LA POLONIA NON ESISTE

La Polonia è di chi se la piglia. Non esiste stato, tra tutti quelli che possano vantare una storia millenaria, che, in rapporto agli anni vissuti, abbia avuto più periodi di sottomissione che periodi in cui i propri sudditi potessero girare per strada senza che qualche barbaro gli intimasse il tipo di mutande portare.

A volte capitava che, nel mentre festeggiassero l’indipendenza e la libertà dall’oppressione di un paese a caso, un altro stesse valicando i loro confini. Non a caso, l’utilizzo migliore che si possa fare dei polacchi, senza arrecargli danno, è quello di considerarli uno stato cuscinetto, una virgola sulla cartina. E, da qui, l’illuminazione: la Polonia non esiste. Un po’ come il Molise (voi avete mai sentito qualche amico uscirsene con “eh, sono stato in vacanza in Molise, che posto magnifico!”. E non a caso mio zio dice ancora “Gli Abruzzi”, perchè quella parola proprio non riusciva a dirla).

La Polonia è uno stato mentale (il Molise è lo stato mentale di chi non ha sogni), è un luogo che tutti possono raggiungere ma che quando raggiungono si pentono di averlo fatto perchè non sanno che farsene. E’ come l’Australia a Risiko, la conquisti con un solo tiro inculato di dadi, non ti serve a nulla, ma ad ogni giro ti porta un paio di armate in più. Per dire, Napoleone che se ne faceva della Polonia? Nulla. Gli serviva un passaggio per andare in Russia, cioè, come le due armate dell’Australia.

La Polonia serve a far sentire grandi chiunque, serve alla propria autostima, come quando stai in un bar circondato da splendide ragazze, ma sai che gli USA non te li farai mai, che la Germania è meglio perderla che trovarla perchè poi sarà una stronza che ti rovinerà la vita e la Francia, beh, che figa la Francia, ma ha la puzza sotto il naso, figurati se sta con un pezzente come te. Poi la vedi lì, la Polonia! Certo, non sarà la più bella del locale, non sarà quella più ambita, ma c’è comunque di peggio. C’è l’Albania. C’è il Molise.

E allora ti butti, perchè sai che comunque, due moine, una battuta facile e porti a casa Danzica. E subito ti senti invincibile – di contro, le polacche, sono tra le donne più fiche del pianeta, proprio per poter avere un senso in termini di esportazione

La Polonia è di chi se la piglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...