32 «Kim Jong-un sta studiando il Mein Kampf e lo sta diffondendo ai suoi ufficiali per trarne spunti» un disertore anonimo al New Focus International (?) e diffuso dai giornalai di Washington Post, Internazionale e così via

L’accusa viene dal solito disertore che sarebbe ora rifugiato in Cina. Fatto, impossibile da verificare, che ha suscitato molto scalpore nel governo nordcoreano, il quale ha respinto pubblicamente l’accusa e ha minacciato di morte coloro che hanno diffuso tale notizia.
Occorre ricordare che l’influenza sovietica sui testi di storia in Corea del Nord ed il fatto che la Germania nazista fosse alleata con l’Impero giapponese (che ha colonizzato la Corea) significa che i nordcoreani disprezzano la germania nazista, e anche i media nordcoreani spesso comparano la Corea del Sud e i leader statunitensi a Hitler.

#33 Per la prima volta dopo 20 anni, nel 2012, alle donne è permesso andare in bicicletta. Un anonimo al Daily NK.

Video ben precedenti al 2012 mostrano donne in bicicletta. Considerando poi che questo è stato per molti anni il mezzo di locomozione più usato per gran parte della popolazione, la dichiarazione risulta ancora più ridicola. Nel 2013, sempre il Daily NK ha dichiarato, tramite le sue attendibili fonti anonime, che alle donne è stato nuovamente proibito l’uso della bicicletta.

#34 Non ci sono prove, ma l’ABC sostiene che gli atleti nordcoreani che perdono nelle competizioni, vengano espulsi dalle loro organizzazioni sportive ed assegnati ai campi di lavoro. Se addirittura perdono contro rivali come USA e Corea del Sud possono esserci conseguenze peggiori. Huffington Post.

Non ci sono prove che lo dimostrano. Ennesimo articolo fondato sulle dichiarazioni inverificabili dei disertori anonimi.

#35 «Lo zio di Kim [NdR: Jang Song-Thaek, condannato a morte da Kim Jong-un] è stato sbranato vivo dai cani» Corriere della Sera, citando il Wen Wei Po.

I più puntigliosi ricorderanno le esecuzioni inventate di sana pianta come quelle a colpi di mortaio, un facile paragone con questa storia, addirittura più incredibile, sarebbe bastato per minare la credibilità della notizia. Per i più creduloni invece basti sapere che il Wen Wei Po è stato dichiarato dall’Università Cinese fra i peggiori giornali in quanto ad affidabilità (proprio a causa delle sue notizie sensazionalistiche), infatti ha scritto l’articolo basandosi su un post satirico trovato sui social network cinesi.

#36 «Il giovane leader [NdR: Kim Jong-un] avrebbe imposto il suo taglio di capelli a tutta la popolazione maschile: capelli rasati ai lati e il ciuffo sparato in alto» apparso su Ansa, sulla BBC o in forma alterata su Il Fatto Quotidiano, citando come fonte Radio Free Asia.

Radio Free Asia, finanziata dagli Stati Uniti, fa innanzitutto riferimento agli studenti e non a tutta la popolazione, e cita a sua volta la RFA’s Korean Service, la quale avrebbe raccolto le testimonianze – ovviamente anonime – dello scontento fra i ragazzi per questa imposizione del governo.
Fatta questa precisazione, si è sollevato il coro degli scettici, primo fra tutti il Washington Post, il quale ha riportato le testimonianze di persone sul posto che non hanno notato il taglio coatto dei capelli.
Andray Abrahamian, Direttore Esecutivo del Choson Exchange: “Tutti avevano un taglio di capelli particolare nell’ultima settimana […] penso che possiamo aggiungerla alla lunga lista delle storie ridicole sulla Corea del Nord”.

#37 «Un lanciafiamme è stato utilizzato per giustiziare l’ufficiale leale a Jang Song-Thaek» Telegraph.

La fonte è sempre il Chosun Ilbo, il Telegraph sostiene che la notizia debba ancora essere confermata ma nel dubbio meglio correre a pubblicare l’articolo.

#38 «Hanno raccontato agli appassionati di calcio della Corea del Nord che la loro squadra giocherà contro il Portogallo in finale dei Mondiali» Mirror.

Il video, che mostra i telegiornali nordcoreani annunciare la finale del mondiale per la loro nazionale, è un fake.

#39 «Kim Jong-un non riesce più a fare a meno dell’Emmental: salute a rischio. Il dittatore della Corea del Nord, nelle sue ultime uscire, è apparso molto appesantito. E gira voce che la sua irrefrenabile passione per il formaggio svizzero gli stia causando seri problemi. Una passione irrefrenabile, nata quando, da ragazzino, studiava in Europa. E che ora potrebbe costargli molto cara. Kim Jong-Un non riuscirebbe a fare a meno dell’Emmental e ne starebbe mangiando così tanto da accusare problemi di salute. Il dittatore nordcoreano, nelle ultime uscite, è apparso decisamente fuori forma e alcuni tabloid inglesi e statunitensi ipotizzano una vera e propria dipendenza dal formaggio svizzero. “Vuole somigliare a suo nonno” – Intervistato dal Mirror, il dissidente Cho Myung-Chul ipotizza però vi sia un’altra ragione dietro alle abbuffate di formaggio del paffuto dittatore.» TGCOM24.

Tutto sommato credibile.

#40 «La finale di calcio dei giochi Asiatici 2014 è stato il più duro dei derby: La dittatura di Pyongyang contro la democrazia di Seul. Vince quest’ultima. Una sconfitta tremenda per il Nord, che avrebbe risposto come la peggiore delle democrazie: subito dopo la sconfitta, le guardie del regime di Kim Jong-un, hanno caricato su un pullman tutti i giocatori e lo staff della nazionale, e da quel momento non si hanno più notizie sulla sorte dei giocatori e dell’intero gruppo. Secondo quanto rivelano fonti autorevoli della stampa locale, la nazionale sarebbe stata spedita nel braccio della morte di un carcere di massima sicurezza. Il terribile sospetto, che assomiglia sinistramente a una certezza, è che l’intera nazionale sia stata condannata a morte. Per altro il Rodong Sinmum, organo del comitato centrale e maggiore quotidiano nazionale, dopo la sconfitta ha pubblicato in prima pagina una fotografia della squadra e in calce il commento: “Gli uomini che ci hanno rovinato”. Nel commento si parlava della necessità di una pena esemplare, che a Pyongyang significa pena di morte, esecuzione in pubblica piazza. Già dopo i Mondiali del 2010 la Fifa appurò che i giocatori, “colpevoli” per aver perso tutte e tre le partite, dopo il torneo subirono crudeli torture dagli aguzzini del regime comunista.» LiberoQuotidiano.

Altre congetture mai provate sulle punizioni inflitte agli sportivi. Inoltre la notizia dei Mondiali 2010 era stata diffusa dal National Report, giornale satirico.

Voxkomm